/ La Cina avverte gli Stati Uniti che ci saranno "conseguenze" se v...

La Cina avverte gli Stati Uniti che ci saranno "conseguenze" se vende gli F-16 a Taiwan

 

Pechino denuncia la vendita degli Stati Uniti dei jet da combattimento F-16 a Taiwan affermando che costituisce un'interferenza "negli affari interni della Cina" e "mina la sovranità" del paese.

La portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, ieri ha duramente criticato l'approvazione del programma da parte del governo degli Stati Uniti, del valore di $ 8 miliardi, e ha affermato che con questa decisione Washington "interferisce con gli affari interni della Cina" e "mina la sovranità e interessi di sicurezza”del gigante asiatico.
 
La portavoce della diplomazia cinese ha sottolineato che la questione di Taiwan, un'isola che Pechino considera parte integrante del suo territorio, "riguarda la sovranità e l'integrità territoriale della Cina".
 
In tal senso, Hua ha invitato gli Stati Uniti a rispettare il principio di "One China" e ad attenersi ai tre comunicati congiunti firmati dai due paesi che regolano le relazioni tra Pechino e Washington.
 
La portavoce della diplomazia cinese ha anche sollecitato gli Stati Uniti a fermare la vendita di armi e qualsiasi contatto militare con Taiwan al più presto, altrimenti avrebbe conseguenze, ha avvertito.
 
Il programma, che include la vendita di 66 jet da combattimento F-16, l'addestramento dei piloti e la manutenzione degli stessi, dovrebbe essere rivisto dal Congresso degli Stati Uniti.
 
Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) ha riferito che questa vendita ribadisce l'impegno di Washington per la sicurezza e la stabilità di Taiwan che vive relazioni tese con la Cina a causa della crescente attività delle forze secessioniste sull'isola.
 
Aggirando gli avvertimenti della Cina, il Pentagono ha anche approvato lo scorso luglio, la fornitura a Taiwan di 108 carri armati, 250 lanciatori di missili terra-aria e altre armi per un valore stimato di $ 22 miliardi.
 
Le autorità cinesi hanno ripetutamente messo in guardia gli Stati Uniti non giocare con il fuoco sostenendo Taiwan e ha sottolineato che Pechino è disposta ad andare in guerra per evitare un'eventuale separazione dall'isola.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa