World Affairs/Ritorno al passato: il più alto tribunale amministrativo della Tu...

Ritorno al passato: il più alto tribunale amministrativo della Turchia abroga il decreto del 1934, Hagia Sophia torna una moschea

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il più alto tribunale amministrativo della Turchia, il Consiglio di Stato, ha annullato il decreto del 1934 che convertiva Hagia Sophia in un museo, il che significa che ora può essere utilizzata come moschea, secondo quanto riferito dall’emittente CNN Turk. 

 

Con la sentenza della corte, le autorità del paese hanno ricevuto il diritto di cambiare legalmente lo status di Santa Sofia da museo a moschea.

 

Ankara ha ripetutamente sottolineato che considera lo status di Hagia Sophia, situata a Istanbul, come una questione interna alla Turchia e non ammette qualsiasi interferenza straniera nella decisione.

 

La Turchia - evidenzia Sputnik - è stata osteggiata dall'UNESCO, dall'UE, dagli Stati Uniti e dai cristiani di tutto il mondo, con il patriarca ecumenico Bartolomeo che ha avvertito che la mossa "li avrebbe rivolti contro l'Islam".

 

La Basilica di Santa Sofia, uno dei siti storici e culturali più importanti del mondo, fu costruita nel sesto secolo durante il regno dell'Impero bizantino e fu sede della Chiesa greco-ortodossa. Fu convertita in una moschea imperiale con la conquista ottomana di Istanbul nel 1453. Poi trasformata in museo nel 1934 per volere del CHP durante la presidenza di Kemal Atatürk, fondatore e primo presidente della Turchia. 

 

"La questione dello statuto di Hagia Sophia è un affare interno della Turchia e del suo diritto di sovranità", ha detto al quotidiano Daily Sabah, Cengiz Tomar, rettore dell'Università Ahmet Yesevi. “È stata trasformata in un museo attraverso un decreto del governo e può ancora una volta trasformarsi in una moschea con un decreto”.

 

La scorsa settimana il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato che le accuse mosse contro la Turchia contro l'Hagia Sophia colpiscono direttamente la sovranità del paese.

 

“Che sia positiva o negativa, questa decisione è un diritto del governo e ha un sostegno significativo da parte del popolo. La questione di Hagia Sophia ha lasciato profonde tracce nella mente del popolo turco proprio come l'esecuzione di (ex Primo Ministro Adnan) Menderes e questo trauma deve essere risolto", ha aggiunto Tomar.

 

Ci sono state critiche sulla decisione in alcuni ambienti, con il Segretario di Stato nordamericano Mike Pompeo che ha rilasciato una dichiarazione la scorsa settimana esortando il governo turco a mantenere lo status di museo.

 

Il presidente turco ha osservato che ci sono 435 chiese e sinagoghe in Turchia dove cristiani ed ebrei possono pregare.

Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa