/ Studio universitario shock. "Lavoratori messicani dovrebbero lavo...

Studio universitario shock. "Lavoratori messicani dovrebbero lavorare più di 24 ore al giorno per il proprio sostentamento"

 

Il Centro di analisi interdisciplinare (CAM) dell'Università Nazionale Autonoma del Messico stima che un messicano con salario minimo dovrebbe lavorare 24 ore e 31 minuti al giorno per poter permettersi generi alimentari di base

I messicani con un salario minimo dovrebbero lavorare più di 24 ore al giorno per poter sostentarsi. Lo afferma un nuovo studio universitario ripreso oggi da Telesur.

Il Centro di analisi interdisciplinare (CAM) dell'Università Nazionale Autonoma del Messico arriva a questa conclusione scioccante in un nuovo rapporto dal titolo "Messico 2018: un'altra sconfitta sociale e politica della classe operaia, gli aumenti salariali che sono nati morti". Un messicano con salario minimo, secondo lo studio, dovrebbe lavorare 24 ore e 31 minuti al giorno per poter permettersi generi alimentari di base - il dato era di 21 ore e 13 minuti all'inizio del mandato presidenziale di Enrique Peña Nieto.





I docenti della facoltà di Economia Luis Lozano Arredondo e David Lozano Tovar sottolineano  come nel 1987 fossero necessarie solo 4 ore e 53 minuti di lavoro per soddisfare i bisogni di base. Ciò significa che il lavoratore ha lasciato 19 ore e 7 minuti per attività personali, incluso il tempo libero e il riposo. Nell'ottobre 2017, il salario minimo in Messico è stato di 80,04 pesos messicani (circa 4,15 dollari USA) per una giornata lavorativa di otto ore, ma il prezzo del quotidiano "Paniere cibo consigliato" (CAR) è di 245,34 pesos (US $ 12,70).


Ciò significa che la perdita di potere d'acquisto tra il 16 dicembre 1987 e il 26 ottobre 2017 è pari all'80,8 percento. Prima dell'aumento del salario minimo di quest'anno a 88,36 pesos (US $ 4,59), un messicano poteva comprare solo il 32,62% del paniere alimentare raccomandato. Tuttavia, il costo delle forniture di base come uova, avocado, gas liquefatti e tortillas di mais sono aumentati dal 24 al 34 percento.

Lo studio conclude accusa le politiche neoliberiste del presidente messicano volte a promuovere una situazione in cui non ci sono abbastanza ore di lavoro al giorno per soddisfare i bisogni di base. "Coloro che hanno permesso questo - come uomini d'affari, governi, partiti politici, sindacati sotto il controllo del datore di lavoro - non sono mai stati interessati alla classe operaia, né nelle loro vite o necessità degli esseri umani che siamo", si legge nel rapporto. 

Foto tratta da "Social Documentary: Mexico Garbage Dump Workers-Their Community, Struggles & Poverty"
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa