NYT: gli USA non hanno fornito alla Russia tutti i dati sull'attacco terroristico

NYT: gli USA non hanno fornito alla Russia tutti i dati sull'attacco terroristico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I funzionari statunitensi non hanno condiviso con le loro controparti russe tutti i dati sull'attacco terroristico pianificato al Crocus City Hall, sala concerti nella periferia di Mosca, per paura che Mosca apprendesse fonti e metodi dell'intelligence statunitense. Lo scrive il quotidiano New York Times.

Secondo le informazioni pubblicate dall’organo di stampa USA, "il rapporto contraddittorio tra Washington e Mosca ha impedito ai funzionari statunitensi di condividere qualsiasi informazione sull’attentato oltre quanto necessario, per paura che le autorità russe potessero apprendere le loro fonti o metodi di intelligence".

Alti funzionari statunitensi hanno affermato che Washington ha monitorato da vicino le attività del gruppo estremista Stato Islamico (Isis) negli ultimi mesi. Le fonti del giornale affermano che durante la sorveglianza, che comprendeva intercettazioni elettroniche, informatori e altri mezzi, gli agenti statunitensi hanno ricevuto informazioni molto specifiche sui piani per un attacco terroristico in preparazione in Russia.

Quando gli è stato chiesto di commentare queste informazioni, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto di non essere a conoscenza di queste circostanze e ha invitato ad affrontare con attenzione l’articolo del giornale.

"Le informazioni del New York Times, che cita fonti, sono informazioni che dovrebbero essere trattate con grande cautela", ha sottolineato il portavoce presidenziale.

La sera del 22 marzo, un attacco terroristico ha preso di mira il locale musicale Crocus City Hall a Krasnogorsk, nella regione di Mosca, appena fuori dai confini della città di Mosca. Almeno 143 persone furono uccise. Secondo gli ultimi dati, circa 360 persone sono rimaste ferite, 205 delle quali hanno ricevuto assistenza medica.

Undici persone sospettate di coinvolgimento nell'attacco terroristico sono state arrestate, compresi i quattro uomini armati, arrestati nella regione di Bryansk, a sud-ovest di Mosca, mentre tentavano di fuggire in Ucraina attraverso il vicino confine.

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato in un discorso televisivo che, secondo le prime informazioni, la parte ucraina aveva preparato "una finestra" al confine appositamente per consentire ai terroristi di passare inosservati. Quindi, il leader russo ha promesso di identificare e punire tutti coloro che sono dietro l'attacco al municipio di Crocus. Dopo aver assicurato alla giustizia gli esecutori materiali, la dirigenza russa ha affermato di cercare adesso i mandanti dell’attentato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti