Maduro pianifica tre zone economiche speciali con la Cina lungo l'asse costiero del Venezuela

Maduro pianifica tre zone economiche speciali con la Cina lungo l'asse costiero del Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le zone economiche speciali (ZES) istituite dalla Cina sono aree geografiche designate all'interno del paese con regolamenti economici e commerciali particolarmente favorevoli. Queste zone sono state create per attirare investimenti stranieri, promuovere l'innovazione, sostenere lo sviluppo tecnologico e stimolare l'export. L'obiettivo principale delle ZES è quello di favorire la crescita economica e migliorare la competitività globale della Cina.

Le ZES cinesi sono state un elemento chiave nella trasformazione economica del paese negli ultimi decenni. Queste zone hanno offerto condizoni più aperte e flessibili rispetto al resto del paese, con politiche di agevolazione fiscale, facilitazioni burocratiche e accesso semplificato al mercato cinese. Queste politiche hanno attirato un flusso significativo di investimenti e promosso la crescita di settori ad alta tecnologia, come l'industria manifatturiera avanzata, la tecnologia dell'informazione e la biotecnologia.

Le ZES cinesi potrebbero essere fondamentali per aiutare le economie dei paesi bloccati dalle sanzioni degli Stati Uniti e dei suoi vassallii occidentali, come il Venezuela, in diversi modi:

- Attrazione di investimenti stranieri: Le ZES offrono un ambiente più favorevole agli investimenti esteri, il che potrebbe attirare capitali stranieri verso queste economie. Gli investimenti stranieri possono contribuire a stimolare la crescita economica, creare posti di lavoro e migliorare la tecnologia e l'infrastruttura locale.

- Diversificazione economica: Per molti paesi colpiti dalle sanzioni, la dipendenza da una singola fonte di reddito o da un settore economico può essere problematica. Le ZES possono aiutare a diversificare l'economia, incoraggiando lo sviluppo di nuovi settori e aumentando la resilienza economica.

- Tecnologia e innovazione: Le ZES cinesi sono spesso centri di innovazione e sviluppo tecnologico. I paesi che cercano di superare le sanzioni potrebbero beneficiare dell'accesso a tecnologie avanzate e competenze di alto livello attraverso la collaborazione con imprese presenti in queste zone.

- Esportazioni: Le ZES cinesi offrono una piattaforma ideale per esportare prodotti verso il mercato cinese e globale. Questo può essere cruciale per i paesi che cercano di compensare la perdita di accesso ai mercati occidentali a causa delle sanzioni.

Maduro prepara le ZES in Venezuela

In seguito al suo proficuo viaggio in Cina, il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro, ha annunciato la prossima creazione di almeno tre Zone Economiche Speciali (ZES) con la Cina in regioni strategiche lungo la costa caraibica del paese bolivariano, un piano che viene considerato prioritario per far avanzare l'agenda economica del Paese.

Nel suo programma "Con Maduro +", il presidente venezuelano ha condiviso i dettagli del suo recente tour in Cina e ha commentato che le tre ZES saranno situate negli Stati di Carabobo, con influenza nella parte occidentale del Paese; a La Guaira, con impatto sulla regione centrale e sulla capitale; e ad Anzoátegui e Monagas, per quanto riguarda la regione orientale.

Su questo ambizioso piano, che consentirebbe al Venezuela di esportare anche in Cina, Maduro ha annunciato che nelle prossime settimane inizieranno i giri di affari con la provincia di Shenzhen, per generare e discutere accordi sullo sviluppo della ZES tra La Guaira e la Cina, che aiuterebbe il Paese sudamericano a migliorare il suo sviluppo in vari settori chiave come la salute, la tecnologia, la scienza e l'istruzione, tra gli altri.

Il presidente ha sottolineato che Shenzhen è il più grande esportatore del Paese asiatico, con una media annuale di 798 miliardi di dollari, e importa circa 447 miliardi di dollari all'anno. Ha anche commentato che la città ha aziende altamente avanzate che potrebbero dare al Venezuela l'opportunità di avere una "grande zona tecnologica dell'America Latina e dei Caraibi".

Il Presidente venezuelano ha commentato che un'altra ZES importante per il suo Paese è quella proposta tra lo Stato di Carabobo e la provincia cinese di Shanghai. Ha inoltre sottolineato che l'asse principale dello sviluppo finanziario cinese è consolidato a Shanghai, che ha un volume medio annuo di esportazioni di 256 miliardi di dollari e un volume di importazioni di oltre 371 miliardi di dollari.

Per questo motivo, ha affermato che questa ZES dovrebbe lavorare per progettare "un piano accelerato" che è una priorità nell'agenda economica venezuelana. A questo proposito, ha detto che le autorità di Shanghai hanno invitato il Venezuela a partecipare alla fiera delle importazioni che si terrà il prossimo novembre.

"Dobbiamo prepararci a fare il gemellaggio, una relazione di investitori e importatori di Shanghai con lo Stato di Carabobo", ha detto Maduro, che ha sottolineato come lo Stato sia anche una regione industriale estremamente importante per la nazione sudamericana.

Inoltre, il presidente venezuelano ha ordinato al governatore di Carabobo, Rafael Lacava, e al capo del vicino Stato di Cojedes, Alberto Galíndez, di stabilire linee per esportare in Cina tonnellate di avocado, mango e caffè, tra gli altri prodotti.

Nel frattempo, Maduro ha annunciato che, come parte delle prime azioni per collegare la ZES Carabobo-Shanghai, nei prossimi giorni verrà istituito un ufficio venezuelano per lo sviluppo economico e commerciale nella provincia cinese, nonché un ufficio della compagnia petrolifera statale Petróleos de Venezuela (PDVSA) per stabilire piani di sviluppo industriale, investimenti e cooperazione energetica, che saranno supportati dal consolato venezuelano nel Paese asiatico.

La cooperazione con la Cina sarà mirata anche allo sviluppo della produzione alimentare. A tal proposito il capo di Stato venezuelano ha annunciato che presto attiverà una ZEE dedicata alla produzione alimentare, che opererà negli Stati di Anzoátegui e Monagas e che sarà collegata alla provincia cinese di Shandong.

"Lo Shandong esporta 307 miliardi di dollari all'anno nel mondo, è il quarto esportatore cinese, e importa ben 195 miliardi di dollari, è una provincia potente", ha sottolineato Maduro.

Sulla base di questi dati, ha detto, si è deciso di "riprendere e rilanciare il gemellaggio dello Shandong, una potente provincia del nord-est della Cina, con gli Stati di Anzoátegui e Monagas", soprattutto per il "potenziale" che entrambe le località hanno per la creazione della ZES per la produzione alimentare nel Venezuela orientale.

Maduro ha dichiarato di aver concordato con le autorità dello Shandong di organizzare nel prossimo futuro un giro d'affari per portare in Venezuela capitali cinesi interessati a investire in tecnologie per la produzione agricola. Per questo motivo, ha incaricato di preparare un piano di lavoro per "sviluppare progetti" attraenti per gli imprenditori cinesi, che possano dare impulso al settore economico legato all'alimentazione.

"Articoleremo gli investimenti cinesi, la tecnologia nei macchinari, nelle attrezzature, in modo che vengano a rafforzare la capacità produttiva del Venezuela e a portare la produzione alimentare ai massimi livelli, oltre a consolidare l'approvvigionamento nazionale e a far sì che il Venezuela diventi una potenza esportatrice di alimenti", ha aggiunto Maduro.

Lo sviluppo delle relazioni  tra il gigante asiatico e il Venezuela sono un esempio di solidarietà e cooperazione nel quadro del nuovo mondo multipolare in costruzione. Un mondo dove non c’è più spazio per misure coercitive come le criminali sanzioni degli Stati Uniti che gravano sulle spalle del Venezuela e colpiscono fortemente la qualità di vita dei cittadini venezuelani. 

Il presidente Maduro aveva già sottolineato al quotidiano Global Times al suo arrivo in Cina che quanto è stato raggiunto, grazie alla Cina, "è stata una forza positiva per le economie dei popoli dell'America Latina e dei Caraibi, e questo non può essere contrastato", sottolineando che le opinioni negative saranno superate dalla realtà che segna la fine dell'imperialismo. 

"Siamo nel XXI secolo, il secolo della fine dell'egemonismo, dell'imperialismo; è il secolo in cui è nato un mondo diverso, un mondo multipolare, un mondo pluricentrico per la pace e la cooperazione", ha affermato. Ha inoltre ribadito che questi partenariati non hanno lo scopo di andare contro altri Paesi, ma piuttosto quello di "sviluppare l'industria, l'agricoltura, la tecnologia, la capacità di creare posti di lavoro, per soddisfare i bisogni della gente; questo è ciò che facciamo quando ci sediamo a parlare". 

"È arrivato un nuovo mondo", ha esclamato, esortando coloro che credono, con la loro meschinità e invidia, di poter ancora dominare i Paesi del Sud globale a rendersi conto che questa epoca è finita.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti