Israele: "Non importa dove sara' il prossimo conflitto. Non ci fermeremo fino alla bandiera bianca del nemico"

Israele: "Non importa dove sara' il prossimo conflitto. Non ci fermeremo fino alla bandiera bianca del nemico"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Parlando dei conflitti futuri, Avigdor Lieberman, ministro della Difesa israeliano, ha dichiarato che il suo esercito combatterà fino alla fine e non si fermerà fino a quando il suo avversario non avrà issato "la bandiera bianca". Lo riporta Haaretz.



"Non importa dove sarà il prossimo conflitto", prosegue Lieberman, leader del partito di estrema destra Yisrael Beiteinu ed ex alleato del presidente israeliano Benjamin Netanyahu. "Utilizzeremo tutto l'esercito, a piena potenza fino alla fine, fino a quando l'avversario non ha issato la bandiera bianca. Non ci fermeremo a metà strada", avverte.

"Se è necessario un quarto della Striscia, poi trattare un quarto della Striscia. Se è più, poi più", ha aggiunto.

Il ministro della Difesa, noto per il suo sostegno di insediamenti, ha criticato la comunità internazionale, inclusi gli Stati Uniti, la Russia e in particolare l'Unione europea, per i loro tentativi di svolgere un ruolo di intermediario nella disputa israelo-palestinese. "Il coinvolgimento eccessivo di potenze mondiali, in particolare dell'Europa, disturba solo. Non contribuiscono a nulla, aumentano solo il problema", ha detto Lieberman, sottolineando che l'Europa non è nelle condizioni di poter dare lezioni a nessuno. 

Lieberman ha ammesso che un accordo israelo-palestinese non può essere raggiunto solo con gli sforzi bilaterali, ma ci vuole "un accordo regionale", riferendosi agli "stati sunniti pragmatici".

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti