/ Siria. 17 attacchi terroristici contro la base russa di Kmeimim, ...

Siria. 17 attacchi terroristici contro la base russa di Kmeimim, mentre l'esercito siriano ha eliminato 150 terroristi di al Nusra a Idlib

 

Mosca ha riferito che i suoi militari hanno distrutto 9 missili jihadisti e che 8 di questi non hanno raggiunto il loro obiettivo.


Il ministero della Difesa russo ha comunicato che i terroristi di Jabhat al Nusra (noto anche come Fronte di Al Nusra) hanno effettuato 17 attacchi contro la base aerea russa a Kmeimim (Siria) nelle ultime ore.
 
"Il 22 maggio, i combattenti hanno effettuato 17 attacchi usando lanciarazzi multipli dall'area di riduzione della tensione di Idlib verso la base aerea russa di Kmeimim, otto missili lanciati non hanno raggiunto la base aerea. Il resto è stato distrutto dal sistema antimissile russo ", recita una nota del ministero della Difesa.
 
Il Ministero ha anche aggiunto che dal pomeriggio del maggio 21 i membri dell'organizzazione Al-Nusra hanno attaccato le forze governative siriane con veicoli blindati, lanciarazzi e auto con attentatori suicidi cariche di esplosivo.
 
"Solo la mattina del 22 maggio, l'esercito siriano ha dovuto affrontare tre attacchi massicci da parte di miliziani di Jabhat al Nusra nel villaggio di Kafr Nbud, che ha coinvolto fino a 500 combattenti, sette carri armati, 4 mezzi corazzati, la fanteria, circa 30 camion con mitragliatrici pesanti e 2 auto con esplosivi guidati da kamikaze", ha riferito il ministero russo.
 
Inoltre, più di 200 terroristi hanno partecipato a due tentativi falliti di rompere le posizioni difensive delle truppe governative nell'area di insediamento di El Jairat.
 
Secondo la Difesa russa, durante i combattimenti le forze dell'esercito siriano hanno eliminato circa 150 terroristi del Fronte di Al Nusra, oltre ad aver distrutto diversi loro veicoli.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa