L'Analisi/La NATO compie 70 anni: "Zombi sclerotici e burocratici da metter...

La NATO compie 70 anni: "Zombi sclerotici e burocratici da mettere in pensione"

 

Come ogni persona che giunta ai 70 anni è già in pensione, così la NATO raggiunto tale traguardo, dovrebbe fare lo stesso, secondo lo storico e accademico, John Laughland

Segue l'analisi di John Laughland, che ha conseguito un dottorato in filosofia presso l'Università di Oxford e ha insegnato nelle università di Parigi e Roma, è uno storico e specialista in affari internazionali

Settanta è normalmente considerata un'età in cui le persone dovrebbero godere della pensione. L'alleanza NATO, che si riunisce per celebrare il suo anniversario a Londra, avrebbe dovuto essere ritirate molto tempo fa.


Il presidente francese, il quale aveva detto agli economisti all'inizio di novembre che la NATO era "morta cerebralmente", sembra determinato a scacciare l'alleanza e i suoi membri dal loro coma collettivo. In una conferenza stampa congiunta con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg a Parigi il 28 novembre scorso, Macron ha cercato di iniettare una grande dose di realismo e chiarezza in un corpo che anni fa si era trasformato in uno zombi sclerotico e burocratico.

La terapia d'urto di Macron consiste nel porre l'unica domanda che, secondo il teorico politico tedesco Carl Schmitt (sebbene Macron non lo citasse), costituisce l'essenza stessa della politica stessa: "Chi è il nemico?" Senza una risposta a questa domanda, un'alleanza militare non ha alcuno scopo. Il fatto che Emmanuel Macron abbia dovuto chiederlo a tutti dimostra quanto male la NATO abbia perso la trama; nel teatro dell'assurdo, l'alleanza atlantica è un personaggio alla ricerca di un autore.

La NATO elenca così tante minacce nei suoi Concetti strategici ufficiali del 1999  e del 2010  che sembra Maialino in Winnie the Pooh, spaventato da tutto ... il terrorismo; pirateria; violenza etnica; inadeguata riforma economica; minacce alle forniture energetiche; proliferazione delle armi; traffico di droga; attacchi informatici; armi laser; guerra elettronica; rischi per la salute; cambiamento climatico; anche "instabilità" indefinita . Tuttavia, la parola "nemico" non si trova da nessuna parte nella montagna di sfide che la NATO afferma di dover affrontare.  

Dopo aver posto questa domanda fondamentale, Macron ha quindi risposto. Il nemico è la Russia? No. È la Cina? No. Il nemico, ha detto, è il terrorismo. Dicendo che il nemico non è la Russia, Macron si rompe radicalmente con le scelte politiche imposte all'alleanza dalla Polonia, dagli stati baltici e, soprattutto, dallo "stato profondo" di Washington, un'espressione fuorviante perché negli Stati Uniti l'opposizione a qualsiasi riavvicinamento trumpiano a Mosca proviene dallo stato in generale, cioè dal Congresso, dalle forze armate, dal Dipartimento di Stato ecc., E non solo dalla CIA o da altri servizi segreti.

Queste fazioni sono determinate a designare la Russia come nemica, il che è esattamente ciò che il Parlamento europeo ha fatto a marzo quando ha stabilito che il partenariato dell'UE con la Russia era finito . 

Tuttavia, Macron ha cercato di ricordare a tutti che la NATO era stata creata per fare in primo luogo, mantenere la pace in Europa. Ha insistito, senza dubbio alle urla di protesta di Varsavia, che la pace in Europa richiede un dialogo con la Russia. Ovviamente ha rassicurato tutti sul fatto che il suo dialogo sarebbe "lucido, robusto ed esigente", ma i polacchi non vogliono affatto alcun dialogo. In effetti, alcuni politici polacchi - membri del Parlamento europeo, per esempio - hanno descritto Macron come "utile idiota" di Putin per averne addirittura chiesto uno. 

A questa opposizione, Macron ha identificato le due principali minacce alla pace in Europa, minacce che dovrebbero essere ovvie per chiunque. Il primo è la crisi in corso in Ucraina, il secondo è la denuncia del trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio, vale a dire missili russi e americani diretti verso l'Europa. Macron ha giustamente affermato che era insopportabile che una questione così importante della sicurezza europea fosse fuori dalle mani degli europei ed è per questo che non solo ha chiesto il dialogo con la Russia, ma ne ha effettivamente avviato uno. Macron ha risposto  a una lettera di Putin che suggeriva una moratoria su questi missili e ha pubblicato la risposta, mentre altri paesi avevano affermato che l'iniziativa russa doveva essere semplicemente gettata nel cestino.

Ho sostenuto per mesi che la decisione degli Stati Uniti di denunciare il trattato INF è uno sviluppo molto importante al quale i media non hanno prestato adeguata attenzione, ma Macron, al contrario, lo ha fatto. Negli anni '70 e '80, il movimento pacifista fece una forte campagna nell'Europa occidentale contro questi "euromissili" quando gli americani li dispiegarono. Oggi, non c'è un cigolio sul disarmo, così profondamente le persone sono state convinte della minaccia russa dalla propaganda incessante. Non dovrebbe essere detto che questa è una situazione molto pericolosa, ma lo fa.

Sfortunatamente, sebbene Macron abbia posto le domande giuste e dato le risposte giuste ad alcune di esse, ha sicuramente torto su un punto. Il terrorismo è in effetti la principale minaccia per gli stati dell'Europa occidentale, ma la NATO non è assolutamente l'organismo che se ne occupa. Come hanno dimostrato gli eventi sul London Bridge del 29 novembre, proprio come gli omicidi nella prefettura di polizia dell'Île de la Cité, nel centro di Parigi, il 3 ottobre, non serve altro che un coltello da cucina per commettere un attacco terroristico.

La NATO è un'alleanza gigantesca con carri armati, bombe nucleari, eserciti, aerei, navi e sottomarini. Tutto ciò è totalmente inutile quando si ha a che fare con un singolo terrorista. Le uniche cose che possono affrontare questa minaccia sono l'intelligence nazionale, la politica nazionale e la polizia nazionale. Nessuno di questi può essere fatto da un'organizzazione internazionale perché sono misure che devono essere attuate il più vicino possibile al problema iniziale se vogliono avere successo.

Se Macron riuscirà a stabilire una nuova relazione con la Russia sull'Ucraina e il disarmo nucleare, avrà fatto la sua parte per la pace in Europa. Ma se riuscirà a far concentrare la NATO sul "terrorismo", possiamo aspettarci altri dieci anni di ciarle burocratiche insignificanti mentre persone innocenti continuano a morire per le strade europee.

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa