USA confermano Venezuela come «minaccia alla sicurezza nazionale». Caracas protesta

USA confermano Venezuela come «minaccia alla sicurezza nazionale». Caracas protesta

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo USA continua nel designare il Venezuela, incredibilmente, «come una minaccia alla sicurezza nazionale e alla politica estera degli Stati Uniti». Con questo comunicato, di cui proponiamo a seguire la traduzione in italiano il governo di Caracas esprime il suo dissenso e denuncia i reiterati tentativi di Washington di destabilizzare la Rivoluzione Bolivariana. 

—————

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ripudia l'ultima estensione dell'Ordine Esecutivo 13962 dell'8 marzo 2015, descritto nel Comunicato della Casa Bianca del 3 marzo 2022, firmato dal Presidente degli Stati Uniti d'America, attraverso il quale il Governo degli Stati Uniti d'America insiste nel designare il Venezuela come una minaccia alla sicurezza nazionale e alla politica estera degli Stati Uniti.

Il governo del Venezuela respinge questa dichiarazione, che manca di qualsiasi fondamento reale o prova di qualsiasi tipo, e che è servita solo al governo degli Stati Uniti per attuare un blocco sistematico contro il Venezuela in tutti i settori, che è arbitrario, abusivo, unilaterale, coercitivo, criminale, disumano e in violazione dell'ordine giuridico e dei principi che regolano le relazioni internazionali tra Stati sovrani, liberi e indipendenti.

Dopo sette anni di utilizzo di questo strumento per perpetrare molteplici violazioni del diritto internazionale da parte del governo degli Stati Uniti e dei suoi alleati, il popolo del Venezuela riafferma il suo spirito di lotta e resistenza, e la sua ferma e incrollabile convinzione di difendere la sua sovranità attraverso metodi pacifici e diplomatici, che in nessun modo potrebbe essere descritto come una minaccia per un'altra nazione.


La Repubblica Bolivariana del Venezuela ribadisce lo spirito del suo coraggioso popolo, che con la sua tradizione storica di culla della libertà in America, alza le bandiere della pace, della solidarietà e della cooperazione. Il Venezuela ribadisce la sua disposizione a favore del ristabilimento e della regolarizzazione delle relazioni diplomatiche tra i nostri paesi, basate sul mutuo riconoscimento come Stati sovrani e governi legittimi, e attraverso un dialogo franco e costruttivo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai