Scontro tra i caccia stealth F-22 ed F-35. Chi esce vincitore?

Scontro tra i caccia stealth F-22 ed F-35. Chi esce vincitore?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un ipotetico scontro tra due caccia fiore all’occhiello dell’aeronautica degli Stati Uniti come F-22 ed F-35, entrambi velivoli super-manovrabili, di quinta generazione e dotati di tecnologia stealth, chi avrebbe la meglio?

 

Un paio di caccia furtivi degli Stati Uniti F-22A Raptor si sono scontrati con una coppia di jet della Royal Air Force F-35A Joint Strike Fighter, in occasione di una missione di addestramento. 

 

Ci sono pochissimi dettagli disponibili sull'esercitazione, ma si possono fare alcune deduzioni sul tipo di allenamento intrapreso dalle due parti, scrive The National Interest

 

I norvegesi, da parte loro, furono colpiti dalla temibile abilità aria-aria del Raptor. 

 

"L'F-22 è un formidabile avversario", ebbe a dichiarare il maggiore dell'aeronautica norvegese Morten Hanche, pilota di uno degli F-35 norvegesi, ad Andrea Shalal di Reuters.

 

I norvegesi dissero a Shalal che esercitarsi con gli F-22 nordamericani offriva ai nuovi jet furtivi opportunità di addestramento che normalmente non sarebbero disponibili, dal momento che gli F-35 sono di solito in grado di sorprendere e "sopraffare" i velivoli non furtivi convenzionali.

 

Non sorprende che, come aeronautica professionale, i norvegesi abbiano rifiutato di discutere su quale parte "vincesse" durante gli esercizi di addestramento. In genere, tali discussioni sono tenute in confidenza durante un debriefing dopo una sortita tra i partecipanti.

 

In generale, ci sono alcune ipotesi che possono essere fatte - continua l’analisi di The National Interest - in base al modo in cui operano le forze aeree dell'alleanza degli Stati Uniti e della NATO. Le forze aeree professionali non si impegnano nel tipo di spavalderia che si possono vedere al massimo in film come Top Gun, ma l'intera faccenda riguarda la costruzione di competenze professionali. Ciò include lo sviluppo di abilità di equipaggio, esercitazione e perfezionamento di tattiche, tecniche e procedure, tra le altre cose.

 

Inoltre, quando vi sono forze aeree di diversi stati alleati che partecipano, quelle forze aeree stanno spesso cercando di sviluppare relazioni professionali tra i loro aviatori e costruire l'interoperabilità tra le loro forze. È così che hanno familiarità con le reciproche tattiche e procedure in caso di guerra. Gli equipaggi di diversi partner NATO, in questo caso la Norvegia e gli Stati Uniti, potrebbero trovarsi a combattere fianco a fianco durante un'operazione di emergenza, come hanno fatto nel 2011 durante l'operazione Odyssey Dawn.

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti