/ Siria: il silenzio delle Nazioni Unite incoraggia le politiche di...

Siria: il silenzio delle Nazioni Unite incoraggia le politiche di invasione di Stati Uniti e Israele

 

La Siria denuncia che il silenzio delle Nazioni Unite ha incoraggiato la continuazione dell'occupazione israeliana del Golan e l'espansione degli insediamenti su questo altopiano.


"Il silenzio del Consiglio di Sicurezza (ONU, UNSC) ha anche incoraggiato Israele a continuare a occupare territorio arabo, annettendo più terra ed espandere gli insediamenti", ha dichiarato, ieri,  il rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite, Bashar Al- Jafari.
 
Il diplomatico siriano ha anche denunciato che il silenzio del Consiglio di sicurezza dell'ONU in merito all'occupazione del Golan ha dato il proprio sostegno all'invasione delle politiche statunitensi e di Israele.
 

 
"Vedere silenzio dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per quanto riguarda l'occupazione israeliana del Golan siriano, ha incoraggiato Washington ad evitare gli obblighi di risoluzione 497 delle Nazioni Unite che considera le misure dell'occupazione nel Golan occupato nulle e senza effetto giuridico" ha ricordato.
 
Jaafari ha criticato allo stesso modo il regime di Tel Aviv per il recente insediamento di un nuovo insediamento israeliano sulle alture del Golan, che ha dato il nome al suo stretto alleato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
 
Allo stesso modo, ha fatto riferimento all'atto in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza di Trump, riconoscendo a marzo "la sovranità israeliana sulle alture del Golan siriano", che il regime di Tel Aviv ha occupato durante la guerra dei sei giorni nel 1967 e poi annessa nel 1981, una decisione che non è riconosciuta dalla comunità internazionale.
 
 
Fonte: Sana
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa