Il "ruolo dell'Iran". Come il Wall Street Journal (e i neocon) lavorano per l'allargamento del conflitto

Il "ruolo dell'Iran". Come il Wall Street Journal (e i neocon) lavorano per l'allargamento del conflitto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Ufficiali del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) iraniane hanno collaborato con Hamas a partire da agosto e hanno contribuito a pianificare l'attacco contro Israele". L'attacco è stato infine approvato il 2 ottobre a Beirut. Questo è quanto scritto dal Wall Street Journal, che cita alti membri di Hamas e Hezbollah. 

Nel corso di diversi incontri a Beirut, sono stati chiariti i piani e i dettagli dell'operazione, hanno riferito le fonti al WSJ. A questi incontri hanno partecipato ufficiali dell'IRGC e rappresentanti di quattro gruppi militanti sostenuti dall'Iran. Un funzionario europeo e un consigliere del governo siriano hanno confermato il coinvolgimento iraniano nella preparazione dell’attacco contro Israele. Il piano dell'IRGC è quello di minacciare Israele da tutti i lati: Hezbollah e il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina nel nord, la Jihad islamica palestinese (un'organizzazione vietata in Russia) e Hamas a Gaza e in Cisgiordania, hanno dichiarato al giornale alti membri di Hamas e Hezbollah e un funzionario iraniano.

Hamas ha invitato i palestinesi in Cisgiordania e i palestinesi in Israele a prendere le armi e a unirsi alla lotta. Ci sono stati scontri limitati in Cisgiordania, ma non ci sono state segnalazioni di scontri tra arabi ed ebrei all'interno di Israele, ha osservato il WSJ. Interrogato sugli incontri a Beirut, il portavoce di Hamas Mahmoud Mirdawi ha dichiarato che il gruppo ha pianificato gli attacchi in modo indipendente. "Questa è una decisione dei palestinesi e di Hamas", ha detto Mirdawi. La delegazione iraniana alle Nazioni Unite a New York non ha risposto a una richiesta di commento. La guida suprema iraniana, l'ayatollah Ali Khamenei, ha elogiato gli attacchi, affermando in un post sul sito di social network X (ex Twitter) che "il regime sionista sarà distrutto dalle mani del popolo palestinese e delle forze di resistenza in tutta la regione".

Gli sforzi dell'Iran per unire le fazioni palestinesi sono stati coordinati da Ismail Qaani, leader dell'unità militare internazionale dell'IRGC. Ha iniziato questo lavoro ad aprile in Libano, la prima volta che Hamas ha iniziato a lavorare più strettamente con Hezbollah. I rappresentanti delle quattro fazioni si sono incontrati quindicinalmente in Libano da agosto per discutere dell'attacco a Israele e di ciò che accadrà in seguito. Qaani ha partecipato ad alcuni incontri e il Ministro degli Esteri iraniano avrebbe partecipato ad almeno due riunioni. 

Insomma, appare evidente il tentativo neoconservatore di trascinare l’Iran nel conflitto con il sostegno del Wall Street Journal. 

Un tentativo che si collega anche con l’ossessione storica di Netanyahu che sarebbe deciso a trascinare gli Stati Uniti in una guerra con l’Iran per distruggere la Repubblica Islamica, secondo quanto afferma Al Jazeera. Così l’aggravarsi del conflitto israelo-palestinese sarebbe utilizzato dal primo ministro israeliano per portare gli Stati Uniti nell’ennesima avventura militare. 

Tuttavia, permangono dei dubbi sul reale coinvolgimento di Teheran nell’azione di Hamas. 

Un autore israeliano, Yossi Melman, afferma che “il portavoce dell'IDF, il generale di brigata Danny Hagari, ha dichiarato che non vi è alcuna indicazione di un coinvolgimento iraniano nella guerra di Gaza”.

Anche l’amministrazione Biden, con Blinken, sembra non voler puntare il dito contro l’Iran. Alla domanda se Hamas possa aver agito in collaborazione con l'Iran per disturbare gli sforzi di mediazione per un accordo con l'Arabia Saudita, Blinken ha detto che "potrebbe essere stata una parte della motivazione". Chi si oppone alla normalizzazione? Hamas, Hezbollah, Iran".

Ma, ha aggiunto, "non abbiamo ancora visto prove che l'Iran abbia diretto o sia dietro questo particolare attacco".

Altro punto che desta più qualche dubbio circa le rivelazioni del Wall Street Journal è la partecipazione del ministro degli Esteri iraniano Amir-Abdollahian ad almeno due degli incontri organizzativi dell’offensiva di Hamas contro Israele. 

Tuttavia, questa affermazione solleva dei dubbi sulla sua credibilità. Amir-Abdollahian è un diplomatico professionista, non un funzionario della sicurezza. Sebbene sia stato profondamente coinvolto in questioni politiche riguardanti la Palestina, è improbabile che sia stato coinvolto in una pianificazione operativa top-secret. 

Come improbabili appaiono gli incontri bisettimanali tra Qaani, Nasrallah e altri leader di alto livello della resistenza. Ogni incontro di questo tipo sarebbe un incubo per la sicurezza.

La pianificazione della recente operazione di Hamas deve aver richiesto anni, non solo i pochi mesi trascorsi da agosto. Sebbene il WSJ lasci intendere che vi sia un coordinamento operativo tra i vari gruppi di resistenza, la vera cooperazione è a un livello molto più strategico.

Quanto affermato dal Wall Street Journal viene infine pesantemente messo in discussione dal giornalista Andrew MacGregor Marshall che su X scrive: “Il giornalista principale di questa storia, @summer_said, ha una storia di disonestà e invenzione di storie. L'ho licenziato dalla Reuters nel 2008 per questo motivo. Sono sorpreso che il @WSJ l’abbia assunto e stia pubblicando le sue storie che sono chiaramente fasulle”.

Dunque ,ci sono dubbi importanti riguardo alle affermazioni sul coinvolgimento dell'Iran nell'attacco di Hamas contro Israele. Sebbene le fonti citate dal Wall Street Journal sostengano che ci sia stata una collaborazione tra le Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane (IRGC) e Hamas, è importante prendere in considerazione alcune i forti dubbi che emergono dalla narrazione.

In primo luogo, le affermazioni di coinvolgimento iraniano provengono da fonti anonime e potrebbero essere soggette a interpretazioni politiche. L'Iran è da tempo accusato dagli Stati Uniti e da Israele di sostenere gruppi militanti nella regione, ma queste affermazioni richiedono prove concrete e verificabili.

In secondo luogo, la partecipazione del ministro degli Esteri iraniano Amir-Abdollahian agli incontri organizzativi dell'offensiva di Hamas solleva domande sulla credibilità di tali affermazioni. Come diplomatico, è improbabile che il ministro degli Esteri fosse coinvolto in dettagli operativi di un attacco militante. Inoltre, gli incontri tra leader di alto livello della resistenza sarebbero difficili da mantenere segreti.

Infine, la mancanza di prove dirette del coinvolgimento iraniano, sia da parte dell'amministrazione Biden che da parte di altre fonti, aggiunge ulteriori dubbi sulla veridicità delle affermazioni.

In ogni conflitto complesso come quello tra Israele e Palestina, è importante valutare attentamente le fonti e considerare tutte le prospettive prima di trarre conclusioni definitive. Soprattutto quando abbiamo alcune forze, come i neoconservatori statunitensi e l’élite al potere in Israele, che convergono sullo stesso obiettivo di utilizzare questo conflitto come giustificazione per lanciare un attacco contro l’Iran e quindi gettare definitivamente nel caos e nella distruzione il Medio Oriente. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti