Maduro: "I razzisti e i suprematisti contemporanei, i sionisti, vogliono distruggere il popolo palestinese"

Maduro: "I razzisti e i suprematisti contemporanei, i sionisti, vogliono distruggere il popolo palestinese"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, è tornato a far sentire forte la sua voce in difesa del popolo palestinese vittima della brutalità del regime coloniale israeliano. 

"Faccio appello al popolo musulmano, al popolo arabo e ai popoli del mondo affinché alzino la voce contro il genocidio nazista contro i palestinesi", ha dichiarato Maduro, sottolineando che le forze di occupazione israeliane continuano a bombardare ospedali, moschee, chiese e altri luoghi in cui la popolazione cerca rifugio.

“Attaccano i centri storici dei rifugiati, dove le famiglie, sopravvissute ad altri attacchi, vivono da anni". Inoltre, un ministro israeliano ha detto che bisogna sganciare una bomba atomica per uccidere tutti i palestinesi di Gaza", ha denunciato il presidente venezuelano.

Durante il suo discorso, Maduro ha sottolineato che molti leader mondiali paragonano la situazione attuale allo sterminio nazista del popolo ebraico nel contesto della Seconda Guerra Mondiale.

"I razzisti e i suprematisti contemporanei, i sionisti, vogliono distruggere il popolo palestinese", ha sottolineato Maduro, ricordando che gli orrori dell'Olocausto ebraico vengono applicati contro il popolo palestinese.

Durante il programma televisivo "Con Maduro Más", l'ambasciatore palestinese in Venezuela Fadi Albazen ha ringraziato il leader bolivariano per la sua solidarietà e ha ripudiato i crimini commessi da Israele.

"Colgo l'occasione per ringraziarla per il suo sostegno incondizionato al popolo palestinese. Lei è stato, signor Presidente, uno dei primi leader al mondo a inviare aiuti umanitari in Palestina per alleviare le sofferenze del nostro popolo", ha affermato il diplomatico palestinese.

Verso il referendum del 3 dicembre

Nel suo programma, il leader venezuelano ha sottolineato l'inizio della campagna Venezuela Toda in tutto il Paese sudamericano e ha invitato tutti i venezuelani a partecipare alla simulazione che si terrà il 19 novembre.

"Secondo il calendario del Potere Elettorale, oggi, lunedì, è iniziata la campagna elettorale mobilitante, educativa, gioiosa e inclusiva per lo storico referendum del 3 dicembre.

Il leader bolivariano ha inoltre definito impressionante l'inizio della campagna per la rivendicazione storica dei diritti del Venezuela sulla Guyana Esequiba in tutti gli Stati della nazione sudamericana, e ha sottolineato la necessità che i venezuelani partecipino alla simulazione del 19 novembre per familiarizzare con il nuovo sistema di voto.

"Compatrioti, siate orgogliosi del fatto che il sistema elettorale venezuelano è l'unico al mondo che effettua una simulazione. A cosa serve la simulazione? Perché il popolo possa familiarizzare con il sistema con cui andrà a votare".

A questo proposito, ha ordinato al Ministro del Potere Popolare per la Comunicazione e l'Informazione, Freddy Ñáñez, di informare attraverso tutti i canali "dove saranno questi centri di voto", in modo che tutti possano partecipare alla preparazione "del grande referendum storico, unico nella storia del Venezuela, sulla Guyana Esequiba“.

Venezuela e Vietnam preparano nuovi piani di cooperazione

Inoltre, allargarndo di nuovo lo sguardo alla politica internazionale, il capo di Stato venezuelano ha sottolineato che il suo Paese è un partner affidabile del Vietnam, motivo per cui si stanno preparando nuovi piani di cooperazione in vari settori con la nazione sud-asiatica.

"Ci sono grandi e nuovi piani di cooperazione con il Vietnam nei settori del petrolio, del gas, delle telecomunicazioni, dei collegamenti aerei, del turismo, dell'agricoltura, dell'acquacoltura, della pesca, dell'alta tecnologia, della formazione politica, della formazione ideologica, dell'area militare, in tutti i settori, grandi piani di cooperazione con l'eroica Repubblica Socialista del Vietnam", ha spiegato il massimo dirigente bolivariano.

Maduro ha infine sottolineato che il Paese asiatico sta vivendo un buon momento economico e di sviluppo tecnologico, nonostante in passato sia stato coinvolto in conflitti militari con Francia e Stati Uniti.

"Il Vietnam sta scrivendo un'altra pagina di prodezza ed eroismo, di creatività; il Vietnam con il suo sviluppo economico, finanziario, commerciale e tecnologico, e ci integreremo perfettamente".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti