Pallone cinese negli USA: disinformazione per alimentare la nuova Guerra Fredda

Pallone cinese negli USA: disinformazione per alimentare la nuova Guerra Fredda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ricordate la vicenda del fantomatico pallone spia cinese in volo nei cieli degli States per carpire chissà quali informazioni o segreti di Washington?

Il governo degli Stati Uniti ha ammesso che le gravi accuse mosse contro la Cina erano prive di fondamento. Il massimo rappresentante delle forze armate degli Stati Uniti ha chiarito che il pallone aerostatico cinese che ha attraversato il territorio statunitense nel febbraio 2023 non stava effettuando attività di spionaggio; era molto probabilmente stato deviato dalla sua rotta a causa del vento, come evidenziato da Ben Norton su Geopolitical Economy.

Un'intervista pubblicata da CBS News a settembre con il capo del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha confermato che "la comunità di intelligence, con un'alta certezza, ha stabilito che non ci sono state raccolte di informazioni da parte di quel pallone".

Milley ha ammesso che l'oggetto in gomma di grandi dimensioni è stato probabilmente spinto fuori rotta da potenti venti.

Questo rapporto, pubblicato sette mesi dopo l'incidente, ha confermato esattamente quanto dichiarato dal governo cinese all'epoca: il suo pallone non stava spiando gli Stati Uniti ed era entrato accidentalmente nel loro spazio aereo.

Il governo degli Stati Uniti ha comunque sostenuto che il pallone cinese era dotato della tecnologia capace di essere utilizzata per raccogliere informazioni, anche se non ha chiarito se questa tecnologia fosse specificamente focalizzata sulla raccolta di dati sui modelli meteorologici, come sostenuto da Pechino.

Indipendentemente da ciò, CBS News ha riconosciuto nel suo rapporto che "dopo che la Marina ha recuperato i resti dal fondo dell'Atlantico, gli esperti tecnici hanno scoperto che i sensori del pallone non erano mai stati attivati mentre si trovava sopra gli Stati Uniti continentali".

Quindi, anche se il pallone cinese aveva la capacità tecnologica di spiare gli Stati Uniti, come afferma Washington, il sensore non è mai stato acceso.

Questo non è il primo caso in cui un alto funzionario degli Stati Uniti ha ammesso che il pallone cinese non stava spiando. A giugno, il portavoce del Pentagono, il generale di brigata Pat Ryder, ha fatto commenti molto simili.

"Siamo a conoscenza del fatto che (il pallone) aveva capacità di raccolta di intelligence, ma è stata - ed è stata - la nostra valutazione che non ha effettuato operazioni di raccolta durante il transito negli Stati Uniti", affermava il portavoce del Dipartimento della Difesa, citato da ABC News.

Nonostante queste rivelazioni dimostrino che l'intera vicenda è stata fabbricata, Washington e i media statunitensi hanno trasformato questo incidente meteorologico in una crisi diplomatica, sfruttando l'incidente per demonizzare la Cina e dipingerla come una grave "minaccia".

La reazione a livello nazionale ricorda la propaganda grossolana della prima guerra fredda, quando il governo degli Stati Uniti produceva film come "Duck and Cover" che istruivano gli studenti a nascondersi sotto i loro banchi in caso di improvvisa aggressione nucleare sovietica, o quando Hollywood sfornava film di successo che spingevano gli americani a sospettare che i loro vicini potessero essere malvagi spie comuniste russe.

Oggi gli Stati Uniti stanno conducendo una nuova, seconda guerra fredda. Mosca è ancora un obiettivo, ma questa volta il principale avversario di Washington è Pechino.

Come ha dichiarato chiaramente la CNN a febbraio, "la crisi del pallone cinese potrebbe essere un momento fondamentale nella nuova guerra fredda".

Durante la crisi creata ad arte, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che l'equipaggiamento del pallone ad alta quota era chiaramente per la sorveglianza dell'intelligence e poteva condurre operazioni di raccolta di segnali di intelligence.

Il Pentagono ha definito l'oggetto in gomma un "pallone di sorveglianza cinese manovrabile" che "ha violato lo spazio aereo degli Stati Uniti e il diritto internazionale, il che è inaccettabile".

La Casa Bianca ha accusato Pechino di condurre un programma di spionaggio "globale", affermando: "Sappiamo che questi palloni di sorveglianza cinesi hanno attraversato dozzine di paesi su più continenti in tutto il mondo, compresi alcuni dei nostri alleati e partner più stretti".

Politici statunitensi bellicosi, come il deputato repubblicano Mike Gallagher, presidente della Select Committee della Camera dei rappresentanti sul Partito Comunista Cinese, hanno dichiarato che il grande oggetto in gomma "è una minaccia qui, a casa. È una minaccia per la sovranità americana ed è una minaccia per il Midwest".

Fox News ha invitato in onda attivisti neoconservatori provenienti da think tank finanziati dall'industria delle armi, che hanno sostenuto che Pechino stava usando il pallone per spiare gli Stati Uniti al fine di "preparare il campo di battaglia" per la guerra.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha addirittura dichiarato che l'oggetto in gomma rappresentava una minaccia per altri governi occidentali.

Mentre era accanto al segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony Blinken, Stoltenberg ha insistito sul fatto che "il pallone sopra gli Stati Uniti conferma un modello di comportamento cinese in cui vediamo che la Cina ha investito pesantemente in nuove capacità, compresi diversi tipi di piattaforme di sorveglianza e intelligence... Dobbiamo essere consapevoli del costante rischio dell'intelligence cinese e intensificare ciò che facciamo per proteggerci e reagire in modo prudente e responsabile".

La vicenda del pallone cinese che ha attraversato lo spazio aereo degli Stati Uniti e che è stata poi trasformata in una potenziale crisi diplomatica è un esempio lampante di come i media mainstream possano essere influenzati dalla propaganda e dalla narrativa geopolitica imperialista. Questo episodio dimostra quanto sia cruciale mantenere una vigilanza critica nei confronti delle notizie e delle dichiarazioni provenienti dal governo di Washington, soprattutto in un periodo in cui si sta intensificando una nuova guerra fredda, questa volta tra gli Stati Uniti e la Cina.

I media mainstream, invece di svolgere il loro ruolo di guardiani dell'informazione e di fornitori di notizie accurate, sono sempre più coinvolti nel perpetuare una narrazione che favorisce gli interessi geopolitici del governo statunitense. Nel caso del pallone cinese, è evidente che la situazione è stata sfruttata per dipingere la Cina come una minaccia globale, alimentando la paura e l'ansia tra il pubblico.

Ciò che è ancor più preoccupante è che, nonostante le rivelazioni successive abbiano smontato questa narrativa e dimostrato che si trattava di una semplice questione meteorologica, i media mainstream raramente assumono la responsabilità delle loro inesattezze o della disinformazione diffusa. Questo mancato riconoscimento delle proprie responsabilità mina la fiducia del pubblico nei media e indebolisce il loro ruolo come fonti affidabili di informazione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti