/ Hong Kong: diminuiscono i manifestanti violenti ma sono più balda...

Hong Kong: diminuiscono i manifestanti violenti ma sono più baldanzosi. La città ha bisogno di uguaglianza

 


Global Times
 

Il numero di persone che hanno partecipato alle proteste radicali di Hong Kong è notevolmente diminuito. Tuttavia, pochi manifestanti violenti agiscono ancora in modo baldanzoso. Poiché Hong Kong è al crocevia del peggioramento della situazione o del ripristino dell'ordine, vi è un maggiore confronto tra persone con posizioni diverse. La voce contro la violenza è diventata più forte, ma anche coloro che alzano le bandiere statunitensi e britanniche mostrano meno scrupoli.

 

Con il sostegno del governo centrale, sia il governo della Regione amministrativa speciale di Hong Kong che la polizia di Hong Kong hanno mostrato una maggiore capacità di controllare la situazione. Ma è ancora difficile ripristinare l'ordine a Hong Kong, ricostruire l'autorità dello stato di diritto e unire la maggior parte dei cittadini di Hong Kong.

 

Hong Kong è un territorio doganale separato e adotta il capitalismo. È aperto alla società occidentale. Se gli Stati Uniti volessero infiltrarsi in Cina, Hong Kong sarebbe il modo più semplice. A causa della sensibilità del principio "un paese, due sistemi", potrebbe non essere una questione seria se agenti speciali nordamericani o britannici entrassero a Hong Kong e si impegnassero persino in attività. Tuttavia, se la polizia della terraferma collaborerà con la polizia di Hong Kong, alcune persone faranno grandi storie. Ciò dimostra quanto sia radicale e complicata l'attuale opinione pubblica.

 

Hong Kong è destinata ad essere caotica? Sicuramente no. Anche se alcuni ad Hong Kong vogliono danni da tutte le parti, la maggior parte degli Hongkongers non è d'accordo. Il caos a lungo termine non è in linea con gli interessi della maggior parte dei cittadini di Hong Kong. Che questi cittadini abbiano il riconoscimento nazionale come cinesi o posseggano passaporti dai paesi occidentali, preferirebbero la prosperità e la stabilità di Hong Kong perché i loro interessi sono collegati alla città.

 

Ad agosto, la CBC News ha riferito che ci sono oltre 300.000 canadesi a Hong Kong.

Il Wall Street Journal ha riferito a luglio che ci sono circa 80.000 statunitensi in città. Ci sono ancora più Hongkongers in possesso di passaporti britannici all'estero, ma questi detentori sono ancora diversi dal popolo britannico.

 

La maggior parte di coloro che detengono passaporti statunitensi, britannici o canadesi a Hong Kong si sono stabiliti a Hong Kong. O non hanno altro posto dove andare, o incontrano difficoltà a tornare negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Canada. Godono di benessere e libertà a Hong Kong, e sarebbe meglio se la situazione di Hong Kong rimanesse buona. In effetti, i loro valori sono in linea con le società statunitensi, britanniche e canadesi, ma ciò non significa che rimarranno con questi paesi se questi paesi vogliono rovinare Hong Kong.

 

Stando così le cose, gli Hongkongers che non possiedono passaporti occidentali dovrebbero avere maggiori ragioni per sostenere una Hong Kong ordinata.

 

La società di Hong Kong ha una struttura interna complicata e affronta vari fattori esterni che disturbano la società. Per mantenere la sua armonia, tutte le classi e i gruppi di Hong Kong devono avere forti interessi comuni. Hong Kong ha bisogno di prosperità e devono esserci percorsi per tutti in tale prosperità. Hong Kong ha bisogno di nobiltà d’animo per affrontare il mondo e dell'uguaglianza per provvedere agli strati inferiori della società. In questo modo, ci sarebbe meno divisione in città.

 

Hong Kong dovrebbe ripristinare la stabilità il prima possibile sulla base della Legge fondamentale. La politica di Hong Kong è stata deviata. Alcune forze considerano la politica di Hong Kong come la politica di un paese. Queste forze sono destinate a fallire.

 

Hong Kong ha un ampio spazio per la distribuzione degli utili e la diversità culturale, purché la città sia politicamente stabile. Fare tesoro dello Stato di diritto di Hong Kong è fare tesoro del futuro di Hong Kong.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa