/ "Oggi, tutti sono un 'alleato' degli USA, una dimostrazione di qu...

"Oggi, tutti sono un 'alleato' degli USA, una dimostrazione di quanto poco significano davvero tali alleanze"

 
Segue l'analisi di Dr. George Szamuely , ricercatore senior presso il Global Policy Institute e autore di Bombs for Peace: la guerra umanitaria della NATO in Jugoslavia
 
Pochi termini in questi giorni sono abusati come la definizione di "Alleato". L'Ucraina, siamo certi, è un alleato degli Stati Uniti. Anche i curdi sono presumibilmente alleati degli Stati Uniti. E, naturalmente, Israele è invariabilmente chiamato uno dei più grandi alleati di Washington.

 
Eppure c'è qualcosa di strano in questa definizione. Secondo Merriam-Webster, un "alleato" è un "sovrano o stato associato ad un altro da un trattato o da una lega". Il Dizionario di Cambridge dice qualcosa di molto simile: Un alleato è "un paese che ha accettato ufficialmente di fornire aiuto e sostegno a un altro, specialmente durante una guerra.” Ottieni l'immagine. Un alleato è uno stato o un paese vincolato dal trattato a venire in vostro aiuto e viceversa. Gli alleati sono tenuti insieme dal reciproco obbligo di aiutarsi reciprocamente.
 
Tuttavia, non esiste un trattato che obbliga gli Stati Uniti a venire in aiuto di Ucraina, Israele o Curdi. Prendiamo l'Ucraina. Nelle ultime settimane politici, giornalisti, politici e esperti ci hanno ripetutamente assicurato che l'Ucraina è un alleato degli Stati Uniti. Dando il via all'inchiesta di impeachment per Trump, udito all'inizio della settimana, il Repubblicano Adam Schiff (D-Calif.), ha dichiarato che “nel 2014, la Russia ha invaso un alleato degli Stati Uniti, l'Ucraina, per invertire abbraccio di quella nazione dell'Occidente”. In precedenza, il senatore Sherrod Brown (D-Ohio) ha sostenuto che “Trump chiaramente ha bloccato $ 300 milioni di dollari che il Congresso aveva stanziato per nostro alleato, l'Ucraina, per la lotta contro l'aggressione russa”. Descrivendo il primo giorno delle audizioni di impeachment aperti al pubblico, in un editoriale del The Guardian si osserva che "due alti diplomatici statunitensi ... hanno spiegato come la regolare politica americana nei confronti del suo alleato Ucraina si sia impigliata nel 2019 con un 'canale irregolare' ". Andrew Napolitano, analista legale di Fox News, ha dichiarato: "Sappiamo da quelle trascrizioni che la minaccia di Trump di reggere $ 391 milioni in aiuti militari e aiuti finanziari al nostro alleato Ucraina - che sta combattendo una sanguinosa guerra con la Russia - fino a quando il governo ucraino non gli ha ricambiato un 'favore'. "
 
Naturalmente tali esempi possono essere facilmente moltiplicati. Nessuno spiega mai quando  l'Ucraina è diventata un alleato degli Stati Uniti e cosa comporta esattamente questa alleanza USA-Ucraina. L'Ucraina non è un membro della NATO. È membro del programma NATO per il partenariato per la pace. Ma poi lo sono anche la Russia e la Serbia, e nessuno di questi paesi ha mai ricevuto la designazione di "alleato degli Stati Uniti". A dire il vero, l'amministrazione Bush ha cercato di intrufolare Ucraina e Georgia nella NATO. Tuttavia, altri membri della NATO si sono opposti e, alla fine, al suo vertice del 2008 a Bucarest , la NATO non è andata oltre la vaga promessa di un eventuale appartenenza alla NATO. Quindi, l'Ucraina non è uno stato membro della NATO; quindi, non si applica l'articolo 5, la disposizione "un attacco contro uno [è] un attacco contro tutti loro" .

 
Non esiste inoltre un trattato militare bilaterale che vincoli l'Ucraina e gli Stati Uniti, o addirittura l'Ucraina e chiunque altro. Se un simile trattato dovesse essere firmato, ovviamente, il Senato degli Stati Uniti dovrebbe avere voce in capitolo in merito. Ci dovrebbe essere un dibattito nazionale e l'opinione pubblica dovrebbe essere persuasa della saggezza di rimanere impigliato militarmente in un possibile conflitto con la Russia, che Kiev ha unilateralmente designato come un aggressore e un potenziale invasore. C'è un ulteriore problema che emergerebbe in un dibattito nazionale sull'opportunità di stringere un'alleanza con l'Ucraina. Si dice che l'Ucraina sia uno dei luoghi più corrotti del pianeta. In che modo gli Stati Uniti sarebbero in grado di garantire che qualsiasi aiuto militare fornito al governo ucraino non finisca sul mercato nero e nelle mani della milizia fascista come il Battaglione Azov?
 
Diamo un'occhiata ai curdi, invariabilmente lodati dai media come alleati degli Stati Uniti. Non esiste uno stato-nazione che incorpori i curdi; quindi, chiaramente, non può esserci un'alleanza militare formale tra gli Stati Uniti e qualsiasi stato curdo esistente. I curdi sono un gruppo etnico e appartengono a stati che non si identificano come curdi. Qualsiasi alleanza militare formale con i curdi violerebbe la sovranità degli Stati in cui risiedono i curdi, e quindi violerebbe il diritto internazionale. Inoltre, i curdi sono stati accusati in modo credibile di condurre campagne di pulizia etnica in Siria contro arabi e assiri - usando gli aiuti militari forniti loro dagli Stati Uniti - al fine di ritagliare stati curdi etnicamente puri nei paesi dove ci sono altri popoli. Lo stesso vale per i Curdi dell'Iraq . Qualsiasi alleanza militare formale con i curdi attirerebbe gli Stati Uniti in qualche forma di conflitto sulla pulizia etnica.
 
Inutile dire che questo fervente discorso degli alleati non è il risultato di scivoloni spensierati da parte di esperti e politici. Il termine "alleato" cerca di convincere l'opinione pubblica che, nel fornire aiuti militari o fornire addestramento militare agli aspiranti "alleati", gli Stati Uniti stanno rispettando un obbligo legale. E che, anche se non vi fosse alcun obbligo legale, sostengono i responsabili politici e gli esperti, esiste un obbligo morale. Sono i nostri alleati, dopo tutto; aiutare gli amici nel bisogno è la cosa giusta da fare. Ciò che fa andare in cortocircuito il processo attraverso il quale viene fatta un'alleanza formale. Un'alleanza richiede un trattato bilaterale; un trattato bilaterale richiede la firma e la ratifica; la firma e la ratifica richiedono un dibattito pubblico; un dibattito pubblico richiede l'articolazione di una giustificazione per rimanere impigliato in conflitti pericolosi in cui non sono in gioco chiari interessi statunitensi. Meglio, quindi, far finta che sia già stato avviato un dibattito pubblico e che sia già stato firmato e ratificato un trattato e che tutto ciò che serve ora per l'invio di pistole, giavellotti e, naturalmente, molti soldi.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa