Il Nicaragua all'ONU esprime il proprio sostegno alla Russia in lotta contro le "politiche neonaziste"

Il Nicaragua all'ONU esprime il proprio sostegno alla Russia in lotta contro le "politiche neonaziste"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Nicaragua ha espresso il suo sostegno incondizionato alla Russia nella lotta contro "le politiche neonaziste che hanno causato milioni di morti", ha dichiarato il Ministro degli Esteri Denis Moncada alla 78esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Ha inoltre affrontato le questioni delle sanzioni illegali degli Stati Uniti, delle iniziative dei BRICS e della guerra civile del 1986.

"La nostra forza solidale e combattiva con le eroiche lotte condotte dalla Federazione Russa per la pace e la sicurezza, per un mondo che dobbiamo tutti difendere dalle crescenti minacce degli imperi e delle loro politiche neonaziste, dei loro emblemi e contenuti fascisti, che cercano di riportarci alla perversione delle guerre espansionistiche e di dominio, che hanno lasciato milioni di morti e famiglie devastate in tutto il mondo", ha affermato Denis Moncada, leggendo un messaggio del presidente Daniel Ortega.

Nelle sue parole, l'aiuto del suo Paese alla Russia "è invariabile e un'alleanza umana ineludibile". Il messaggio ha sottolineato il sostegno "solidale e combattente" dello Stato centroamericano alle "eroiche lotte condotte dalla Federazione Russa" per la pace e la solidarietà.

Il ministro ha affermato che il pianeta sta vivendo "l'estinzione del modello imperialista", tuttavia ha denunciato la "politica di guerra devastante”, le forme di "barbarie" e l'"ondata migratoria" che il colonialismo sta provocando nel mondo.

Moncada ha sottolineato che il Nicaragua ha espresso la sua solidarietà con le nazioni che resistono alle politiche di aggressione egemonica guidate dall'Occidente e ha osservato che l'iniziativa dei BRICS è una speranza per il multilateralismo del mondo.

"Guardiamo con speranza al recente incontro e all'espansione dei BRICS, che oggi con Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica, più Argentina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Etiopia e Iran, rappresentano nuove forze e punti di forza per le lotte per la nostra sovranità economica e finanziaria, come popoli liberi e capaci", ha affermato il ministro degli Esteri.

Il governo del Nicaragua ha poi ribadito il proprio rifiuto verso la politica delle sanzioni imposte dall'Occidente ad altre nazioni come una "forma di guerra" che punta a destabilizzare e mettere in ginocchio il Paese centroamericano. Anche se i risultati sono praticamente nulli perché Managua, così come Caracas e L’Avana eroicamente resiste alle sanzioni imperiali. 

“Ci uniamo anche all'appello di tutti i popoli e Paesi che hanno parlato da questa sala per denunciare le politiche aggressive, interferenti, arbitrarie e ingiuste, le cui misure coercitive e unilaterali non solo sono illegali e illegittime, ma costituiscono anche una forma di guerra che destabilizza, distrugge e impone cambiamenti di governo", ha affermato il ministro Moncada.

Nelle sue parole, le aggressioni che con arroganza e superbia chiamano sanzioni "non ci intimidiscono, né ci disarmano, né ci fanno piegare, né ci inducono a svenderci o ad arrenderci. Non conosciamo la parola resa”.

Il Nicaragua ha chiesto ancora una volta il rispetto del mandato della Corte Internazionale di Giustizia

Il Nicaragua ha chiesto ancora una volta in seno all’ONU che venga rispettata la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia (CIG), che nel 1986 ha condannato gli Stati Uniti a risarcire il Paese centroamericano per i costi della guerra civile (la cosiddetta guerra dei Contras), finanziata da Washington, ha indicato il ministro degli Esteri.

"Da questo podio della 78ª Assemblea Generale, chiediamo che le Nazioni Unite applichino il mandato della Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia, che nel 1986 ha condannato gli Stati Uniti a riconoscere al Nicaragua, almeno in parte, i costi della distruzione, dell'aggressione permanente, del dolore e della sofferenza di centinaia di migliaia di famiglie durante la guerra folle e revanscista imposta al nostro Paese e al nostro popolo, in quella che è stata chiamata la controrivoluzione", ha affermato il diplomatico.

L'ICJ ha stimato in 17 miliardi di dollari i danni causati al Nicaragua dal conflitto, in termini di distruzione di infrastrutture (ponti, torri di trasmissione dell'elettricità, dighe, centri sanitari ed educativi e produzione agricola) e di conseguenze economiche.

“Con questo non recupereremo le vite perse (...), ma almeno l'infrastruttura economica, sociale e produttiva sarà ricostruita per tutti i nicaraguensi", ha affermato Moncada.

L’intervento del Nicaragua all'Assemblea Generale ha sottolineato la sua solidarietà con i processi politici che stanno vivendo i popoli e i governi di Palestina, Siria, Eritrea, Cuba, Venezuela, Bolivia, Argentina, Bielorussia e Iran, tra gli altri.

Incontri bilaterali alle Nazioni Unite

Prima del suo intervento all’Assemblea, nei giorni scorsi il capo della diplomazia nicaraguense ha avuto incontri bilaterali con il vice primo ministro della Repubblica Democratica del Laos, Saleumxay Kommasith; con il ministro degli Esteri del Venezuela, Yván Gil; con il vice ministro degli Esteri della Siria, Bassam Sabbagh; e con il vice ministro degli Esteri e ministro dell'Ufficio del primo ministro di Singapore, Mohamad Maliki Bin Osman.

Ha inoltre incontrato i ministri degli Esteri di Russia, Sergey Lavrov, Bolivia, Rogelio Mayta, Iran, Hossein Amir-Abdollahian, e Filippine, Enrique Manalo.

Moncada ha anche partecipato alla 23ª riunione del Consiglio politico dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America - Trattato di Commercio dei Popoli o ALBA-TCP, che si è tenuta a New York, presso la sede della Missione permanente del Venezuela presso le Nazioni Unite.

Ha inoltre partecipato alla quarta riunione ministeriale del Gruppo di Amici in Difesa della Carta delle Nazioni Unite, un gruppo che riunisce venti Stati attorno all'impegno comune per gli obiettivi e i principi del documento fondante dell'organizzazione.

Era presente anche alla 47esima riunione annuale dei ministri degli Esteri del Gruppo G77+Cina, dove la Repubblica dell'Uganda è stata eletta alla presidenza del gruppo per il 2024, come riporta il sito web Nicaragua Sandino.

"Con un programma enorme, renderemo noti ogni giorno gli incontri che stiamo tenendo, scambiando con Paesi e popoli fratelli nella comprensione, nel desiderio e nell'impegno di creare il nuovo mondo che tutti vogliamo", ha affermato nella giornata di lunedì Moncada, riferendosi agli incontri nell'ambito dell'Assemblea delle Nazioni Unite.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti