Il Venezuela denuncia che la Guyana e la Corte Internazionale di Giustizia cercano di fermare il referendum per l'Essequibo

Il Venezuela denuncia che la Guyana e la Corte Internazionale di Giustizia cercano di fermare il referendum per l'Essequibo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Continuano le manovre imperialiste congiunte di Guyana, Stati Uniti e multinazionali come Exxon Mobil per cercare di fermare il referendum indetto dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela per far esprimere il popolo venezuelano sulla questione dell’Essequibo. In ogni caso Caracas va avanti ed è pronta celebrare una grande giornata democratica. 

A proposito delle manovre per ostacolare il referendum la Camera Costituzionale della Corte Suprema di Giustizia avverte dell’esistenza di una minaccia imminente da parte della Guyana e della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) di cercare di “prevenire o ostacolare il referendum consultivo convocato sovranamente e legittimamente nella Repubblica Bolivariana di Venezuela su iniziativa dell’Assemblea Nazionale”. 

Tale considerazione è stata espressa nella sentenza 1.470 redatta congiuntamente dai cinque giudici della Camera Costituzionale. Questa sentenza è la risposta all'appello di protezione presentato dall'Assemblea nazionale per garantire il diritto alla partecipazione politica dei venezuelani il 3 dicembre. 

La sentenza è stata presentata in seguito al documento presentato il 15 novembre dalla giunta direttiva del Potere Legislativo in cui chiede alla Camera Costituzionale di emettere una sentenza che risponda “categoricamente alle richieste grossolane e irrispettose delle autorità della Guyana di abrogare il legittimo Referendum consultivo per la difesa della Guayana Esequiba, attraverso richieste espresse alla Corte Internazionale di Giustizia”. 

Per rispondere a questa richiesta, i magistrati hanno effettuato un'analisi dettagliata di come le diverse costituzioni del Paese abbiano chiarito che il territorio dell’Essequibo fa parte del Venezuela. Questa tradizione di difesa dell’Essequibo è presente anche nell'attuale Costituzione Bolivariana, affermano i magistrati che chiariscono che tale “tutela costituzionale, giuridica e giurisprudenziale che si è sviluppata a partire dal 1999, in relazione alla sovranità e all'integrità territoriale, non costituisce un episodio isolato". Al contrario, si affronta “una vera reazione istituzionale, come risultato dei conflitti storici della Nazione, contro la pretesa di centri di potere fattuali ed estranei che rispondono a correnti ideologiche che tendono a raggiungere la riproduzione di rapporti di potere e di subordinazione. nell'attuale contesto mondiale della globalizzazione e che in alcuni casi cercano di ignorare i diritti della Repubblica Bolivariana del Venezuela". 

Sulla base di queste considerazioni, la Camera Costituzionale ha ribadito che la Costituzione “impone che i diversi poteri attribuiti tra gli organi del potere esecutivo, legislativo, giudiziario, elettorale e cittadino debbano inevitabilmente tendere ad evitare l’indebolimento della sovranità”. Seguendo questa linea argomentativa, i magistrati hanno stabilito che lo svolgimento del referendum consultivo costituisce esercizio di un diritto fondamentale “e che, pertanto, non spetta ad alcuna organizzazione internazionale o Stato nazionale formulare alcuna dichiarazione circa la sua conformità… secondo il principio di autodeterminazione e di non intervento”. Secondo i magistrati “sarebbe assurdo e una negazione dell'esistenza stessa della Repubblica accettare o permettere che agenti stranieri annullino o indeboliscano uno degli elementi caratteristici delle istituzioni del Paese, come il carattere partecipativo della democrazia”. 

Per questo motivo dichiarano che qualsiasi decisione presa dalla Corte Internazionale di Giustizia a questo riguardo non sarà valida, come riferisce Últimas Noticias. I magistrati hanno avvertito che l'intera società ha l'obbligo di difendere l'integrità territoriale e la sovranità, “in particolare, gli altri spazi geografici della Repubblica che corrispondevano al Capitanato Generale del Venezuela prima della trasformazione politica iniziata il 19 aprile 1810”. La sentenza della Camera Costituzionale afferma di non riconoscere gli arbitrati viziati da nullità "come nel caso dell’Accordo di Parigi del 1899", strumento attraverso il quale si tentò di sottrarre l’Essequibo al Venezuela. Al contrario, i magistrati hanno dichiarato che la Legge di approvazione dell’Accordo di Ginevra del 17 febbraio 1966, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 28.008 (15 aprile 1966) “è l’unico strumento valido di diritto internazionale per giungere alla risoluzione pacifica di questa disputa territoriale tra la Repubblica Cooperativa della Guyana e la Repubblica Bolivariana del Venezuela”.

Maduro chiama il popolo alle urne

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha ribadito l'appello a tutti i cittadini a votare nel referendum per la difesa di Essequibo, previsto per domenica 3 dicembre.

Durante la trasmissione del suo programma televisivo settimanale, il leader bolivariano ha sottolineato che il Venezuela ha un impegno con la storia, esortando tutti a recarsi alle urne e ad adempiere "al giuramento alla Patria".

"Il mio e il vostro voto è per tutti. È per il Venezuela, per la pace, per la dignità e per il rispetto della nostra patria", ha detto, sottolineando che esercitare il diritto di voto significa affrontare manovre illegali per privare il Venezuela di un territorio che gli appartiene di diritto.

Maduro ha anche esortato il comando della campagna “Venezuela Toda” a intraprendere azioni più forti in tutto il paese affinché le persone sappiano come esercitare il proprio diritto di voto.

Infine ha sottolineato il ruolo svolto dall'Assemblea Nazionale in questo processo che ha portato, per la prima volta nella storia della nazione, alla storica convocazione di un referendum su questo tema.

"L'Assemblea Nazionale ha fatto quello che doveva fare. Ha dibattuto la questione e, per la prima volta nella storia del Venezuela, è stato indetto un referendum consultivo per decidere una posizione unica sulla Guayana Esequiba", ha sottolineato il leader bolivariano.

In precedenza, Maduro aveva partecipato a un evento presso la base aerea "El Libertador" nello Stato Aragua, dove aveva assicurato che "l'ora della giustizia si sta avvicinando". I venezuelani, attraverso il referendum, avranno l’opportunità di fare giustizia ed esprimere la propria volontà.

Ha quindi sottolineato che la "Dottrina Monroe" ha approvato una storia di saccheggi di nazioni sovrane da quando è stata dettata da John Q. Adams e attribuita al presidente degli Stati Uniti James Monroe nel 1823.

"Fu con la Dottrina Monroe che realizzarono il piano di tagliare un braccio al Venezuela, cercando di staccare l’Essequibo. Attualmente, usano la Dottrina Monroe per continuare con il vassallaggio e il saccheggio... E se abbiamo dovuto resistere a ingiuste aggressioni, minacce e sequestri, verrà il momento della giustizia", ha sottolineato.

"Dobbiamo affrontare la Dottrina Monroe perché non siamo né saremo mai una colonia di nessuno o schiavi degli statunitensi. Indipendenza o niente!", ha affermato Maduro, ricordando che i venezuelani dicevano "NO" al neoliberismo 31 anni fa.

Delcy Rodríguez: “Convinceremo la Guyana a sedersi e negoziare” 

La Vicepresidente Esecutiva della Repubblica Bolivariana, Delcy Rodríguez, ha affermato che il Venezuela è accompagnato dalla ragione, dalla legalità e dalla moralità per difendere il suo territorio della Guayana Esequiba, motivo per cui la Guyana deve sedersi per negoziare sul territorio conteso.

L'alta funzionaria ha rilasciato queste dichiarazioni davanti a migliaia di persone riunite nello Stato di Nueva Esparta per la chiusura della campagna territoriale, in vista del referendum consultivo di questa domenica, 3 dicembre.

“Abbiamo il supporto legale, abbiamo la legge dalla nostra parte. Nelle nostre mani il territorio non andrà perduto. La Guyana deve sedersi e negoziare. Non accettiamo minacce o intimidazioni”, ha detto Rodríguez.

Ha respinto il fatto che il governo della Guyana “abbia iniziato a regalare il nostro sacro mare. Non lo permetteremo. La Guyana è uno Stato aggressore. Predano l’ambiente, vogliono privarci del mare da delimitare, ma anche del nostro mare sacro”.

In questo senso, ha detto che domenica prossima tutto il popolo venezuelano dovrà andare a votare in pace, "ma non illudetevi perché siamo il popolo erede di Simón Bolívar", ha affermato riferendosi al fatto che il territorio sarà difeso su qualsiasi terreno.

“Siamo a sei giorni dal fare la storia. Lasciamo il segno ai posteri, difendendo la nostra Guayana Esequiba. Lasceremo alle generazioni future una mappa intatta. I giovani che voteranno per la prima volta lo faranno per la loro mappa intatta”, ha aggiunto.

Ha poi detto al governo della Guyana che si comportano come dipendenti della Exxon Mobil e di conseguenza difendono gli interessi di questa società multinazionale, a scapito di un territorio conteso e di territori d'oltremare chiaramente delimitati.

“Da qui giuriamo sul Venezuela di difendere Essequibo. Questo suolo sacro del Venezuela non sarà mai disonorato”, ha affermato solennemente. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti