SIPRI. USA si confermano il più grande venditore di armi al mondo

SIPRI. USA si confermano il più grande venditore di armi al mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Più di un terzo delle armi vendute nel mondo negli ultimi cinque anni sono Made In SUA, mentre l'Arabia Saudita resta il più grande importatore di armi.

Lo ha riferito lo Stockholm International Peace Research Institute, SIPRI, in un rapporto pubblicato questo lunedì.

Secondo lo studio, gli Stati Uniti hanno rappresentato il 37% delle vendite mondiali di armi tra il 2016 e il 2020; Un periodo in cui quasi la metà delle sue vendite (47%) era destinata alla regione dell'Asia occidentale, con l'Arabia Saudita principale importatore di armi statunitensi, costituendo il 24% delle esportazioni delle armi di Washington.

L'organizzazione, con sede a Stoccolma, ha evidenziato che le esportazioni statunitensi sono aumentate del 15% rispetto al quinquennio precedente, ovvero dal 2011 al 2015.

Nel frattempo, l'Arabia Saudita ha aumentato i suoi acquisti di armi tra il 2016 e il 2020 del 61% rispetto al quinquennio precedente, diventando il principale importatore di armi al mondo, con un aumento dell'11% nelle sue acquisizioni.

Tutto questo mentre la Russia, il secondo esportatore mondiale, ha rappresentato un quinto delle consegne globali di armi e ha anche visto le sue esportazioni diminuire del 22%, principalmente a causa della diminuzione delle sue esportazioni verso l'India.

A sua volta, la Francia risulta essere il terzo esportatore, con l'8%, e ha registrato diversi importanti accordi con India, Egitto e Qatar.

Germania e Cina hanno completato l'elenco dei primi cinque esportatori. Pakistan, Bangladesh e Algeria sono stati i maggiori destinatari di armi cinesi.

In questo scenario, aggiunge il SIPRI, il commercio internazionale di armi si è stabilizzato negli ultimi cinque anni, per la prima volta dall'inizio del secolo, soprattutto per il fatto che molti paesi importatori hanno iniziato a produrle.

Infine, per la prima volta dal 2001 al 2005, il volume delle vendite di armi tra i paesi non è aumentato rispetto quinquennio precedente, ma è rimasto vicino ai record raggiunti dalla fine della Guerra Fredda.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti