Tutte le strade portano a Pechino: come è andato il primo giorno della visita di Putin in Cina

Tutte le strade portano a Pechino: come è andato il primo giorno della visita di Putin in Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Vladimir Putin è arrivato a Pechino il 17 ottobre per partecipare al forum “One Belt, One Road”. Tuttavia, il primo giorno del suo programma di lavoro in Cina è stato dedicato principalmente ai negoziati bilaterali. In particolare ha incontrato il primo ministro ungherese Viktor Orban, il quale ha ammesso che il dialogo si svolge nel contesto più difficile. Inoltre, il capo della Federazione Russa ha parlato con i rappresentanti dei paesi asiatici che sono rimasti neutrali nel conflitto con l’Ucraina. 

Dopo la pandemia la Cina sta ritornando a pieno titolo nella vita politica internazionale. Allo stesso tempo, il terzo forum “One Belt, One Road” è probabilmente diventato il più grande evento ospitato da Pechino. Tra i partecipanti ci sono rappresentanti di 152 paesi e oltre 30 organizzazioni internazionali. 

Vladimir Putin è l’ospite principale. È interessante notare che, secondo i media, i leader di alcuni paesi occidentali, tra cui Germania, Italia e Francia, non hanno ricevuto un invito.

Il leader russo ha incontrato il primo ministro ungherese Orban che continua a mantenere un dialogo con Mosca a fronte delle sanzioni anti-russe e della russofobia alimentata da Bruxelles. Il politico ungherese ha preparato delle statistiche per l'incontro, che potrebbero rafforzare la convinzione di alcuni funzionari europei e statunitense sulla cosiddetta posizione filorussa di Orban.

“Ho contato: dal 2009, ci siamo incontrati con voi per la 13ª volta. Ci sono stati incontri difficili, ma non abbiamo mai avuto un incontro così difficile come questo, non ci siamo mai trovati in una situazione così difficile", ha detto il politico ungherese. Quello che l'Ungheria può fare oggi è quello che stiamo facendo. Stiamo cioè cercando di salvare il possibile dai nostri contatti bilaterali.

Ma è impossibile recuperare tutte le conquiste accumulate in tanti anni affermano i leader come riporta Izvestia.

“L’anno scorso si è registrata una crescita significativa del commercio e della cooperazione economica - oltre l'80%. Purtroppo, quest'anno abbiamo assistito, nei primi sette mesi, a un calo: meno 35%. Grazie a Dio, questo non recupera l'80 per cento dell'anno scorso, ma c'è ancora motivo di pensare a ciò che dobbiamo fare per influenzare questo processo in modo positivo", ha dichiarato Vladimir Putin.

Allo stesso tempo, Viktor Orban ha ringraziato la Russia per il fatto che Gazprom adempie ai suoi obblighi di fornitura di gas e Rosatom rimane "un partner eccellente". La scorsa estate, Budapest ha concordato volumi aggiuntivi di gas dalla Russia. Da settembre, le forniture giornaliere sono salite a 5,8 milioni di metri cubi (dai 2,6 milioni di metri cubi di agosto). Per quanto riguarda la cooperazione nucleare, nell'agosto del 2023 Rosatom ha avviato la fase principale della costruzione della centrale nucleare di Paks-2.

La maratona negoziale di Vladimir Putin è proseguita con un colloquio con il presidente vietnamita Vo Van Thuong, per il loro primo incontro dopo le recenti elezioni. "Le relazioni tra i nostri Paesi si stanno sviluppando in modo tradizionalmente amichevole", ha osservato il presidente russo. Il leader vietnamita, a sua volta, ha sottolineato che lo sviluppo dei legami con la Federazione Russa è una priorità assoluta per la sua Repubblica.

Per molti aspetti, questo atteggiamento è dovuto agli stretti legami tra Mosca e Hanoi, sviluppatisi durante la Guerra Fredda, quando l'URSS forniva una seria assistenza militare al Vietnam. Tuttavia, non bisogna dimenticare che gli Stati Uniti si stanno ora avvicinando alla Repubblica, ha ricordato a Izvestia Kirill Kotkov, responsabile del Centro per lo studio dell'Estremo Oriente di San Pietroburgo. Washington, che ha ripristinato le relazioni diplomatiche con Hanoi solo nel 1995, ha eliminato tutte le sanzioni contro il Vietnam e sta gradualmente cercando di trasformare questo Stato nel suo principale alleato in Indocina.

Allo stesso tempo, il riavvicinamento americano-vietnamita è dovuto principalmente alle complesse relazioni tra Pechino e Hanoi. I Paesi in cui i comunisti sono al potere hanno dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale.

Il Vietnam considera la Cina come il suo principale potenziale avversario e in questa situazione deve puntare su qualcuno. Prima era l'URSS, ma ora le autorità si rendono conto che la Federazione Russa sta sviluppando una cooperazione con la Repubblica Popolare Cinese. Pertanto, si stanno muovendo verso un riavvicinamento con gli Stati Uniti. Recentemente Joe Biden si è recato in Vietnam, prima di lui il Segretario di Stato Anthony Blinken. Gli Stati Uniti vogliono allontanare l'influenza russa dal Vietnam. Il nostro compito è quello di resistere", ha aggiunto l'esperto. “In particolare, gli Stati Uniti vogliono vendere più attivamente le loro armi qui e spingerci fuori da questo mercato".

Vladimir Putin ha anche avuto un colloquio con il primo ministro thailandese Seth Thaisin. Come nel caso precedente, si è trattato della loro prima conoscenza personale. Kirill Kotkov ha sottolineato che la Russia ha "relazioni amichevoli e neutrali" con questo Paese. Allo stesso tempo, innanzitutto, le relazioni nella sfera del turismo si stanno sistematicamente sviluppando. Così, il 17 ottobre si è saputo che il governo del regno ha temporaneamente esteso il periodo di esenzione dal visto per i russi fino a 90 giorni (la misura sarà valida fino al 30 aprile 2024).

L'agenda del Presidente prevedeva anche un incontro con il Presidente del Laos Thongloun Sisoulith. Il fatturato commerciale con questo Paese nel 2022 è stato di soli 12,9 milioni di dollari, ma questa cifra relativamente insignificante è in gran parte dovuta alla sua posizione geografica, priva di sbocchi sul mare, che rende il Laos meno attraente per gli investitori stranieri. A titolo di confronto, lo scorso anno il fatturato commerciale con il Vietnam è stato di 4,6 miliardi di dollari e quello con la Thailandia di 2,06 miliardi di dollari.

Il 17 ottobre, Vladimir Putin si è recato alla Casa delle Assemblee del Popolo per partecipare alla cerimonia ufficiale di benvenuto ospitata dal presidente cinese Xi Jinping e da sua moglie Peng Liyuan per i capi delle delegazioni che partecipano al forum One Belt, One Road. I leader hanno scattato una foto congiunta. I principali eventi nell'ambito della visita del Presidente russo nella Repubblica sono previsti per il 18 ottobre. Quel giorno si terranno i negoziati russo-cinesi. Secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, Putin e Xi sincronizzeranno i loro orologi sull'agenda internazionale. Anche i conflitti regionali, compresa la guerra tra Israele e Hamas, saranno sotto i riflettori. Allo stesso tempo, non è prevista la conclusione di alcun trattato.

“I nostri Paesi sono partner strategici, e non solo a parole. Ora non si tratta solo di esportazioni russe di materie prime in Cina e di importazioni di prodotti di consumo in Russia. La cooperazione scientifica e tecnica, i progetti di trasporto, la cooperazione nel settore agricolo si stanno sviluppando attivamente", ha dichiarato a Izvestia Konstantin Andrianov, professore associato del Dipartimento di Economia Istituzionale della GUU, accademico dell'Accademia delle Scienze russa.

Un'area molto promettente è lo sviluppo della cooperazione nel campo delle alte tecnologie (in particolare, nella produzione di semiconduttori) e dell'intelligenza artificiale. Secondo Konstantin Andrianov, un compito importante per il nostro Paese è che la Russia diventi uno dei 5 principali partner commerciali della Cina. L'anno scorso, il fatturato del commercio bilaterale ha superato i 180 miliardi di dollari.

Un esempio di cooperazione reciprocamente vantaggiosa è stata la costruzione del primo ponte ferroviario sul fiume Amur tra Russia e Cina. Nel prossimo futuro, il ponte fornirà fino al 10% di tutto il traffico merci tra i due Paesi, ha dichiarato ai giornalisti Kirill Dmitriev, capo della RDIF, che fa parte della delegazione russa.

La cooperazione nell'ambito dell'iniziativa "Una cintura, una strada" può contribuire a rafforzare la cooperazione russo-cinese.

“Gli ingenti investimenti cinesi nelle infrastrutture dei partecipanti a questo progetto stimolano l'economia locale, creano posti di lavoro, aumentano il pagamento delle tasse nei bilanci di questi Paesi e quindi sviluppano le loro economie. Di conseguenza, lo sviluppo economico dei nostri vicini, compresi i membri dell'EAEU, e la crescente solvibilità dei loro mercati ampliano le opportunità per le merci e gli investimenti russi", ha dichiarato a Izvestia Viktor Pirozhenko, esperto del Centro di ricerca interculturale dell'Università di Huzhou.

Le rotte terrestri trans-eurasiatiche attraversano il territorio russo e il nostro Paese può ricevere entrate aggiuntive dai servizi di transito, ha aggiunto. Inoltre, la nuova infrastruttura stradale che si sta creando nella Federazione Russa per servire le rotte della "Belt and Road" diventa un ulteriore stimolo per lo sviluppo economico di diverse regioni russe. È importante che le principali rotte della Belt and Road attraversino regioni sicure dell'Eurasia, al di fuori del controllo degli Stati Uniti, che hanno intrapreso un percorso di contenimento della Cina, ha riassunto l'esperto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti