Maduro denuncia l'installazione di basi militari USA nel territorio conteso con la Guyana

Maduro denuncia l'installazione di basi militari USA nel territorio conteso con la Guyana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Abbiamo informazioni verificate che basi militari segrete del Comando Sud sono state installate nel territorio della Guayana Esequiba, temporaneamente amministrato dalla Guyana. Nuclei militari del Comando Sud e nuclei della CIA per preparare aggressioni contro la popolazione di Tumeremo, per preparare aggressioni contro le popolazioni del Sud e dell'Est del Venezuela e per preparare un'escalation contro il Venezuela". La denuncia è stata dal presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, prima della firma e della promulgazione della Legge Organica per la Difesa della Guyana Esequiba.

Dal Salón Elíptico dell'Assemblea Nazionale (AN), a Caracas, ha indicato che per questo il popolo venezuelano deve essere sempre pronto, "con la guardia alta e il morale alto, a difendere il diritto del Venezuela alla pace e alla sua integrità territoriale".

All'evento, a cui hanno partecipato deputati del Parlamento nazionale, rappresentanti delle autorità pubbliche, vicepresidenti settoriali, ministri, sindaci, governatori, leader di diversi settori del Paese e lo Stato Maggiore delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB), ha sottolineato che il presidente della Guyana, Irfaan Ali, non governa la nazione. "La Guyana è governata dal Comando Sud, dalla CIA e dalla ExxonMobil, e non esagero, controllano il Congresso, i due partiti che costituiscono la maggioranza: il governo e l'opposizione. Controllano l'intero governo, controllano totalmente le forze di difesa e di polizia della Guyana".

“ExxonMobil prende il controllo dell’establishment politico, militare e della politica estera della Guyana ignorando l’Accordo di Ginevra e si rivolge illegalmente e illegittimamente alla Corte Internazionale di Giustizia con una sospetta manovra di lobbying”, ha affermato.

Ha denunciato al mondo la posizione bellicosa della compagnia petrolifera transnazionale ExxonMobil e ha indicato che il presidente della Guyana, Mohamed Irfaan Ali, e il governo degli Stati Uniti, attraverso il Comando Sud, stanno perseguendo una politica sbagliata contro il Venezuela.

"La ExxonMobil, il Comando Sud e il presidente della Guyana si sbagliano sul Venezuela. Si sbagliano di grosso nella loro posizione di esproprio imperiale, nella loro posizione bellicosa, nella loro posizione minacciosa".

Ha sottolineato che l'articolo 27 "autorizza il Presidente della Repubblica a vietare la conclusione di contratti o accordi con persone giuridiche che operano o collaborano con l'operazione nel territorio terrestre dell'Essequiba Guyana o nelle acque in attesa di delimitazione, nonché ad adottare misure reciproche sul territorio terrestre".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti