OPEC+, Vertice Putin-Al Nahyan a San Pietroburgo: i paesi del Golfo sulla via di Mosca

OPEC+, Vertice Putin-Al Nahyan a San Pietroburgo: i paesi del Golfo sulla via di Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Oggi ha avuto luogo un importante incontro a San Pietroburgo tra i massimi vertici politici di Russia ed Emirati Arabi Uniti, il presidente Vladimir Putin e il suo omologo emiratino Mohammed bin Zayed Al Nahyan.

Durante i 50 anni di relazioni diplomatiche tra Mosca e gli Emirati Arabi Uniti, "i contatti si sono sviluppati solo gradualmente, solo verso l'alto", ha affermato Putin. "Nonostante tutte le difficoltà odierne nelle relazioni globali, le relazioni russo-emiratine rimangono un importante fattore di stabilità regionale e globale in generale”, ha poi aggiunto il presidente russo. 

I due capi di Stato hanno inoltre espresso soddisfazione perché gli scambi bilaterali tra i paesi procedono a gonfie vele. “Abbiamo aumentato il nostro fatturato commerciale da 2,5 miliardi di dollari a 5 miliardi”, ha evidenziato il presidente russo auspicando che questa cifra possa ancora crescere nei prossimi anni. 

Putin ha elogiato il lavoro congiunto all'interno dell'OPEC+. "Le nostre azioni non mirano a creare problemi a nessuno, ma a creare stabilità sui mercati energetici mondiali", ha dichiarato, riferendosi alla politica energetica della Russia. Questi sforzi vengono attuati "in modo che i consumatori di risorse energetiche e coloro che sono coinvolti nell'estrazione mineraria, fornitori dei mercati, si sentano tranquilli, stabili e fiduciosi”. 

Inoltre, il Presidente della Federazione Russa ha osservato che le autorità degli Emirati Arabi Uniti possono usare la loro influenza per aiutare a giungere a una risoluzione della situazione in Ucraina.

Da parte sua, il presidente emiratino Mohamed bin Zayed Al Nahyan ha affermato che, nonostante le difficili condizioni imposte dalla pandemia, le due parti sono state in grado di ottenere molti risultati nei tre anni trascorsi dall'ultimo vertice bilaterale e, in particolare, di aumentare significativamente gli scambi commerciali.

Secondo il Ministero degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, la visita di Al Nahyan in Russia ha l'obiettivo di "contribuire al raggiungimento della sicurezza e della stabilità nella regione e nel mondo, e di rafforzare una cooperazione fruttuosa e costruttiva con le potenze regionali e internazionali, oltre a comunicare con tutte le parti interessate alla crisi in Ucraina per aiutare a raggiungere soluzioni politiche efficaci".

Il Ministero degli Esteri emiratino ha ribadito la disponibilità del governo a "sostenere gli sforzi per trovare una soluzione pacifica alla crisi in Ucraina”. 

“Sia gli Emirati Arabi Uniti che l'Arabia Saudita sono interessati alla cooperazione economica con la Russia e ora ci sono un gran numero di incontri d'affari bilaterali tra la Russia e questi due paesi del Medio Oriente. I colloqui tra Putin e Al Nahyan mostrano che le nostre relazioni stanno già raggiungendo un nuovo livello”, ha dichiarato alla rivista Argumenty i Fakty Boris Dolgov, Boris Dolgov, ricercatore di spicco presso l'Istituto di studi orientali dell'Accademia delle scienze russa. 

L’esperto ha aggiunto che le sanzioni statunitensi possono influire sulla cooperazione tra Russia ed Emirati Arabi Uniti, ma ci sono alcune sfumature da cogliere.Il Congresso degli Stati Uniti chiede di privare gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita dell'assistenza militare USA a causa del loro sostegno al taglio della produzione mondiale di petrolio di 2 milioni di barili al giorno.

“Quello che ora viene proposto al Congresso - cioè, ridurre la cooperazione militare è più importante per l'Arabia Saudita, i cui campi sono periodicamente attaccati dai ribelli yemeniti Houthi. Tuttavia, se i giacimenti sono costantemente sotto attacco, ciò comporterà una riduzione della produzione di petrolio e, in definitiva, problemi per gli stessi Stati”, ha notato Dolgov.

Secondo Dolgov, il principale deterrente al rapido sviluppo della cooperazione tra Russia ed Emirati Arabi Uniti è la crisi ucraina.

“Dalle mie conversazioni con rappresentanti delle imprese e funzionari, diventa chiaro che i paesi del Medio Oriente stanno aspettando come finirà il conflitto in Ucraina. Il suo completamento con successo a favore della Russia, ovviamente, avrebbe un effetto stimolante sullo sviluppo delle nostre relazioni con i paesi del Golfo Persico", ha spiegato l'esperto.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti