Nord Stream: l'ambasciatore russo a Copenaghen chiede perché la Danimarca non vuole indagare con la Russia

Nord Stream: l'ambasciatore russo a Copenaghen chiede perché la Danimarca non vuole indagare con la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

E’ ormai trascorso un anno dall’attacco terroristico che ha messo fuori uso i gasdotti Nord Stream, infrastruttura cruciale in primis per la Germania, ma anche per l’intera Europa. Eppure non abbiamo ancora una verità ufficiale su quanto accaduto nel settembre del 2022. I paesi europei ‘indagano’ in modo sciatto, quasi controvoglia, mentre la Russia viene volutamente tenuta fuori dalle ‘indagini’. 

Tra i paesi coinvolti c’è la Danimarca, la quale potrebbe temere che, nel caso di un'indagine congiunta sugli attacchi ai gasdotti Nord Stream, la Russia scopra le circostanze che potrebbero danneggiare la cooperazione tra Danimarca e Stati Uniti o le forniture di armi danesi all'Ucraina, ha dichiarato a Sputnik l'ambasciatore russo nel paese nordico Vladimir Barbin.

L'ambasciatore ha osservato che non c'è ancora cooperazione nelle indagini sulle esplosioni dei gasdotti tra Danimarca e Russia. Barbin ha aggiunto che l'ufficio del procuratore danese spiega la riluttanza a interagire con la parte russa con il fatto che soddisfare le richieste di assistenza legale della Russia "potrebbe mettere a rischio la sicurezza nazionale della Danimarca".

"Nel contesto delle varie e contraddittorie versioni discusse dai media sui possibili organizzatori del sabotaggio, questa motivazione solleva molte domande. Questa posizione della procura danese esprime forse il timore di Copenaghen che la parte russa possa scoprire qualcosa che crei rischi per la cooperazione della Danimarca con gli Stati Uniti nella sfera della sicurezza o per la fornitura di armi all'Ucraina? Forse è questa la ragione della totale segretezza delle indagini sull'attacco terroristico alle infrastrutture energetiche paneuropee avvenuto un anno fa?”, ha affermato Barbin.

I gasdotti Nord Stream, costruiti per trasportare gas sotto il Mar Baltico dalla Russia alla Germania, sono stati colpiti da esplosioni nel settembre 2022. L'operatore del gasdotto, Nord Stream AG, ha dichiarato che il danno è senza precedenti e che è impossibile stimare i tempi di riparazione.

Danimarca, Germania e Norvegia hanno escluso la Russia dalle loro indagini sull'attacco, spingendo così Mosca a lanciare la propria indagine con l'accusa di terrorismo internazionale.

Non sono ancora stati resi noti i risultati ufficiali delle indagini, ma il giornalista investigativo statunitense Seymour Hersh, vincitore del premio Pulitzer, ha pubblicato nel febbraio 2023 un rapporto in cui sostiene che le esplosioni sono state organizzate dagli Stati Uniti con il sostegno della Norvegia. Washington ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'incidente.

A metà luglio, i media hanno riferito che i servizi segreti militari olandesi avevano informato la CIA dei piani dell'Ucraina per sabotare i gasdotti Nord Stream mesi ben prima che si verificasse l’attacco.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti