L'intelligence francese complice di Lafarge nei rapporti con i terroristi in Siria

L'intelligence francese complice di Lafarge nei rapporti con i terroristi in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il colosso francese del cemento Lafarge, accusato di "crimini contro l'umanità" per aver pagato allo Stato Islamico il funzionamento de suo impianto siriano, aveva informato le agenzie di spionaggio del Paese sui suoi legami con i terroristi, secondo quanto rivelato da documenti trapelati.

Secondo una serie di documenti ufficiali francesi ottenuti dall'agenzia di stampa turca Anadolu, i rappresentanti di Lafarge hanno tenuto diversi incontri con i servizi di intelligence nazionali, esteri e militari durante il conflitto siriano. Le agenzie di spionaggio francesi sono state accusate di aver utilizzato le relazioni dell'azienda con lo Stato islamico (IS, Daesh, ex ISIS/ISIL) e altri gruppi per tenersi aggiornati sugli eventi sul campo in Siria. Si sono anche astenuti dall'avvertire il produttore di cemento che i suoi legami con i terroristi erano un crimine, secondo l'agenzia.

 

Lafarge è accusata di aver pagato quasi 13 milioni di euro (15,3 milioni di dollari) all'ISIS e ad altri gruppi armati per assicurarsi che il suo impianto nel nord della Siria rimanesse operativo dopo i combattimenti nel paese scoppiati nel 2011, oltre al fatto che questi soldi erano stati usati per facilitare la circolazione di personale e merci attraverso i posti di blocco terroristici. 

Secondo quanto riferito, Lafarge ha anche acquistato petrolio e materie prime dai miliziani, fornendo loro cemento che hanno usato per costruire fortificazioni e tunnel sotterranei.

Lo stabilimento di Jalabiya, a circa 150 km (95 miglia) a nord-est di Aleppo, alla fine era caduto nelle mani dell'ISIS nel 2014. Ha costretto l'azienda a lasciare il paese ed evacuare il personale straniero, mentre i suoi dipendenti siriani sono stati costretti a rimanere e lavorare nella struttura.

Martedì scorso, la Corte di cassazione d'appello francese ha stabilito che le accuse di "complicità in crimini contro l'umanità" dovrebbero permanere contro Lafarge, ribaltando la decisione della Corte d'Appello di respingerle. Il produttore di cemento affronta anche accuse di finanziamento del terrorismo, violazione di un embargo UE e pericolo per la vita di altri a causa delle sue attività in Siria.

Lafarge, che si è fusa con il gruppo svizzero Holcim nel 2015, ha riconosciuto di aver pagato intermediari in Siria per negoziare con i miliziani, ma ha negato ogni responsabilità per i soldi finiti nelle mani dei terroristi. La data per il processo alla società non è stata ancora fissata, con l'indagine legale ancora in corso.

Non è chiaro se l'indagine verrà ampliata per esaminare anche il ruolo che le agenzie di intelligence potrebbero aver svolto, ma Anadolu ribadisce che i documenti che ha visto indicano come gli agenti francesi hanno tenuto più di 30 incontri con Lafarge nel 2013 e 2014.

Secondo l'agenzia, dopo che le prime notizie sulla società che pagava i terroristi sono apparse sui media nel gennaio 2014, il direttore della sicurezza di Lafarge, Jean-Claude Veillard, ha inviato un'e-mail alla direzione dell'intelligence del ministero degli interni. In questa missiva, secondo quanto riferito, ha insistito sul fatto che Lafarge aveva bisogno di mantenere i legami con "attori locali" per poter continuare le sue operazioni in Siria e si chiedeva se le rivelazioni dei media fossero una minaccia per l'azienda. 

In risposta al messaggio, un ufficiale dei servizi segreti avrebbe informato Veillard della data in cui la questione sarebbe stata affrontata, ha aggiunto l'agenzia turca.

Anadolu ha insistito sul fatto che l'intelligence francese fosse ben consapevole dei rapporti di Lafarge con lo Stato Islamico, citando un estratto dello scambio tra le parti del settembre 2014, in cui un operativo chiedeva: "Potresti fornire maggiori dettagli sul cemento fornito a Daesh?"

Nella testimonianza del 2017 alla polizia, che era tra i documenti trapelati, Veillard ha affermato di aver condiviso tutte le informazioni sulle sue attività in Siria con l'intelligence francese. Gli agenti volevano conoscere l'equilibrio di potere tra i vari gruppi armati, gli scontri tra di loro e qualsiasi voce e speculazione proveniente dal turbolento paese, ha precisato.

Anadolu ha anche ottenuto una dichiarazione del tribunale nella quale un ufficiale dell'intelligence francese, nome in codice AM 02, ha consegnato agli atti nel 2018. Ha affermato che il gigante del cemento era stato la sua fonte di informazioni sulla Siria, dicendo: "Ci siamo avvicinati alla situazione in modo puramente opportunistico, approfittando di lavoro continuo di Lafarge.” L'ufficiale ha anche confermato che la compagnia aveva inviato cemento a gruppi armati in Siria tra il 2012 e il 2014.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti