/ Nel 2011 Russia e Turchia non hanno fermato la NATO in Libia. Or...

Nel 2011 Russia e Turchia non hanno fermato la NATO in Libia. Ora le loro voci sono più forti e cercano di porre fine a 9 anni di caos

 

Mosca e Ankara non sono responsabili dell'avvio del conflitto che ha devastato la Libia, ma possono avere un ruolo decisivo nel porre fine a questa guerra, poiché guidano gli sforzi diplomatici internazionali alla conferenza di pace di Berlino


Segue l'analisi di Scott Ritter, ex ufficiale dell'intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Ha prestato servizio in Unione Sovietica come ispettore per l'attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo, e dal 1991-1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite.

 
I due paesi si sono opposti all'intervento NATO guidato dagli Stati Uniti per rovesciare Muammar Gheddafi nove anni fa ma, nonostante la Turchia fosse un membro della NATO e la Russia facesse parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, non hanno esercitato le loro prerogative di veto.
Entrambi gli stati hanno continuato a rimpiangere amaramente di restare fuori, mentre la primavera araba sempre più violenta e moralmente fangosa attraversava il Medio Oriente, trascinando entrambi in conflitti per procura. 
 
Nessuna pace ancora, ma ci si sta muovendo verso un cessate il fuoco
 
La conferenza dello scorso fine settimana nella capitale tedesca si è conclusa con un impegno per il cessate il fuoco concordato dai leader delle due parti in guerra, Fayez a-Sarraj, del governo dell'Accordo nazionale (GNA) e Khalifa Haftar, a capo dell'esercito nazionale libico (LNA) , nonché un accordo tra tutti i partecipanti alla conferenza per un embargo sulle armi esecutivo.

 
La conferenza di Berlino fa seguito a un precedente incontro tenutosi a Mosca questo mese tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente turco Recep Erdogan, dove sono state negoziate le basi dell'attuale accordo di cessate il fuoco. 
 
Mentre l'incontro di Mosca non è riuscito a produrre un cessate il fuoco, ha avviato un processo di colloqui diretti tra la leadership di GNA e LNA che sono proseguiti nella conferenza di Berlino e hanno contribuito a un esito positivo. 
           
La "cosa giusta da fare" di Obama
 
Putin ed Erdogan stanno operando sulla brace di un punto di riferimento occidentale nella regione, che mette in dubbio l'intera logica dell'intervento militare.
Questo ruolo degli Stati Uniti e dei suoi alleati è stato ampiamente riconosciuto come un disastro (Gheddafi è stato ucciso da ribelli appoggiati dagli Stati Uniti dopo che il suo convoglio è stato attaccato da aerei della NATO).
 
Mentre il presidente Barack Obama in seguito ha affermato che intervenire in Libia era stata "la cosa giusta da fare " , ha anche definito l'intervento il "peggior errore" della sua presidenza, incolpando l'incapacità della sua amministrazione "di pianificare il giorno dopo" una volta che Gheddafi è stato rimosso dal potere. Gli Stati Uniti si sono resi colpevoli di un atto di commissione inducendo la NATO a usare il potere militare offensivo contro uno stato sovrano, ma Turchia e Russia avrebbero potuto fare di più in quel momento? 
 
La Libia ha legami storici con la Turchia e la Russia, la prima dovuta allo status di Libia come provincia nell'Impero ottomano fino al 1912, e la seconda dovuta alla Libia come cliente dell'ex Unione Sovietica. Mentre la Turchia, membro della NATO, non si è opposta all'intervento militare, ha optato per tacere invece di bloccare attivamente la campagna, cosa che avrebbe potuto prontamente attribuito allo status della NATO come organizzazione guidata dal consenso. 
Allo stesso modo, la Russia si è astenuta dal voto critico del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che autorizzava l'uso della forza militare in Libia a sostegno di apparentemente attività umanitarie, anziché esercitare il suo potere di veto.
 
Russia e Turchia hanno sostenuto diversi giocatori
 
Nel caos che seguì alla morte di Gheddafi, la Turchia e la Russia si trovarono alle estremità opposte dello shakeup politico post-intervento, con la Turchia che sosteneva il GNA appoggiato dall'ONU e la Russia schierata con l'LNA di Haftar. 
Ironia della sorte, ci sono voluti interventi militari da entrambi i paesi per creare le condizioni per la conferenza di Berlino. L'invio di circa 1.500 appaltatori militari privati ??russi in Libia per combattere dalla parte dell'LNA ha contribuito a invertire l'equilibrio di potere con le forze di Haftar, consentendogli di conquistare gran parte della Libia e minacciare il bastione finale di GNA di Tripoli (il Presidente Putin riconosce la presenza di questi appaltatori russi, anche se nega che lavorano per conto di Mosca.)
 
Lo schieramento di appaltatori russi a sua volta ha spinto la Turchia a inviare consiglieri militari e circa 2.000 combattenti siriani addestrati in Turchia per sostenere il GNA. 
 
L'allineamento delle forze militari turche e russe in opposizione reciproca rappresentava "una vera escalation regionale", nelle parole del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, dando un senso di urgenza alla conferenza di Berlino, alla quale hanno partecipato anche leader tedeschi, Francia, Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Algeria, Cina e Repubblica del Congo.
 
Cosa ci guadagnano Putin e Erdogan?
 
Le motivazioni della Russia e della Turchia nel portare pace e stabilità in Libia sono tanto complesse quanto diverse. Per la Russia, riportare la Libia all'indietro come uno stato cliente fornirebbe un vantaggio ai produttori di armi russi e alle compagnie energetiche russe. 
 
L'LNA di Haftar controlla la maggior parte dei giacimenti petroliferi della Libia, ma viene impedito di vendere petrolio a causa delle sanzioni economiche delle Nazioni Unite. Queste sanzioni non saranno revocate fino a quando non verrà raggiunta una soluzione politica alla crisi libica. 
 
La Turchia, da parte sua, ha strutturato la sua posizione geo-politica nel Mar Mediterraneo orientale attorno a un confine marittimo recentemente negoziato con il GNA. Questo nuovo confine offre alla Turchia un considerevole potere di leva per quanto riguarda la creazione di zone economiche esclusive nel Mediterraneo orientale per quanto riguarda l'esplorazione e lo sviluppo in corso di giacimenti di petrolio e gas sottomarini potenzialmente redditizi.
 
I vantaggi economici che ciò può derivare sia per la Russia che per la Turchia, determinando una pacifica riconciliazione tra GNA e LNA, sono evidenti. 
Il gioiello della corona di tale risultato, tuttavia, risiede nella migliore posizione geo-politica di entrambe le nazioni che arriverà ponendo fine al brutto capitolo della storia della Libia provocato dall'intervento della NATO. 
 
L'intervento del 2011 in Libia è stato visto da molti nella NATO come il precursore del futuro dominio del Nord Africa da parte di tale organizzazione, un risultato che né la Russia né la Turchia hanno sostenuto. 
 
Collaborando alla risoluzione politica della crisi libica, Russia e Turchia consolidano le rispettive posizioni economiche e politiche in una Libia postbellica. Inoltre, mettono fine alla nozione di punto d'appoggio della NATO nella regione, ottenendo una certa assoluzione per una precedente inazione e rafforzando la percezione che l'Occidente non può più unilateralmente rimodellare il resto del mondo in base alle sue priorità geopolitiche.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa