L'UE ha pagato 185 miliardi di euro in "eccesso" per il gas a causa delle sanzioni alla Russia

L'UE ha pagato 185 miliardi di euro in "eccesso" per il gas a causa delle sanzioni alla Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ricordate i proclami circa le sanzioni che avrebbero dovuto mettere in ginocchio la Russia nel giro di pochi mesi? Bene, diciamo che la realtà oltre la propaganda ci racconta qualcos’altro. 

L'acquisto di gas è costato all'UE 304 miliardi di euro dal febbraio 2022, con pagamenti in eccesso dovuti alle sanzioni contro la Russia per un totale di 185 miliardi di euro. 

I costi sono stati calcolati da Eurostat.

Prima delle sanzioni, l'UE spendeva una cifra simile per il gas in cinque anni. Nell'anno precedente alle sanzioni, gli europei pagavano circa 5,9 miliardi di euro al mese per il gas: 3,6 miliardi per il gas dei gasdotti e 2,3 miliardi per il gas liquefatto. Quando sono iniziate le sanzioni, il costo medio mensile delle importazioni di gas nell'UE è balzato a 15,2 miliardi di euro, di cui 7,7 miliardi per il gas naturale liquefatto e altri 7,5 miliardi per il gas dei gasdotti.

Di conseguenza, in 20 mesi l'eccesso di spesa è stato pari a 185 miliardi di euro. Il maggior beneficiario della nuova politica del gas dell'UE sono stati gli Stati Uniti - 53 miliardi di euro, seguiti da Regno Unito (27 miliardi), Norvegia (24 miliardi) e Algeria (21 miliardi). Allo stesso tempo, anche con la riduzione delle forniture, la Russia ha ricevuto altri 14 miliardi di euro in condizioni di aumento dei prezzi, secondo RIA Novosti.

Il gas russo viene ancora fornito a molti Paesi europei, che in precedenza avevano annunciato il rifiuto delle forniture, ha riferito Alexei Miller, presidente del Comitato di gestione di Gazprom. In particolare, Gazprom fornisce gas in transito attraverso l'Ucraina all'hub austriaco di Baumgarten, da cui altri Paesi dell'UE ricevono il carburante.

L'anno prossimo è previsto il lancio di un hub turco per il gas, che le autorità russe considerano una piattaforma alternativa per le forniture all'Europa.

Da quando il conflitto in Ucraina si è inasprito, Bruxelles ha messo insieme pacchetti di sanzioni contro la Russia, uno dopo l'altro. Tuttavia, per chiunque abbia una chiara comprensione del fabbisogno energetico del blocco composto da 27 membri, era evidente che si stava mettendo in un angolo scegliendo di rinunciare dal gas russo. 

La situazione bellica in Ucraina e le restrizioni punitive hanno portato all'interruzione delle catene di approvvigionamento e a un'impennata dei prezzi dell'energia in tutto il mondo. Inoltre, l’attentato al gasdotto Nord Stream ha aggravato le difficoltà del vecchio continente.

I gasdotti Nord Stream, costruiti per trasportare gas sotto il Mar Baltico dalla Russia alla Germania, sono stati colpiti da esplosioni il 26 settembre 2022. Danimarca, Germania e Svezia hanno escluso la Russia dalle loro indagini sull'attacco, spingendo Mosca a lanciare la propria indagine con l'accusa di terrorismo internazionale. In assenza di risultati ufficiali, nel febbraio 2023 il giornalista investigativo statunitense Seymour Hersh, vincitore del premio Pulitzer, ha pubblicato un articolo di inchiesta in cui sostiene che le esplosioni sono state organizzate dagli Stati Uniti con il sostegno della Norvegia. Washington ha negato qualsiasi coinvolgimento, come evidenzia Sputnik. Mentre recenti notizie provenienti da mezzi di informazione statunitensi indicano il coinvolgimento materiale dell’intelligence del regime di Kiev.

I Paesi occidentali e i loro alleati hanno dovuto affrontare una crisi energetica e lottare per riempire le loro riserve di gas. Complessivamente, le sanzioni hanno scatenato in Occidente un po' di tutto, dall'inflazione impetuosa ai timori di recessione, fino all'incombente deindustrializzazione, con la Germania che è stata colpita più duramente.

I Paesi occidentali e i loro alleati hanno dovuto affrontare una crisi energetica e lottare per rifornire le loro riserve di gas. Complessivamente, le sanzioni hanno scatenato in Occidente un po' di tutto, dall'inflazione impetuosa ai timori di recessione, fino all'incombente deindustrializzazione, con la Germania che è stata colpita più duramente.

Allo stesso tempo, da settembre le entrate del bilancio russo derivanti da petrolio e gas hanno superato in modo significativo quelle dell'ultimo anno, nonostante le pressioni esterne, ha dichiarato il primo ministro russo Mikhail Mishustin.

Inoltre, ad agosto la Banca Mondiale ha riferito che entro la fine del 2022, la ricchezza della Russia in termini di parità di potere d'acquisto (PPP) avrà superato per la prima volta i 5.000 miliardi di dollari, collocandosi davanti alle tre maggiori economie dell'Europa occidentale, ovvero la Francia, il gigante finanziario Regno Unito e la potenza industriale Germania.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti