Kissinger finisce nelle liste di proscrizione di Kiev

Kissinger finisce nelle liste di proscrizione di Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex segretario di Stato USA Henry Kissinger è finito nel database "Myrotvorets” - una vera e propria lista di proscrizione dei servizi ucraini - secondo quanto riporta RTVI. 

La scheda dello storico dirigente statunitense afferma che ha "partecipato all'operazione di informazione speciale della Russia contro l'Ucraina" ed è anche "un complice dei crimini delle autorità russe". Gli autori hanno anche allegato una breve biografia di Kissinger e aggiunto alcuni collegamenti alle sue dichiarazioni pubblicate sui media russi.

Kissinger è finto in questa lista di proscrizione perché ha affermato che l'Occidente dovrebbe porre fine ai suoi tentativi di ottenere una sconfitta militare della Russia in Ucraina e che Kiev invece dovrebbe fare concessioni territoriali alla Russia. 

I negoziati tra le parti in conflitto, secondo Kissinger, dovranno riprendere nei prossimi due mesi, altrimenti "si creeranno tensioni, che non saranno facili da superare". 

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha reagito alla notizia con ironia. La diplomatica ha detto che Kissinger potrebbe a questo punto finire nell'elenco delle sanzioni di Washington nel giorno del suo centesimo compleanno. 

"Henry Kissinger è finito nel database del sito web estremista ucraino ‘Myrotvorets’ per aver ‘partecipato all'operazione di informazione speciale della Russia contro l'Ucraina’. D'accordo, nessuno gli farà un regalo così originale per il suo 99° compleanno. Per i 100 anni sarà incluso nell'elenco delle sanzioni statunitensi, probabilmente", ha scritto Zakharova nel suo canale Telegram. 

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, tra una tappa e l’altra del suo personale War World Tour, ha attaccato a’ex segretario di Stato USA Kissinger probabilmente credeva di non parlare a Davos ma a Monaco 1938, dove di governo di Gran Bretagna, Germania, Francia e Italia firmarono un accordo sull'annessione dei Sudeti della Cecoslovacchia alla Germania.  

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai