Libano, paralisi del carburante: come 14 compagnie private controllano forniture e prezzi

Libano, paralisi del carburante: come 14 compagnie private controllano forniture e prezzi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Libano vive una devastante crisi economica che l'ha portata ad avere una mancanza generale di beni di prima necessità fino alla scarsità di carburante. Il Fondo monetario internazionale è giù in agguato per applicare le sue ricette lacrime sangue, intanto, Hezbollah in accordo con l'Iran, tramite il territorio siriano sta facendo arrivare decine di camion cisterna carichi di petrolio per eludere le sanzioni Usa. Ieri è arrivata la terza petroliera dall'Iran al porto siriano di Banyas. Il portale The Cradle fa luce sulle bande politiche che controllano l'economia del Libano e, soprattutto, forniture e prezzi dei carburanti. Un circolo vizioso, nel quale di inserisce anche l'Occidente, che Hezbollah  sta cercando di spezzare con l'arrivo del petrolio dall'Iran.

di The Cradle

È un evento familiare nella Terra dei Cedri: grave penuria di medicinali, pane, olio, petrolio; scene infinite di cittadini stanchi che trascorrono ore, a volte giorni, in fila nella speranza di acquistare il cibo di base, il carburante o i farmaci salvavita per le loro famiglie.

La crisi economica in Libano ha rivelato la portata della corruzione radicata e del monopolio sistematico tra l'élite politica dello stato che esiste nel paese da oltre 30 anni. Ma chi sono questi cartelli organizzati del petrolio, della medicina, dei ricoveri e del pane che per tanto tempo hanno creato un profondo caos nella vita dei cittadini in difficoltà?

The Cradle ha decise di indagare e di fare dei nomi.

I signori della guerra si dividono il bottino

La guerra civile libanese del 1975-1990 si è conclusa con i suoi leader che hanno accettato di condividere sfere di influenza e risorse statali. I signori della guerra si distribuivano monopoli l'un l'altro; l'emergente cartello petrolifero è stato un brutto aspetto di questa acquisizione d'élite dei diritti e della ricchezza della nazione libanese.

Tra il 1992 e il 1998, i cartelli petroliferi riuscirono a monopolizzare l'importazione di petrolio fondando società per i loro fidati associati. La prima di queste alleanze fu tra l'allora presidente Elias Hrawi e il leader del Partito socialista progressista, Walid Jumblatt, che importava derivati ??di petrolio e gas attraverso la Basatna Company, e attraverso Roland Elias Hrawi (figlio del presidente Hrawi) e Naji Azar.

L'ex primo ministro Rafik Hariri ha rafforzato questo metodo commerciale corrotto e ha sostenuto la presenza dei cartelli aziendali, la maggior parte dei quali sorti durante la guerra civile. Hariri, che è salito al potere a seguito di un accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita – e l'approvazione siriana – ha aperto la strada a queste società per espandersi e svilupparsi in cambio di una presenza statale più debole.

Al cartello al potere si unirono le famiglie politiche tradizionali sotto la copertura dei principali partiti politici libanesi: il Movimento Futuro (la famiglia Hariri), il Movimento Patriottico Libero, le Forze Libanesi, il Partito Socialista Progressista (Walid Joumblatt) e il Movimento Marada ( Suleiman Franjieh). Questi partiti avevano agenti o "uomini d'affari" che gestivano il mercato petrolifero e accumulavano bottini e profitti, che venivano poi distribuiti ai loro corrispondenti capi politici, che rimanevano nell'ombra.

Alcune di queste società sono anche di proprietà diretta di cittadini sauditi e imprese kuwaitiane. Oggi, 14 società in Libano controllano sia l'importazione di derivati ??del petrolio che il mercato della distribuzione. Possiedono anche metà delle 3.100 stazioni di servizio in Libano e controllano il prezzo giornaliero del carburante.

Queste aziende controllano il 70 percento della produzione del mercato locale, mentre solo  due  strutture statali libanesi prendono il restante 30 percento.

Data questa impostazione, il Ministero dell'Energia è fortemente compromesso nell'esercizio del suo ruolo di vigilante imparziale sui quantitativi di petrolio che le compagnie pretendono di importare. Incredibilmente, sono le compagnie che fissano e regolano i prezzi del petrolio – senza l'intervento dello stato – mentre lo stato assorbe la bolletta petrolifera nazionale annuale, stimata in quasi 6,5 miliardi di dollari.

Il cartello petrolifero in Libano, consolidato e protetto dalla nefasta legge sul monopolio del Paese, è un accordo tra aziende per condividere il mercato e organizzare la concorrenza per tutelare i propri interessi comuni. Di conseguenza, quando c'è il rischio di perdere i profitti guadagnati nei decenni di questo sistema corrotto, trattengono le forniture di derivati ??del petrolio dal mercato libanese, causando le gravissime carenze a cui si assiste regolarmente in Libano.

Storicamente, l'unico tentativo registrato di combattere la struttura del monopolio è avvenuto durante il mandato 1998-2007 dell'ex presidente Emile Lahoud, che ha aperto i registri dei cartelli petroliferi.

A causa di questa rara trasparenza, Shahi Barsoumian, ministro dell'Energia tra il 1995 e il 1998, è stato incarcerato con l'accusa di vendita di giacimenti petroliferi a basso prezzo e spreco di fondi pubblici attraverso un contratto consensuale con un altro collaboratore, Naji Azar, presidente del consiglio dei direttori di Eurogulf.

Anche altri funzionari furono arrestati, tra cui l'ex direttore generale del ministero Nicolas Nasr e il direttore della raffineria di Zahrani Khalil Qambris. La repressione del cartello non durò a lungo. Dopo il 2000, il primo ministro libanese Rafik Hariri ha ulteriormente legittimato il carattere monopolistico del settore offrendo accordi a lungo termine che hanno permesso alle società di continuare a risucchiare lo Stato.

Il cartello:

Le  fonti di Cradle hanno rivelato i nomi delle compagnie petrolifere che controllano il mercato libanese e i proprietari di alcune di queste aziende:

  1. Uniterminals , fondata nel 1992, è di proprietà di investitori kuwaitiani e libanesi e detiene il 15% del mercato.
  2. Coral Oil , fondata nel 1926, è di proprietà della famiglia Yameen che sostiene il Movimento Patriottico Libero. Coral Oil detiene il 14% della quota di mercato totale.
  3. MEDCO , fondata nel 1910, è di proprietà dei fratelli Maroun e Raymond Al-Shammas e detiene l'11% della quota di mercato libanese.
  4. Cogico , fondata nel 1986, è di proprietà di Walid Jumblatt e della Basatna Company, è guidata dal cittadino saudita Mustafa Baltan e detiene il 10% della quota di mercato.
  5. Total, fondata nel 1951, è di proprietà dell'omonima società francese e detiene il 12% della quota di mercato.
  6. Wardieh Holding , fondata nel 1922, è di proprietà del cittadino saudita Samuel Bakhsh e di azionisti libanesi. Detiene il 9% della quota di mercato.
  7. Anche Liquigas , fondata nel 1965, è di proprietà della famiglia Yameen e detiene il 7% della quota di mercato.
  8. IPT Group , fondato nel 1987, è di proprietà di Michel e Toni Issa, che sono vicini all'ex presidente libanese Michel Suleiman e detiene il 6% della quota di mercato.
  9. Apec, fondata nel 1985, è di proprietà di Abdul Razzaq Al-Hajjah, affiliato al Movimento Futuro. Detiene il 5% della quota di mercato.
  10. Hypco, fondata nel 1965, è di proprietà della famiglia Al-Basatneh in partnership con lo (stesso) cittadino saudita Mustafa Baltan e detiene il 4% della quota di mercato.
  11. Gefco, fondata nel 1982, è di proprietà di Qabalan Yammeen e detiene il 3% della quota di mercato.
  12. United Petroleum, fondata nel 1983, è di proprietà di Joseph Taya, che è affiliato con le forze libanesi, e detiene il 3% della quota di mercato.
  13. HIF , fondata nel 2008, è di proprietà di Ali Zughaib e Pierre Obeid.
  14. ZR Energy , fondata nel 2013, è di proprietà di Teddy e Raymond Rahma, affiliati al Marada Movement di Suleiman Franjieh. Si tratta di un nuovo concorrente rispetto ai 13 stakeholder originari del cartello.

In quanto tali, i proprietari di queste società sono essi stessi commercianti di petrolio e costituiscono il cartello più potente in Libano. Nessuno, nemmeno gli enti statali o il Ministero dell'Energia, è in grado di controllarli o dirigerli.

Una fonte del porto di Beirut ha rivelato che i funzionari del ministero dell'Energia non possono nemmeno esercitare la loro autorità sulle quantità di petrolio che entrano in Libano attraverso le petroliere. 

La fonte rileva inoltre che il ministero non è in grado di misurare le quantità di petrolio scaricato e che, in ogni caso, le misurazioni vengono effettuate tramite il metodo obsoleto di utilizzare un'asta di livello per determinare la quantità.

Fonti della direzione del petrolio affermano che il carico delle petroliere viene scaricato in un serbatoio prima che la spedizione venga ispezionata al posto di controllo doganale, che a sua volta non è autorizzato a monitorare il processo. 

Le fonti precisano inoltre che i checkpoint doganali non sono distribuiti correttamente e che le autorità di regolamentazione si affidano semplicemente a ciò che le aziende comunicano loro e non alle procedure di verifica dei documenti e dei dati.

Ogni anno circa 340 petroliere scaricano le loro merci nel porto di Beirut. L'enorme profitto che queste società realizzano a causa del monopolio delle importazioni di petrolio, e le quantità di rifiuti e di operazioni di contrabbando, sono incommensurabili.

Il direttore degli impianti petroliferi Ziad al-Zein ha confermato a The Cradle  che lo stato importa solo il 30 percento del fabbisogno del mercato locale, mentre sette grandi compagnie importano il restante 70 percento. Rivela che la raffineria di Zahrani importa solo gasolio, ovvero il 15% del mercato locale, e che il gasolio è distribuito in tutti i territori libanesi.

Secondo altre fonti della Direzione del petrolio, l'importazione libanese di derivati ??del petrolio è stata di circa 9 milioni di tonnellate.

Sebbene la maggior parte di queste società utilizzino lo stato per immagazzinare riserve di petrolio, nientemeno che in serbatoi a basso prezzo affittati dallo stato, i politici libanesi non hanno ancora trovato un modo per aumentare la quota di mercato dello stato, che è quasi crollata durante la grave crisi crisi economica del paese. Mentre le forniture importate dallo Stato sono concentrate negli impianti petroliferi di Tripoli e Zahrani, i serbatoi del settore privato, che contengono circa 500 milioni di metri cubi, sono distribuiti in sette porti a Dora, Antelias, Amchit, Zouk, Anfeh, Tripoli e Jiyeh .

Il carburante iraniano può rompere il monopolio?

Sembra una domanda trabocchetto, ma quando il monopolio di un bene prezioso è controllato da una mafia ben radicata e altamente funzionale i cui membri sono anche le persone che gestiscono gli affari di stato, che poi ha il potere di proteggere lo stato dai crimini commessi contro le sue risorse critiche? E quale evento potrebbe plausibilmente scuotere le fondamenta di questo sistema e spaccarlo?

La recente mossa di Hezbollah di importare petrolio iraniano attraverso il territorio siriano potrebbe essere il primo segnale di una frattura nel famigerato monopolio energetico del Libano.

Hezbollah non voleva mettere in imbarazzo il suo alleato, il presidente libanese Michel Aoun del Free Patriotic Movement (FPM), quindi ha scelto di portare carburante iraniano attraverso le rotte di contrabbando sul confine tra Libano e Siria per evitare le minacce di sanzioni statunitensi.

Al Libano è vietato importare petrolio iraniano, sotto la minaccia di sanzioni statunitensi.

Fonti informate raccontano a The Cradle che l'importazione di carburante iraniano per vie legali richiederebbe a Hezbollah di richiedere una licenza al Ministero dell'Energia, ma che non lo ha fatto per evitare di mettere in imbarazzo sia i suoi alleati che lo stato libanese .

L'approvazione del ministro dell'Energia, che è affiliato all'FPM, lo avrebbe esposto alle sanzioni statunitensi e, poiché è un membro del gabinetto di un governo in carica, avrebbe sottoposto l'intero stato alla stessa minaccia.

Al contrario, il rifiuto del ministro di concedere una licenza al petrolio iraniano importato da Hezbollah lo avrebbe messo in imbarazzo tra i suoi elettori e avrebbe potenzialmente ostacolato il passaggio del carburante in Libano.

Ma questi sono solo diversivi. L'élite politica libanese aveva altre ragioni per obiettare al carburante iraniano: vale a dire, che avrebbe spezzato il monopolio petrolifero del cartello e il suo potere di fissazione dei prezzi.

Come ha osservato Hezbollah all'inizio, il prezzo al quale il carburante iraniano sarà distribuito alle principali istituzioni, ospedali e cittadini libanesi sarà inferiore al prezzo fissato dalle compagnie del cartello petrolifero.

Questa discrepanza dei costi spalancherà la porta a seri interrogativi sulla dimensione dei profitti ottenuti dalle società private in assenza di un intervento statale libanese.

Per quanto riguarda il motivo per cui la crisi del carburante in Libano esiste ancora, dato che il carburante continua ad entrare senza sosta nel paese, è chiaramente una decisione politica presa ai massimi livelli.

Il cartello ha la capacità di esacerbare la crisi bloccando le forniture interne con quantità sufficienti per creare carenze e confusione. Anche la questione dell'apertura di linee di credito presso la Banca centrale libanese è soggetta a questa considerazione, legata all'aumento o all'allentamento della pressione sulla strada.

Ironia della sorte, le sanzioni statunitensi al Libano sono la più grande paura delle compagnie petrolifere che controllano il mercato energetico del paese. Alcune delle aziende sono state costrette a presentare dei rapporti all'ambasciata americana a Beirut, rivelando le reali quantità di carburante importato e le aree di distribuzione. Quanto ne sa, allora, l'ambasciata americana delle operazioni petrolifere segrete e della reale situazione della scarsità di energia del Libano? E quanta influenza ha su queste società? Abbastanza per dettare la quantità di carburante distribuita al popolo libanese?

Non c'è dubbio che l'ambasciata degli Stati Uniti abbia avuto un ruolo nell'esacerbare la crisi del carburante, specialmente nelle aree che contengono un'ampia base di sostegno per Hezbollah. Come saprà qualsiasi seguace degli eventi libanesi, la crisi del carburante è stata più grave nella valle della Bekaa, nel sud del Libano, e nel sobborgo meridionale di Beirut, aree in cui Hezbollah gode del maggior sostegno.

 

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi