I media europei sono caduti nella trappola della narrativa statunitense. Intervista a Michael Luders

I media europei sono caduti nella trappola della narrativa statunitense. Intervista a Michael Luders

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Spesso ci si domanda il perché l'Unione europea rifiuti una cooperazione vantaggiosa per tutti con la Cina?

Una spiegazione può essere trovata nell'adesione acritica alla Guerra Fredda 2.0 dichiarata dall’amministrazione Biden contro Pechino. 

C'è una fazione intransigente all'interno dell'UE che rifiuta legami economici e politici più stretti con la Cina. I responsabili politici dell'UE generalmente credono che gli Stati Uniti, in quanto partner della NATO, siano qualcosa su cui devono fare necessariamente affidamento.

Con un'opinione pubblica quasi incapace di reagire e spingere affinché i propri governi non si lascino trasportare dalle sirene guerrafondaie, perché come spiega il professor Michael Luders al quotidiano Global Times: “Ci sono molti mezzi con cui gli USA possono influenzare l'opinione pubblica europea. Il modo più efficace è dividere il mondo in "bravi ragazzi" e "cattivi". Ancora più importante, gli Stati Uniti hanno bollato i loro rivali politici ed economici, Russia e Cina, come i "cattivi". Qualunque cosa la leadership politica faccia o non faccia, viene sempre interpretata come sbagliata e una minaccia alla libertà e alla democrazia.

Di conseguenza, la copertura obiettiva della Cina o della Russia da parte dei media occidentali è molto rara. Ad esempio, vedono la Belt and Road Initiative (BRI) come un tentativo della Cina di indebolire e infiltrarsi in Occidente. La Cina è vista principalmente come una “minaccia” piuttosto che come un partner economico o politico”.

Il professor Michael Luders, tedesco, è autore del libro Die scheinheilige Supermacht: Warum wir aus dem Schatten der USA heraustreten müssen (o La superpotenza ipocrita: perché dobbiamo uscire dall'ombra degli Stati Uniti), presentato in conferenza stampa dal portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying. 

Il libro, scrive il quotidiano Global Times, sottolinea che l'adesione ai cosiddetti valori “americani” è solo una faccia della medaglia; l'altro lato è la brutale politica di potere. Dalla seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno rovesciato molti governi progressisti senza scrupoli morali. Il libro utilizza anche numerosi esempi per esporre in profondità come gli Stati Uniti manipolano l'opinione pubblica mondiale attraverso i media e le istituzioni, mentre i media europei sono incorporati nel discorso egemonico statunitense e hanno perso la capacità di pensare in modo indipendente.

Nell’intervista al professore tedesco il quotidiano Global Times chiede il perché gli Stati Uniti siano stati definiti ipocriti nel suo libro. 

“Gli Stati Uniti sono una potenza mondiale che afferma di agire in nome della libertà, della democrazia e dei diritti umani, ma c'è un ampio divario tra ideale e realtà. Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno dimostrato che in ogni continente la loro pretesa di potere era contro la volontà della popolazione locale. In America Latina, Washington ha sostenuto le dittature militari di estrema destra. In Indonesia, nel 1965, ci fu un colpo di stato militare contro il presidente socialista Sukarno. Più tardi, sotto la guida del suo successore, molti oppositori di sinistra furono uccisi. L'11 settembre 1973 in Cile avvenne un colpo di Stato contro il presidente di sinistra Salvador Allende. Gli Stati Uniti hanno sostenuto attivamente questi eventi dietro le quinte.

Gli Stati Uniti sono ipocriti perché mentre citano sempre valori più alti, in realtà perseguono un tipo di politica di potere che è dura e a sangue freddo. Si sta manipolando il riferimento a "valori più alti". Ad esempio, il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati europei si sono lamentati del trattamento riservato dal governo russo al dissidente Alexei Navalny. Nel frattempo, Washington perseguita incessantemente whistleblowers come Edward Snowden o Julian Assange. Sarebbe ipocrita per gli Stati Uniti oggi chiedere "diritti umani" alla Russia o alla Cina, piuttosto che ai suoi alleati. Gli Stati Uniti misurano gli altri paesi solo con due standard diversi: i buoni, l'Occidente e i suoi alleati; e i cattivi, Russia e Cina, i rivali geopolitici dell'Occidente”.

E i media? Perché seguono ciecamente gli Stati Uniti in una sorta di crociata anti-cinese? “Gli Stati Uniti sono una potenza mondiale in declino e la Cina è una potenza mondiale in ascesa. La politica estera statunitense ha perseguito soprattutto questo obiettivo, ovvero mettere Cina e Russia sotto pressione economica, politica e militare per mantenere l'egemonia statunitense. Questo non è dichiarato pubblicamente, ma influenza le azioni di Washington. Gli Stati Uniti vogliono che i loro alleati europei si uniscano alle loro azioni. La loro retorica ufficiale è che la democrazia deve opporsi all'autoritarismo.

La maggior parte dei media negli Stati Uniti e in Europa segue questa logica di confronto. Tuttavia, i sondaggi mostrano che la maggioranza dei tedeschi e degli europei non è d'accordo. Vogliono che l'Europa prenda una posizione neutrale e abbia buoni rapporti con gli Stati Uniti e la Cina”.

Quindi “non raccomando all’UE di seguire la linea di confronto degli Stati Uniti con la Cina. L'UE ha un legittimo interesse a mantenere buone relazioni con la Cina a tutti i livelli.

Il mondo non ha bisogno di una nuova guerra fredda. Questo secolo sarà il secolo della Cina ed è ingenuo che i rappresentanti politici di 440 milioni di europei pensino di poter scrivere le regole del gioco per un'economia emergente di 1,4 miliardi di persone. La politica costruttiva e la diplomazia iniziano con la parità di trattamento. L'era dell'"uomo bianco" sta volgendo al termine. Forse la Cina ha dei difetti, così come gli sviluppi politici negli Stati Uniti e nell'UE hanno anche dei difetti, ma gridare in piazza non risolverà il problema”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti