L'effetto della visita di Blinken sulla dinamica Cina-Stati Uniti

L'effetto della visita di Blinken sulla dinamica Cina-Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La visita di tre giorni del Segretario di Stato degli Stati Uniti Antony Blinken in Cina, durante la quale ha avuto ampi scambi con funzionari cinesi, è stata considerata dagli esperti cinesi "in generale positiva e ha svolto un ruolo nella stabilizzazione delle relazioni tra Cina e Stati Uniti", ma gli osservatori ritengono anche che una visita del genere da sola non possa cambiare in modo fondamentale la tendenza attuale delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, come evidenzia il quotidiano Global Times.

Gli esperti hanno notato che il consenso su cinque punti raggiunto dai due paesi durante la visita di Blinken indica che la Cina si è opposta alla pressione degli Stati Uniti e ha aiutato a spingere entrambi i paesi a lavorare per migliorare le relazioni in linea con il consenso raggiunto dai vertici dei due paesi a San Francisco.

La sfida chiave nei rapporti tra Cina e Stati Uniti risiede nel fatto che gli Stati Uniti continuano a mantenere la percezione sbagliata di considerare la Cina come un rivale o un nemico, piuttosto che un partner. Gli Stati Uniti stanno attualmente lottando per liberarsi dalle loro idee preconcette sulla Cina, il che porta a difficoltà nel definire il giusto tono per le politiche di Washington nei confronti di Pechino e nel gestire efficacemente il rapporto tra Stati Uniti e Cina. Di conseguenza, gli esperti cinesi hanno esortato gli Stati Uniti a mostrare il coraggio di identificare e correggere accuratamente le loro idee sbagliate sulla Cina.

Il Ministero degli Esteri cinese ha dichiarato che i colloqui con Blinken durante la sua visita in Cina sono stati "franchi, sostanziali e costruttivi".

Durante un incontro di cortesia con Blinken venerdì pomeriggio, il Presidente cinese Xi Jinping ha illustrato la posizione della Cina sulle relazioni tra Cina e Stati Uniti e ha proposto orientamenti, ha dichiarato Yang Tao, direttore generale del Dipartimento degli Affari Nordamericani e Oceanici del Ministero degli Esteri cinese, mentre informava i media sulla visita di Blinken venerdì sera.

Xi ha incontrato Blinken venerdì e ha sottolineato che la Cina è disposta a cooperare con gli Stati Uniti, ma la cooperazione dovrebbe essere win-win. "La Cina non ha paura della competizione, ma la competizione dovrebbe portare a un progresso comune, non essere un gioco a somma zero", le parole Xi.

La Cina e gli Stati Uniti dovrebbero essere partner piuttosto che rivali; aiutarsi a vicenda nel successo anziché danneggiarsi reciprocamente; cercare un terreno comune e riservare le differenze anziché impegnarsi in una competizione viziosa; e onorare le parole con azioni anziché dire una cosa e farne un'altra, sostiene il leader cinese.

Xi ha dichiarato che la Cina è impegnata nella non alleanza e gli Stati Uniti non dovrebbero creare piccoli blocchi, aggiungendo che ciascuna parte può avere i propri amici e partner, ma non dovrebbe mirare, opporsi o danneggiare l'altra.

Wang Yi, membro del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e Ministro degli Esteri cinese, ha tenuto colloqui con Blinken venerdì a Pechino, dove i due paesi hanno raggiunto un consenso a cinque punti basato su uno scambio di opinioni completo.

In primo luogo, entrambe le parti hanno concordato di continuare a lavorare duramente per stabilizzare e sviluppare le relazioni tra Cina e Stati Uniti in conformità con le indicazioni dei due capi di stato. In secondo luogo, entrambe le parti hanno concordato di mantenere scambi e contatti di alto livello a tutti i livelli.

In terzo luogo, le due parti hanno annunciato che terranno il primo incontro del dialogo intergovernativo Cina-Stati Uniti sull'intelligenza artificiale, continueranno a far avanzare le consultazioni sui principi che guidano le relazioni Cina-Stati Uniti, terranno un nuovo ciclo di consultazioni Cina-Stati Uniti sugli affari dell'Asia-Pacifico e sugli affari marittimi Cina-Stati Uniti, e continueranno le consultazioni consolari. Il gruppo di lavoro antidroga dei due paesi terrà un incontro di funzionari di alto livello.

In quarto luogo, le due parti adotteranno misure per espandere gli scambi culturali e tra persone tra i due paesi, accoglieranno gli studenti dei rispettivi paesi e lavoreranno insieme per il successo del 14° Vertice di Leadership del Turismo Cina-Stati Uniti che si terrà a Xi'an a maggio. In quinto luogo, le due parti manterranno consultazioni su questioni internazionali e regionali di interesse e rafforzeranno la comunicazione tra gli inviati speciali delle due parti.

Dal punto di vista dell'avanzamento dell'attuazione dell'accordo raggiunto dai due leader a San Francisco, la visita di Blinken ha ottenuto alcuni risultati positivi, con il consenso a cinque punti raggiunto da entrambe le parti che essenzialmente continua il consenso raggiunto dai due leader a San Francisco, ha detto Wu Xinbo, direttore del Centro per gli Studi Americani presso l'Università di Fudan, al Global Times.

Wu ha notato che, giudicando dall'agenda precedente della visita pubblicata dagli Stati Uniti, Blinken non ha raggiunto i suoi obiettivi previsti. Questo rifletteva gli approcci differenti di Cina e Stati Uniti nel gestire le relazioni bilaterali.

I segnali inviati dagli Stati Uniti prima della partenza di Blinken indicavano che Washington voleva riconfigurare l'agenda per le relazioni tra Cina e Stati Uniti. Tuttavia, il consenso a cinque punti raggiunto da entrambe le parti ha mostrato che il tentativo degli Stati Uniti non è riuscito e gli sforzi della Cina hanno aiutato a spingere i due paesi a tornare a implementare il consenso raggiunto dai due leader a San Francisco, ha detto Wu.

Blinken avrebbe anche chiesto a Pechino di evitare di adottare misure "provocatorie" durante l'inaugurazione del prossimo mese di Lai Ching-te, che è stato eletto leader regionale di Taiwan a gennaio, ha riportato l'AFP citando un funzionario degli Stati Uniti la scorsa settimana. Il diplomatico statunitense aveva anche pianificato di sollevare le "profonde preoccupazioni riguardanti il sostegno della RPC alla base industriale della difesa russa, così come i suoi abusi dei diritti umani e pratiche economiche e commerciali sleali", secondo precedenti report dei media.

Anche se il consenso tra le due parti sulla gestione efficace del loro rapporto sembra essere stato in gran parte raggiunto durante le ultime interazioni di alto livello tra Cina e Stati Uniti, alcuni esperti sono preoccupati che gli Stati Uniti possano garantire che gestiranno efficacemente le differenze ed espanderanno la cooperazione attraverso l'azione, specialmente quando gli Stati Uniti sono in anno di elezioni.

"Se gli Stati Uniti non sono in grado di seguire il consenso e mantenere le loro promesse, e persino cercano ulteriormente di contenere la Cina a causa della politica elettorale, circondare la Cina, danneggiare l'immagine della Cina e interferire negli affari interni della Cina, è molto probabile che ciò abbia un impatto negativo sulla futura traiettoria delle relazioni tra Cina e Stati Uniti," ha detto Diao Daming, professore presso l'Università Renmin della Cina a Pechino, al Global Times.

Alla chiusura della sua visita di tre giorni in Cina, Blinken ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa che ha avvertito la Cina di "smettere di esportare materiali che consentono alla Russia di ricostruire la sua base industriale", e ha anche detto alla CNN che Washington ha visto prove di tentativi cinesi di "influenzare e probabilmente interferire" con le prossime elezioni negli Stati Uniti.

Queste osservazioni sono tutte mirate al pubblico interno negli Stati Uniti, poiché entrambe le questioni sono spesso utilizzate dall'amministrazione Biden come argomento politico per aumentare le relazioni tra Cina e Stati Uniti nella politica interna al fine di evitare di apparire deboli sulla Cina, ha detto Li Haidong, professore presso l'Università degli Affari Esteri della Cina, al Global Times, notando che all'avvicinarsi delle elezioni, il rapporto bilaterale diventerà più fragile.

Questo punto di vista è stato condiviso da Wu. "Penso che lo sviluppo delle relazioni tra Cina e Stati Uniti in futuro continuerà ad essere pieno di alti e bassi, e è improbabile che si stabilizzino veramente o migliorino significativamente. Specialmente nell'anno delle elezioni del 2024, l'amministrazione Biden dovrà mostrare fermezza nei confronti della Cina e esercitare pressioni sulla Cina per soddisfare i propri interessi".

La scorsa settimana, Biden ha chiesto al Rappresentante Commerciale degli Stati Uniti di considerare la possibilità di triplicare l'attuale aliquota tariffaria della Sezione 301 sulle importazioni di acciaio e alluminio cinesi. All'inizio di questo mese, ha anche esortato al divieto delle importazioni di auto elettriche di fabbricazione cinese negli Stati Uniti.

Le mosse di Biden sono mirate a interessare determinati gruppi di elettori negli Stati Uniti, ha detto Wu, che ha previsto che ci saranno più azioni volte a mostrare fermezza e a mettere pressione sulla Cina. "Se Biden sente che le sue prospettive elettorali non sono buone, potrebbe intensificare i suoi sforzi per giocare la 'carta della Cina'," ha osservato Wu.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti