Lavrov: "L'ossessione dell'Occidente per la sua supremazia non può essere curata"

Lavrov: "L'ossessione dell'Occidente per la sua supremazia non può essere curata"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, intervenendo in una conferenza stampa online, ha denunciato la volontà dei Paesi occidentali di imporre le proprie regole al resto del mondo che, i Paesi del "miliardo d'oro" non vedono come Stati sovrani.

"Questo non può più essere curato. È un'ossessione per la loro supremazia, un'ossessione per la sicurezza infallibile nella loro ragione", ha detto Lavrov, aggiungendo che il "grande gruppo di Paesi del 'miliardo d'oro' sta dettando le proprie regole a tutti".

In questo contesto, il ministro degli Esteri russo ha ricordato che mentre Mosca si sta preparando per il vertice Russia-Africa, l'Occidente "sta facendo pressioni spudorate sugli Stati africani, chiedendo ogni giorno che annullino il loro viaggio al vertice o che abbassino il loro livello di partecipazione". Tuttavia, più della metà dei Paesi del continente africano ha confermato la propria partecipazione all'evento.

"Lasciate stare il resto del mondo, per così dire, la maggioranza globale: i Paesi dell'Asia, dell'Africa, dell'America Latina. Trattateli come adulti, rispettate il loro diritto di ascoltare le valutazioni della Russia e dell'Occidente, e poi lasciate che decidano da soli quale sarà la loro posizione", ha insistito Lavrov rivolgendosi ai rappresentanti dell'Occidente.


Quello stesso Occidente che prova con ogni residua forza a impedire a Russia e Cina di rafforzare i ranghi delle nazioni che la pensano allo stesso modo e quindi a ostacolare l'espansione dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), che rappresentano l’ossatura del nuovo mondo multipolare in costruzione. 

"L'obiettivo [dell'Occidente] è quello di non permettere alla Russia, alla Cina o a chiunque altro di rafforzare i ranghi dei propri sostenitori, di impedire l'espansione dei BRICS, la crescita della loro autorità nel mondo, di minare i processi di unificazione in Eurasia all'interno dell'Unione Economica Eurasiatica, della Comunità degli Stati Indipendenti, dell'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, dell'Organizzazione di Cooperazione di Shanghai e dell'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico”, ha spiegato il ministro russo.

Durante la conferenza stampa, Lavrov ha dichiarato che la Russia cercherà di espandere presto il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite attraverso i Paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina. Il ministro ha affermato che "allineare lo stato dei principali organi delle Nazioni Unite alle realtà moderne" è un compito molto importante.

"Mi riferisco, innanzitutto, alla riforma del Consiglio di Sicurezza, dove l'Occidente è rappresentato in modo sproporzionato. Dei 15 membri del cosiddetto 'miliardo d'oro', sei occupano dei seggi, questo è disonesto, è ingiusto", ha denunciato il ministro russo.

Allo stesso tempo, Lavrov ha sottolineato che i tentativi di aggiungere altri candidati occidentali al Consiglio di Sicurezza al posto di Paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina sono "controproducenti e assolutamente non promettenti". "Il dominio sta per finire, è ora di passare all'uguaglianza. Se tutti sono a favore della democrazia, non dimentichiamo che la democrazia è necessaria anche nelle relazioni internazionali", ha aggiunto.

Commentando le accuse dell'Occidente alla Russia per presunti crimini di guerra e violazioni del diritto umanitario in Ucraina, il ministro russo ha affermato che l'Occidente non ha prove al riguardo. Riferendosi al rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, che incolpa la Russia per la presunta violazione dei diritti dei bambini in Ucraina, Lavrov ha affermato che questo documento, come molti altri redatti da organizzazioni internazionali, è stato preparato esclusivamente sulla base di informazioni fornite da rappresentanti del regime di Kiev.

"Non vedo altra alternativa se non quella di lottare per la verità, e lo faremo sulla base della nostra indagine obiettiva, che non sarà influenzata da alcuna parte interessata, specialmente da coloro che sostengono il regime di Kiev”. 

Il ministro russo ha sottolineato che "i bambini sono stati evacuati dalla zona di guerra e non trasferiti con la forza". Ha aggiunto che, dal febbraio 2022, la Russia ha accolto più di 5 milioni di residenti dell'Ucraina, di cui più di 700.000 erano bambini.

"Ancora una volta voglio sottolineare che la stragrande maggioranza di questi bambini è arrivata con i genitori o altri parenti, e solo 2.000 sono alunni degli orfanotrofi della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk che sono stati evacuati insieme al personale, agli insegnanti di queste istituzioni, e tutti rimangono all'interno delle strutture degli orfanotrofi", ha specificato il ministro Lavrov.

Ha inoltre precisato che circa 300 bambini sono stati accolti da famiglie in Russia e non si è trattato di un'adozione, ma di una tutela temporanea, una forma che è stata scelta tenendo conto del fatto che "i genitori possono farsi avanti e, naturalmente, questi genitori avranno tutte le possibilità di riprendere i loro figli". Così, decine di bambini sono già tornati alle loro famiglie, ha sottolineato il ministro degli Esteri, aggiungendo che Mosca non nasconde i nomi dei bambini evacuati in Russia dalla zona di guerra.

Inoltre, Lavrov ha affermato che Mosca "nutre seri dubbi sull'idoneità di molti leader occidentali", in quanto scelgono di aiutare l'Ucraina con le armi a spese dei propri cittadini.

Ha ribadito che le forze armate russe non attaccano obiettivi civili sul territorio ucraino, ma prenderanno di mira gli "incontri" dell'esercito ucraino con mercenari e generali occidentali.

"Se individueremo riunioni come quella che si è svolta l'altro giorno a Kramatorsk, le distruggeremo, perché queste persone ci hanno dichiarato guerra", ha sottolineato Lavrov. 

In questo contesto, il ministro degli Esteri ha invitato "i Paesi della NATO che addestrano gli ucraini" a prestare attenzione, poiché "gli ucraini usano costantemente e regolarmente le infrastrutture civili per dispiegare le loro armi pesanti". Lavrov ha sottolineato che l'uso di infrastrutture civili per scopi militari è un crimine di guerra.

Commentando lo sventato ammutinamento del gruppo Wagner, il ministro degli Esteri russo ha affermato che la Russia emerge sempre più forte dalle peripezie.

"Da qualsiasi rovescio, e difficilmente potremmo usare un nome più forte, la Russia esce sempre rafforzata", ha detto Lavrov, aggiungendo che è difficile descrivere il tentativo di ammutinamento di Evgueni Prigozhin come qualcosa di più forte di una "agitazione".

In risposta a un giornalista straniero che gli chiedeva conto della stabilità della Russia in seguito alla rivolta armata, Lavrov ha risposto così: “Non dobbiamo spiegazioni a nessuno (...) Se ci sono persone in Occidente che hanno dei dubbi su questo, è un problema loro”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti