Hezbollah si prende gioco di Israele. Rivelate strutture militari protette

Hezbollah si prende gioco di Israele. Rivelate strutture militari protette

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In mezzo alle crescenti tensioni, Hezbollah ha trasmesso per la prima volta un video dei centri militari del regime israeliano nei territori occupati.

Il movimento di resistenza islamica libanese (Hezbollah) ha diffuso ieri un video delle strutture israeliane nella Palestina occupata in cui ironizza sulle minacce fatte rispettivamente dal primo ministro e dal capo di stato maggiore dell'esercito israeliano, Benjamin Netanyahu e Aviv Kochavi.

La registrazione di due minuti, pubblicata dal portale  Elam al-Harbi e rilanciata dall'emittente iraniana in lingua spagnola HispanTV, mostra innanzitutto come Netanyahu e Kochavi minacciano di attaccare obiettivi civili; poi vengono diffuse immagini degli obiettivi militari di questo regime, che possono essere considerate come un monito.

 

LEGGI: Falsi storici Chi ha scatenato la Seconda guerra mondiale? a cura di Fabrizio Poggi; Prefazione di Andre Vltchek

 

 

Il video, intitolato "Oh sionisti ... avete obiettivi militari e di sicurezza nelle vostre città", è stato reso virale sui social network da attivisti libanesi con l'hashtag "quello che il vostro regime non ha affrontato".

In effetti, è così che hanno fatto riferimento alle dichiarazioni del segretario generale di Hezbollah Seyed Hasan Nasrallah, che martedì scorsoha avvertito che, in qualsiasi futura guerra con il Libano, il regime di Tel Aviv vivrà "ciò che non ha vissuto dalla sua creazione".

 

“Dico al capo di stato maggiore israeliano che […] se attaccano le nostre città, risponderemo. Allo stesso modo, se attaccano i nostri villaggi, bombarderemo le loro colonie ”, aveva avvertito Nasrallah, rispondendo a Kochavi, che lo scorso gennaio ha minacciato di attaccare le case dei civili in un futuro scontro con il Libano. Capacità missilistica di Hezbollah e paure di Israele.

Diversi funzionari israeliani hanno messo in guardia sull'elevata capacità militare di Hezbollah, esprimendo la loro paura dello scoppio di una nuova guerra e, quindi, hanno chiesto al regime di Tel Aviv di non intensificare le tensioni con il movimento. In un rapporto pubblicato lo scorso dicembre dal Jerusalem Post, l'esperto israeliano di affari militari Eli Bar-On ha rivelato che Hezbollah può lanciare fino a 4.000 missili al giorno, un'alta capacità militare che, secondo Nasrallah, ha costretto Israele a cambiare la sua "offensiva". posizione sulla difensiva ".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti