Perché la visita di Petro in Venezuela è di portata storica

 Perché la visita di Petro in Venezuela è di portata storica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Qualche giorno fa a Caracas ha avuto luogo un evento assai simbolico e che avrà un forte impatto sull’intera regione sudamericana. Il presidente colombiano Petro è stato ricevuto dal suo omologo venezuelano Maduro a palazzo Miraflores. Quest’incontro segna la ripresa e la normalizzazione delle relazioni tra i due paesi dopo la triste parentesi di Ivan Duque che in tutti i modi ha cercato in combutta con gli Stati Uniti di rovesciare Maduro rendendo la Colombia la principale piattaforma per la destabilizzazione del vicino Venezuela.  


"È innaturale che Colombia e Venezuela si separino, perché siamo lo stesso popolo, siamo uniti da legami di sangue, storici e genetici", ha dichiarato il presidente Petro in seguito alla riunione di lavoro con Maduro. 

Nel marzo 2013, il presidente Juan Manuel Santos si è recato a Caracas per partecipare ai funerali del presidente Hugo Chávez ed è stato ricevuto dallo stesso Maduro. Poi, nel 2016, il Presidente Maduro e Santos hanno avuto un incontro privato nella città di Puerto Ordaz, dove hanno discusso di vari temi delle relazioni bilaterali.

Da allora, nessun capo di governo del Paese vicino è mai arrivato a Caracas per incontrare il presidente venezuelano. Erano quindi ben sei anni di allontanamento segnato dallo scontro e dalla progressiva distruzione dei legami commerciali, economici e diplomatici tra i due Paesi, che Petro ha invertito con la sua visita a Caracas.

La strategia di scontro e assedio che Santos ha prefigurato alla fine del suo mandato e che il governo di Iván Duque ha poi intensificato all'estremo, partecipando a operazioni dal profilo paramilitare con l'obiettivo di rovesciare Maduro fino a spingersi al riconoscimento del governo fake di Juan Guaidó in ossequio agli interessi geopolitici e strategici degli Stati Uniti. 

A tal proposito Mision Verdad evidenzia un’interessante analogia tra Colombia e Ucraina, due paesi utilizzati dagli Stati Uniti per i propri interessi per attaccare le nazioni vicine scomode per Washington. “Pur con le ovvie differenze nella composizione storica e sociale dell'Europa dell'Est e del Sud America, la guerra in Ucraina è abbastanza esemplificativa di come la strumentalizzazione dell'esternalizzazione, per delega, di uno Stato contro un altro, nel caso della Russia, con cui condividono legami di storia, geografia e cultura, possa avere conseguenze devastanti.

Per quanto riguarda la linea guida dell'operazione di cambio di regime contro il Venezuela, attraverso l'uso esternalizzato della Colombia come perno della guerra ibrida, si può dire che aveva gli attributi della modellazione dell'offensiva in Ucraina: provocare una frattura storica dei legami territoriali e affettivi di una patria comune, come passo preliminare a una guerra di dissanguamento in cui l'unico beneficiario sarebbero stati, sorpresa!, gli Stati Uniti”. 

L’analisi del portale venzuelano continua così: “Questo tipo di strategia è stata sostenuta dal teorico della scuola del realismo offensivo, John J. Mearsheimer, nella sua opera The Tragedy of Great Power Politics. L'ha definita ‘Bait and bleed’, in cui due Stati degradano in modo prolungato le proprie risorse militari, economiche e sociali, mentre lo Stato che sponsorizza il conflitto approfitta delle conseguenze per rafforzare il proprio disegno geopolitico.

A loro modo e nelle loro circostanze, la popolazione della frontiera binazionale è stata la principale vittima del vuoto di Stato derivante dal programma di conflitto antagonista di Uribe contro il Venezuela. La perdita di linee di contatto e di cooperazione per tanti anni ha fatto sì che il vuoto di istituzioni e di organizzazione interstatale di una vasta regione interconnessa dal commercio e dalle migrazioni fosse riempito da un ecosistema di economie criminali, con il traffico di droga e il paramilitarismo al centro della loro attrazione gravitazionale”.

Adesso, “la visita di Petro implica implicitamente un graduale cambiamento di prospettiva geostrategica, o almeno l'inizio di una modifica della posizione della Colombia sullo scacchiere geopolitico. L'incontro con Maduro sembra essere una parziale risposta all'allineamento esclusivamente atlantista e filo-statunitense che ha storicamente sostenuto la politica estera del Paese vicino e mira a delimitare, da parte della Colombia, un nuovo margine di attività diplomatica incentrato sulla regione, dove è fondamentale riconoscere la statura geopolitica del Venezuela.

Un aspetto importante da tenere presente è come Petro abbia anteposto la cooperazione pragmatica all'ideologia, dando un peso decisivo alla normalizzazione delle relazioni consolari e diplomatiche, alla riattivazione del commercio e alla riorganizzazione dei flussi migratori.

Ciò è stato stabilito nella Dichiarazione congiunta firmata dai due presidenti, che stabilisce una tabella di marcia stabile per l'avanzamento delle relazioni, secondo un parametro incrementale di riparazione e rafforzamento della cooperazione binazionale.

Al di là della narrazione romantica così comune in questo tipo di eventi, è vero che l'incontro ha una carica storica derivante dall'eredità bolivariana che costituisce il nodo critico dei legami sociali e culturali tra i due Paesi”.

Chi esce sconfitto dalla normalizzazione delle relazioni tra i due paesi?

"È un evento storico per un presidente colombiano visitare il Venezuela dopo quasi un decennio e tutto ciò che è accaduto negli ultimi tempi. È un fatto politico in cui i grandi perdenti sono Iván Duque e l'uribismo, da parte colombiana, e Juan Guaidó e il suo gruppo, da parte venezuelana", ha spiegato il giornalista Miguel Ángel Pérez Pirela nel suo programma Desde Donde Sea. 

"I governi del cartello di Lima che hanno cercato di rovesciare il presidente Nicolás Maduro e di bloccare il Venezuela, compreso quello di Duque, sono ormai lontani”, ha aggiunto.

Come ricordato in precedenza, infatti, Duque è stato il principale sponsor regionale dell'ex deputato Guaidó come presidente ad interim del Venezuela e suo partner strategico per accerchiare diplomaticamente e finanziariamente il governo bolivariano e provocare la caduta di Maduro, con l’attivo sostegno delle amministrazioni statunitensi di Donald Trump e Joe Biden.  

Duque è stato anche un attore chiave nella bancarotta di Monómeros, come dimostrano le numerose denunce documentate dal governo venezuelano, nonché i rapporti pubblicati per la prima volta dal portale di open data ‘La Tabla’ e poi successivamente rilanciati dalla stampa colombiana dopo l’ascesa alla presidenza di Gustavo Petro.

Impatto regionale 

Il nuovo corso avviato da questa visita di Petro a Caracas avrà un benefico impatto a livello regionale. Maduro ha descritto l'incontro bilaterale on il suo omologo colombiano come "fruttuoso" e "veramente di buon auspicio", in quanto è stata discussa un'agenda completa di questioni binazionali e regionali. 

I colloqui hanno riguardato le relazioni commerciali ed economiche binazionali, le misure per riaprire completamente e in sicurezza il lungo e poroso confine comune con la Colombia, nonché la cooperazione tra Monómeros e la sua società madre, Pequiven, per la fornitura di fertilizzanti.  

Maduro ha anche accennato all'integrazione regionale e multilaterale, nonché all'interesse di Caracas e Bogotà per gli sforzi congiunti volti a proteggere la foresta amazzonica e a combattere il cambiamento climatico.  

Per quanto riguarda l’integrazione, il presidente venezuelano ha riferito che è in discussione il rientro del Venezuela nella Comunità Andina delle Nazioni (CAN) e il ritorno nel Sistema Interamericano dei Diritti Umani, proposte che ha detto di aver ricevuto con le migliori intenzioni.  

In relazione all'agenda dell'integrazione, Petro ha innanzitutto menzionato la necessità di sostenere uno sforzo congiunto tra i due Paesi bolivariani per preservare l'Amazzonia, un'iniziativa alla quale spera che il Brasile aderisca, dato il suo ruolo fondamentale di nazione amazzonica, ora che Bolsonaro non sarà più alla presidenza. 

Allo stesso modo, ha chiesto al Perù e all'Ecuador di riconsiderare la reintegrazione del Venezuela e del Cile nella CAN e ha avanzato argomenti per giustificare il ritorno del Venezuela nel Sistema interamericano dei diritti umani, basati sulla difesa dei principi della democrazia liberale, pur ricordando come questi diritti siano stati calpestati dalle dittature latinoamericane del secolo scorso, senza che il sistema facesse nulla per impedirlo.  

A suo avviso, nonostante le numerose violazioni di questi principi che si sono verificate in America Latina, il Venezuela e l'Uruguay sono stati pionieri nel dimostrare che era possibile per coloro che avevano precedentemente imbracciato le armi contro lo Stato accedere al potere attraverso le urne, e ha sottolineato che lui stesso è un erede di questa tradizione.  

In chiusura del suo discorso, Maduro ha aggiunto che i due governi hanno concordato di attuare azioni concrete in materia di commercio, economia e sicurezza delle frontiere, nonché di continuare a rafforzare le relazioni diplomatiche e consolari, al fine di garantire l'assistenza ai loro numerosi cittadini che vivono dall'altra parte del confine.  

Conclude Mision Verdad: “La caratteristica bolivariana della visita di Petro, insomma, non risiede nei vuoti riferimenti alla fratellanza e all'unità culturale, ma nel cuore stesso della dottrina del Libertador, che intendeva la Nuova Granada come base materiale per la configurazione di un nuovo ordine geopolitico grazie alle sue caratteristiche economiche, geografiche e territoriali.

Nella Lettera della Giamaica, Bolivar afferma che ‘Nuova Grenada, che è, per così dire, il cuore dell'America’ e la sua ‘posizione, sebbene sconosciuta, è molto vantaggiosa sotto ogni aspetto’. Il suo accesso è facile e la sua situazione è così forte che può essere resa inespugnabile. Ha un clima puro e salubre, un territorio adatto sia all'agricoltura che all'allevamento del bestiame e una grande abbondanza di legname".

Sebbene i riassetti geopolitici, istituzionali e giuridici abbiano modificato la realtà politica che ha plasmato le prime repubbliche indipendenti del XIX secolo, la composizione materiale della Colombia delineata da Bolívar è ancora presente e, in un contesto di contrazione dell'economia mondiale e di disputa per le materie prime condotta dalle grandi potenze capitalistiche, è ancora presente, un incontro presidenziale che ha portato in primo piano il desiderio di complementarietà e le urgenti priorità comuni, ha una connotazione storica per affrontare le questioni in sospeso e la configurazione delle condizioni per ampliare il margine di manovra in difesa della sovranità e del benessere materiale di entrambi i Paesi, in vista delle vaste risorse che possono essere messe in comune a lungo termine”.

 
 
 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti