Un punto di vista alternativo sulle proteste a Hong Kong



di George Koo - Asia Times
 

Nel raccontare il movimento di protesta di Hong Kong, i media occidentali hanno rappresentato i teppisti come eroi e il teppismo come movimento per la democrazia. I rivoltosi hanno picchiato innocenti cittadini, hanno attaccato la polizia con bombe molotov e appuntito barre di metallo, distrutto edifici governativi e stazioni della metropolitana e interrotto le operazioni dell'aeroporto internazionale.

 

L'economia di Hong Kong si è fermata, ma i media hanno elogiato i rivoltosi come combattenti per la libertà. In effetti, i caporioni dei disordini hanno richiesto che i disordini non si chiamassero sommosse ma proteste.

 

Quando la polizia di Hong Kong ha respinto i manifestanti, le telecamere sono sempre state presenti, molto meno quando la violenza è stata perpetrata dai rivoltosi. In realtà, le accuse di "brutalità della polizia" sono state spesso bandite come provocazione per la conseguente violenza.

 

Nel periodo dall'inizio di giugno all'inizio di agosto, la polizia di Hong Kong ha dovuto affrontare manifestanti a milioni, o almeno questo è quanto riportato dai media. Eppure la polizia con grande moderazione ha fatto solo 420 arresti.

 

Al contrario, i 700 arrestati di New York durante un solo giorno di protesta di Occupy Wall Street del 1° ottobre 2011, e le dimensioni di quella folla era di migliaia, non milioni. Se il caos che si è verificato a Hong Kong si fosse verificato a New York, fiumi di sangue avrebbero coperto i marciapiedi e prigioni e ospedali sarebbero traboccati di vittime.

 

Qual è stata la causa originale dei disordini di massa a Hong Kong?

 

La situazione è precipitata quando il governo di Hong Kong ha proposto un emendamento all’esistente Fugitive Offenders Ordinance.

 

La necessità dell'emendamento divenne evidente quando un giovane portò la sua ragazza incinta da Hong Kong a Taiwan, la uccise e seppellì i suoi resti smembrati lì, e poi tornò sapendo che non poteva essere estradato a Taiwan per affrontare la giustizia.

 

Oasi sicura per i fuggitivi

 

Ho chiesto a un amico, un residente di lunga data di Hong Kong e un consulente senior dei governi prima e dopo la sua consegna dalla sovranità britannica a quella cinese, una spiegazione dell'emendamento proposto. Ha detto: “Attualmente ci sono centinaia di fuggitivi noti che usano Hong Kong come un rifugio sicuro perché Hong Kong ha accordi solo con alcuni paesi, ma [finora] non hanno incluso Macao, Taiwan e la Cina continentale.

 

"Gli emendamenti proposti all'ordinanza sui criminali fuggitivi hanno lo scopo di promuovere la giustizia penale e porre rimedio a una situazione in cui alcuni criminali possono usare la nostra città come un rifugio sicuro".

 

I sobillatori hanno colto l'opportunità per convertire l'intenzione del governo di colmare una lacuna in una caso mediatico sostenendo che l’emendamento avrebbe conferito a Pechino il potere arbitrario di arrestare ed estradare chiunque, anche quelli semplicemente di passaggio a Hong Kong, nella Cina continentale per incarcerazione o peggio.

 

Il capo esecutivo di Hong Kong, Carrie Lam, dava per scontato che colmare la lacuna legislativa sarebbe stato semplice e non è riuscita  ad anticipare la tempesta che è seguita. Anche se Lam ha ufficialmente sospeso e successivamente ritirato il disegno di legge per modificare le disposizioni sull'estradizione, la furia delle proteste è continuata.

 

Dopo aver forzato con successo Lam a fare marcia indietro, i manifestanti hanno avanzato più richieste, tra cui il proscioglimento degli arrestati, le dimissioni di Lam e il suffragio universale per la selezione dei membri del Consiglio legislativo e del direttore generale.

 

Intorno alla fine di agosto, il mio amico ha condiviso questa osservazione con me: "Qualunque organizzazione sia dietro il sostegno e la promozione di questi disordini è apparentemente ben finanziata e altamente organizzata, con programmi settimanali su come e dove avverranno i disordini".

 

Finanziati dal National Endowment for Democracy

 

Come riportato da varie fonti, una delle principali fonti di sostegno finanziario è il National Endowment for Democracy. Il NED è a sua volta finanziato dal Congresso degli Stati Uniti per sostenere materialmente organizzazioni di tutto il mondo che promuovono la democrazia e i diritti umani. Circa 18 organizzazioni identificate come attive in Cina hanno ricevuto fondi dal NED. Sei di queste 18 sono note per operare ad Hong Kong.

 

Nessuno pensi che questa sia la prima istanza del coinvolgimento della NED con Hong Kong, non lo è. Il NED ha inoltre finanziato il movimento Occupy Central che ha avuto luogo a Hong Kong nel 2014. Il fomentare disordini nel nome della lotta per la democrazia e la libertà è coerente con la missione del NED.

 

Questa volta, tuttavia, i caporioni hanno portato le proteste a un nuovo livello, non solo in termini di durata e livello di violenza, ma anche nel portare il loro caso a Washington. Questi presunti rappresentanti di Hong Kong hanno chiesto al Congresso degli Stati Uniti di garantire la loro libertà e democrazia.

 

Che gli Stati Uniti non avessero nulla a che fare con il passaggio di consegne tra Gran Bretagna e Cina sembra irrilevante per questi giovani aspiranti combattenti per la libertà. Allo stesso modo è stato un gioco da ragazzi per i membri del Congresso, in maniera bipartisan, proporre l'Hong Kong Human Rights and Democracy Act del 2019.

 

Con l'atto di Hong Kong in mano, il governo degli Stati Uniti può quindi sentirsi autorizzato a dire al governo di Hong Kong come dovrebbe governare, cosa che il governo di Hong Kong respingerebbe, e Pechino si opporrebbe con forza sulla base del fatto che gli Stati Uniti non hanno il diritto di interferire.

 

Quindi gli Stati Uniti riterrebbero di avere motivi per rimuovere il riconoscimento di Hong Kong come regione amministrativa speciale della Cina. 

 

Una mossa che l'amministrazione del presidente Donald Trump implementerebbe come parte del suo obiettivo di separare la Cina e gli Stati Uniti.

 

Se ciò dovesse accadere a perdere sarebbe il popolo di Hong Kong. Senza il suo status speciale, la città sarebbe solo una delle tante, e nemmeno preziosa per Pechino come la vicina Shenzhen. Qualsiasi vantaggio economico di cui ora gode Hong Kong scomparirebbe.

 

Circa cinque anni fa, ho avuto l'occasione di condurre una video intervista a Joshua Wong, uno dei giovani leader dissidenti che hanno testimoniato prima del Congresso. La mia impressione di Wong a quel tempo, ancora studente delle superiori, era che fosse articolato ed energico e aveva intrapreso il cammino da avvocato democratico come carriera.

 

Non so se sia andato al college; sospetto che trovasse quella del dissidente una vita più facile e di fronte alla ribalta dei media più gratificante che perseguire l'istruzione superiore. Ha mostrato una terribile ignoranza della storia e della cultura cinese. 

 

Una generazione disconnessa dalla Cina

 

Wong rappresenta la generazione nata dopo la consegna. Questa generazione di giovani non ha idea di come fosse il dominio coloniale britannico, ma ha in qualche modo acquisito l'idea romantica che essere un suddito britannico fosse meraviglioso.

 

In realtà, i cittadini cinesi sotto il dominio coloniale non avevano voce in capitolo nella selezione dei loro governanti e non avevano il diritto di votare per nessuna carica ufficiale. Al contrario, la Legge Fondamentale negoziata tra Cina e Gran Bretagna prevede la selezione dell'amministratore delegato a suffragio universale in passi graduali che portano a un voto completo da parte della popolazione prima della fine della transizione di 50 anni.

 

Mark Pinkstone, un giornalista australiano con 50 anni di esperienza a Hong Kong, ha dichiarato: "La Legge fondamentale, il documento costituzionale che sostiene ‘un paese, due sistemi’ offre libertà di espressione, parola e religione. Nessuno è stato eroso dalla consegna nel 1997. Le dimostrazioni attuali ne sono la prova vivente”.

 

Il punto di vista di Pinkstone, ovviamente, contraddice l'affermazione dei manifestanti che la perdita della libertà è la ragione delle manifestazioni. Forse un legittimo giudice dei due punti di vista contrastanti è l'Indice di libertà umana monitorato dal Cato Institute, con sede a Washington.

 

Secondo l'ultimo indice, Hong Kong è classificata al n. 3, dietro solo la Nuova Zelanda e la Svizzera. L'indice classifica 162 paesi e regioni autonome sulla base di 79 misure di libertà personale ed economica. Gli Stati Uniti occupano la posizione numero 17, giudicati con gli stessi indicatori. Sembrerebbe che i giovani Hong Kong non apprezzino quanto stiano bene.

 

Errori del governo di Hong Kong

 

Naturalmente, il governo di Hong Kong deve assumersi le sue responsabilità per questo malcontento crescente. Dopo la consegna, il governo della città non ha introdotto un curriculum che insegnasse ai bambini cosa significasse essere cinese e la loro affiliazione con la cultura cinese. Invece di identificarsi ed essere orgogliosi della loro eredità cinese, sono cresciuti estranei e sentendo che sarebbe stato meglio essere finti britannici.

 

La successione dei governi post-consegna vide anche la necessità di generare alloggi a prezzi accessibili ma non fece nulla al riguardo - o non poté perché i magnati immobiliari che controllano il mercato immobiliare di Hong Kong si opposero. La frustrazione per i salari che non tengono il passo con l’aumento dei costi per angusti alloggi ha portato a un punto di ebollizione nel 2014, e ancora cinque anni dopo.

 

Il World Economic Forum ha pubblicato un sondaggio su persone di 25 nazioni a cui è stato chiesto se pensavano che il loro governo stesse andando nella giusta direzione o meno. Il sondaggio è stato condotto tra ottobre e novembre 2016. 

 

La Cina è emersa come leader del gruppo, con il 90% dei suoi cittadini che ha risposto che il loro governo era sulla buona strada mentre solo il 10% pensava di no. Gli Stati Uniti erano esattamente al centro, al 13° posto, con il 35% dei suoi cittadini che pensava che il governo stesse andando nella giusta direzione e il 65% in disaccordo.

 

Sfortunatamente, Hong Kong non è stata interrogata separatamente, ma se dovessi indovinare, sospetterei che il sentimento degli Hongkongers verso il governo sarebbe più vicino agli Stati Uniti che alla Cina.  

 

Purtroppo, se i giovani di Hong Kong decidono di condividere il loro destino con gli Stati Uniti, saranno delusi da una democrazia disfunzionale che vedranno da vicino. E perderanno l'opportunità di agganciare il loro futuro a una Cina che va nella giusta direzione.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)