Soleimani ha costretto Israele a dimenticare il suo slogan 'dal Nilo all'Eufrate'

Soleimani ha costretto Israele a dimenticare il suo slogan 'dal Nilo all'Eufrate'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portavoce del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC) dell'Iran, generale Ramezan Sharif, ha affermato che, per molti anni, Qasem Soleimani si è dedicato al rafforzamento dell'Asse della Resistenza nella regione dell'Asia occidentale contro il regime israeliano e quindi fornire uno strumento per la liberazione della città palestinese occupata di Al-Quds (Gerusalemme).

"Dopo che il generale Soleimani ha iniziato la sua missione a sostegno dell'Asse della Resistenza contro l'occupante sionista, abbiamo visto che la Resistenza ha ottenuto vittorie contro il nemico, costringendo Israele a dimenticare il suo slogan 'dal Nilo all'Eufrate' ", (piano israeliano per occupare le regioni tra Egitto e Iraq)”, ha dichiarato, ieri, il portavoce persiano.

Sharif ha fatto queste affermazioni in un'intervista all'agenzia di stampa libanese Al-Ahd, nel quadro del primo anniversario dell'assassinio del generale di spicco Qasem Soleimani, comandante della Forza Quds dell'IRGC, in un attacco terroristico, perpetrato dagli Stati Uniti, il 3 gennaio, a Baghdad. 

Sharif ha anche assicurato che, grazie agli sforzi e al sostegno incondizionato del generale Soleimani per l'Asse della Resistenza, " il popolo palestinese è passato dal lancio di pietre al lancio di missili, che sono diventati un incubo per i sionisti".

Nelle sue osservazioni, Sharif ha avvertito che, nonostante gli oltre 70 anni di occupazione israeliana della Palestina, il regime di Tel Aviv cerca ancora di costruire più insediamenti illegali e di espellere i palestinesi con la forza.

Inoltre, ha sottolineato che i palestinesi, con i loro diversi punti di vista, sono divisi in due gruppi, uno per la via del negoziato e l'altro per la lotta contro i sionisti; Tuttavia, nonostante queste differenze, il popolo palestinese, con tutta la forza e la "resistenza eroica", continua a lottare contro le aggressioni del regime di Tel Aviv.

Allo stesso modo, ha sottolineato il coordinamento e la cooperazione tra i gruppi della Resistenza, come il Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (HAMAS), tra gli altri, " la Resistenza Palestinese ha fiducia in se stessa ", ha concluso.

Soleimani,  assassinato il 3 gennaio scorso in un attacco aereo Usa a Baghdad, ha sempre insistito sulla necessità di lottare contro il regime sionista di Israele e per la piena liberazione della Palestina.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti