La vicepresidente Delcy Rodríguez dichiara che il Venezuela è al fianco del popolo palestinese "vittima di genocidio"

La vicepresidente Delcy Rodríguez dichiara che il Venezuela è al fianco del popolo palestinese "vittima di genocidio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Repubblica Bolivariana del Venezuela è uno di quei paesi che strenuamente difendono i diritti del popolo palestinese e condannano con forza il criminale genocidio israeliano che avviene con la complicità dei paesi occidentali. 

A tal proposito, la vicepresidente del Venezuela, Delcy Rodríguez, ha sottolineato l'importanza del voto tenutosi questo venerdì all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite per approvare una risoluzione a favore della protezione dei civili nella Striscia di Gaza dopo 22 giorni di massacri israeliani. 

La risoluzione chiede inoltre di consentire l'ingresso degli aiuti umanitari e di rispettare gli obblighi internazionali di protezione della popolazione in caso di conflitto armato.

Delcy Rodríguez ha dichiarato ai microfoni di Al Mayadeen che 120 Paesi hanno votato a favore di questa risoluzione, e anche il Venezuela aggiunge la sua voce a favore del rispetto di questa risoluzione.

Riferendosi alle osservazioni del Ministro degli Esteri israeliano, Eli Cohen, che ha definito "spregevole" la richiesta di cessazione delle ostilità, del fuoco e dello sfollamento forzato del popolo palestinese, Rodriguez ha detto: "Voglio anche che ascolti la voce di migliaia di ebrei in tutto il mondo che chiedono di fermare questa politica di massacro contro il popolo palestinese".

Inoltre, Rodriguez ha anche sottolineato gli orrori che si stanno verificando in tutto il territorio palestinese mentre il mondo alza la voce in loro favore, dicendo: "In questo momento, uno dei peggiori massacri sta avendo luogo nel territorio di Gaza e in Cisgiordania. Tutte le comunicazioni sono state interrotte, internet è stato tagliato, e le immagini dei bombardamenti che arrivano attraverso vari canali sono orribili".

La dirigente bolivariana ha poi lanciato un grido d’allarme: “Fermate l'assassinio dei bambini palestinesi, delle donne palestinesi, fermate questa politica di sterminio. Per l'amor di Dio! Questo è un appello dei popoli del mondo ed esprimiamo la nostra solidarietà a questo popolo che oggi è vittima di un genocidio".

Rodriguez ha sottolineato la necessità di unirsi alle grida che si sentono in tutte le parti del mondo e di dire alle persone che si sacrificano per difendere i loro diritti: "Palestina, il mondo è con te".

Il voto a maggioranza dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a favore di una tregua umanitaria è stato definito "spregevole" dal Ministro degli Esteri israeliano, Eli Cohen.

Il ministro, infuriato, ha respinto la risoluzione, affermando dopo la sua approvazione che "Israele intende eliminare Hamas proprio come il mondo ha fatto con i nazisti e l'ISIS".

Anche l'ambasciatore dell'occupazione alle Nazioni Unite, Gilad Erdan, ha condannato la risoluzione affermando che "questo è un giorno buio per le Nazioni Unite e per l'umanità".

Erdan ha giurato che "Israele" userà "ogni mezzo" per combattere Hamas nella "città del terrore" di Gaza.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti