L'incredibile mistificazione delle parole di Maduro da parte dell'ANSA

L'incredibile mistificazione delle parole di Maduro da parte dell'ANSA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

È triste constatare come ancora una volta i media occidentali, in questo caso in evidenza abbiamo l'Associated Press e in Italia l'agenzia ANSA, si siano lanciati in una nuova opera di disinformazione contro il Venezuela, attraverso la distorsione delle parole del presidente Nicolas Maduro. Le sue parole sono state ridotte a titoli sensazionalistici che distorcono completamente il loro significato originale.

In un recente discorso per le celebrazioni del 32º anniversario della ribellione civico-militare del 4 febbraio 1992, Maduro ha affermato: "In Venezuela comanda il popolo, qui solo il popolo stabilisce o rimuove (i presidenti). I cognomi non governano qui, né mai lo faranno in questo Paese. I soliti nomi sono guidati solo dal denaro, dall'odio, dall'ambizione eccessiva e dallo spirito di vendetta". Invece l’agenzia ANSA che riporta quanto scritto in maniera fuorviante da AP, scrive: "Noi siamo il popolo al potere. Vinceremo con le buone o con le cattive". 

Quindi, oltre ad aver riportato male le parole di Maduro quando afferma “in Venezuela comanda il popolo” che diventa “noi siamo il popolo al potere”, viene affermato in maniera falsa che Maduro avrebbe detto che il chavismo vincerà le prossime elezioni “con le buone o con le cattive”. 

Falso, come evidenzia la giornalista di teleSUR Madelein Garcia. Le sue parole erano rivolte agli ostacoli che il governo bolivariano affronta costantemente da parte di forze ostili, nonché alle minacce interne ed esterne che cercano di destabilizzare il paese.

È importante sottolineare inoltre che le elezioni presidenziali in Venezuela sono regolate dalla Costituzione venezuelana e non sono soggette agli accordi firmati tra governo e opposizione in luoghi come le Barbados, come incredibilmente scrive l’ANSA. Tali accordi possono certamente essere utili nel processo di dialogo politico, ma non hanno il potere di sovvertire il quadro costituzionale del paese.

Il Ministro della Comunicazione di Caracas, Alfred Nazareth, ha anch’egli denunciato la manipolazione delle parole di Maduro, evidenziando come l'Associated Press abbia travisato il suo messaggio per sensazionalizzare la notizia. La verità è che Maduro si riferiva alla determinazione del popolo venezuelano di resistere a qualsiasi tentativo di destabilizzazione, non solo alle elezioni, viene ribadito dall’esponente del governo venezuelano

Questa ennesima distorsione da parte dei media occidentali non fa che alimentare un clima di disinformazione e ostilità nei confronti del governo venezuelano, ignorando il contesto politico e sociale del paese. È un triste esempio di come il giornalismo possa essere strumentalizzato per promuovere determinate narrazioni e interessi geopolitici, a discapito della verità e della comprensione accurata degli eventi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti