/ Pechino esige che gli USA ritirino le loro navi dal Mar cinese me...

Pechino esige che gli USA ritirino le loro navi dal Mar cinese meridionale e di porre fine alle provocazioni

 

Questa è la terza volta nel 2019 che gli Stati Uniti lo hanno fatto, eseguendo operazioni di navigazione in acque considerate dalla Cina come il territorio sotto la sua sovranità.


La Marina cinese ha esortato i distruttori degli Stati Uniti Preble e Chung Hoon di lasciare la zona che circonda le isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale e rivendicato da Cina, Filippine e Vietnam.
 
Oggi entrambe le navi da guerra della Marina degli Stati Uniti sono passate ad una distanza di 12 miglia nautiche dalle barriere Johnson e Gaven, che fanno parte dell'arcipelago conteso. Situazione in cui il governo di Pechino invita Washington a fermare questi "atti provocatori", secondo quanto riporta la Reuters.
 
Il comandante degli Stati Uniti della Settima Flotta, Clay Doss ha dichiarato che è un "passaggio inoffensivo" il cui scopo era "per sfidare i crediti marittimi eccessive e preservare l'accesso a corsi d'acqua di diritto internazionale".
 
Da parte sua, il portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Cina, Geng Shuang, ha replicato in una conferenza stampa nella capitale, dopo le identificazioni delle navi sono stati avvertiti che avevano "violato la sovranità [cinese] e minato la pace e la sicurezza delle acque ".
 
La navigazione "inoffensiva" delle navi degli Stati Uniti giunge nel bel mezzo della tensioni tra Washington e Pechino, lontane dal raggiungere un accordo per porre fine alla guerra delle tariffe e risolvere discrepanze nel campo dell'economia.
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa