La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) sostiene il diritto al boicottaggio di Israele

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) sostiene il diritto al boicottaggio di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Ali Abunimah* - Investig'action 

 

La Corte ha ordinato al governo francese di risarcire 7.000 euro per ogni attivista e ha anche concesso loro il rimborso delle spese legali.

 
La decisione è un grande successo per il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni per spingere Israele a porre fine ai suoi crimini contro i palestinesi e alle sue violazioni del diritto internazionale. "Questa decisione giudiziaria storica è una vittoria decisiva per la libertà di espressione, per i difensori dei diritti umani e per il movimento BDS per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza palestinese", ha affermato Rita Ahmad, a nome del comitato nazionale palestinese per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BNC).
 
La sentenza avrà importanti implicazioni per la repressione statale sul movimento BDS in tutta Europa, in particolare in Germania, dove "i difensori dei diritti umani palestinesi devono affrontare gravi restrizioni ai loro diritti civili", ha aggiunto il BNC.
 

 


Israele e le sue lobby negli ultimi anni hanno incoraggiato i governi di tutto il mondo a emanare leggi e attuare politiche per mettere a tacere i difensori dei diritti dei palestinesi.
 
Anche Amnesty International ha accolto con favore la sentenza.
 
"La storica decisione odierna stabilisce un precedente importante che dovrebbe porre fine all'abuso delle leggi antidiscriminazione per colpire gli attivisti che fanno una campagna contro le violazioni israeliane dei diritti umani contro i palestinesi", ha detto Marco Perolini, ricercatore del gruppo per i diritti umani in Francia.
 
La mossa arriva in un momento in cui Israele sta continuando i suoi piani per annettere gran parte della Cisgiordania occupata, senza dubbio incoraggiato dal fallimento dell'Unione Europea e dei suoi stati membri di intraprendere qualsiasi azione significativa per fermarlo.
 
 
Accusa da parte dello Stato
 
Il caso è stato portato alla Corte europea dei diritti dell'uomo da attivisti membri del collettivo Palestine 68, un gruppo locale che sostiene la campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.
 
Il 26 settembre 2009 e il 22 maggio 2010, alcuni attivisti BDS hanno preso parte alle azioni in un supermercato Carrefour a Illzach, una città nella Francia nord-orientale.
 
Indossavano magliette che dicevano "La Palestina vivrà" e "Boicottaggio Israele". Hanno urlato slogan e distribuito volantini per esortare i clienti a non comprare prodotti israeliani, al fine di spingere Israele a smettere di violare i diritti dei palestinesi.
 
Hanno chiesto ai clienti di firmare una petizione chiedendo alla catena di supermercati di smettere di rifornire il punto vendita con i prodotti israeliani. Tutte azioni completamente pacifiche.
 
Dopo la manifestazione del 22 maggio 2010, un pubblico ministero ha accusato gli attivisti di incitamento alla discriminazione, all'odio e alla violenza contro un gruppo di persone a causa della loro origine, razza, etnia o religione.
 
Come prova, l'accusa ha citato specificamente gli slogan della loro campagna, compreso che "l'acquisto di prodotti israeliani legittima i crimini a Gaza".
 
La catena di supermercati stessa non ha presentato alcun reclamo contro gli attivisti.
 
Si trattava di procedimenti giudiziari interamente perseguiti, secondo le istruzioni del Ministero della Giustizia francese, che nel 2010 ha chiesto ai pubblici ministeri locali di perseguire gli attivisti BDS.
 
Nel dicembre 2011, il tribunale penale della città di Mulhouse ha assolto gli attivisti. L'Alta Corte ha respinto le accuse secondo cui gli attivisti intendevano incitare all'odio o alla discriminazione invitando i consumatori a non acquistare prodotti israeliani.
 
Ma a novembre 2013, una corte d'appello ha condannato gli attivisti. La sanzione includeva il pagamento di multe e costi giudiziari per decine di migliaia di euro.
 
Nell'ottobre 2015, la Corte di cassazione, la più alta corte d'appello in materia penale in Francia, ha confermato la condanna in una sentenza ampiamente considerata come una grave battuta d'arresto per la libertà di espressione nel paese.
 
 
Discorso protetto
 
Nella sua sentenza giovedì, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha affermato che "le azioni e le osservazioni imputate ai richiedenti riguardavano un argomento di interesse pubblico" e che "tali azioni e queste parole rientravano nel campo di espressione politica o militante”.
 
Ha aggiunto che "era nella natura del discorso politico l’essere controverso e spesso virulento".
 
La sentenza critica i tribunali francesi per non aver rispettato l'articolo 10 della Convenzione europea sui diritti umani - la garanzia della libertà di espressione - e per non aver effettuato "una valutazione adeguata dei fatti" .
 
Il gruppo elettorale BDS France ha celebrato la vittoria legale e si è impegnato giovedì "a continuare il boicottaggio dei prodotti israeliani e delle società multinazionali che sono complici dell'apartheid israeliano".
 
"Chiediamo anche un boicottaggio delle università israeliane e delle istituzioni collusive, nonché eventi culturali e sportivi che promuovono l'apartheid israeliano", ha aggiunto il gruppo.
 
"Israele, paese dell'apartheid, non potrà impedire per sempre che la giustizia e la libertà del popolo palestinese possano trionfare! "


*Ali Abunimah, co-fondatore di The Electronic Intifada, è l'autore di The Battle for Justice in Palestine, pubblicato da Haymarket Books. Ha anche scritto: "Un Paese: una proposta audace per porre fine all'impasse israelo-palestinese". Le opinioni espresse sono solo sue.

(traduzione de l'AntiDiplomatico)

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti