Venezuela: governo e diversi settori firmano un accordo sul calendario delle elezioni presidenziali

Venezuela: governo e diversi settori firmano un accordo sul calendario delle elezioni presidenziali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo venezuelano e diversi settori del Paese hanno firmato un accordo che comprende 500 proposte per un calendario elettorale derivato dal tavolo di dialogo nazionale, che sarà presentato al Consiglio Nazionale Elettorale (CNE) del Paese caraibico.

All'incontro hanno partecipato 150 rappresentanti di organizzazioni politiche, che rappresentano il 97% delle organizzazioni registrate presso il Consiglio Nazionale Elettorale (CNE).

Il presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Jorge Rodriguez, ha sottolineato che il dialogo e la discussione su questioni fondamentali e trascendenti della società venezuelana saranno sempre preferibili, con l'obiettivo di trovare consenso e terreno comune all'interno delle differenze. Ha poi affermato, come riporta teleSUR, che questo rafforza la società venezuelana.

Finora, le autorità venezuelane hanno tenuto nove importanti cicli di dialogo in cui imprenditori, accademici, figure religiose, studenti, artisti e altri attori sociali hanno presentato proposte per definire il calendario elettorale.

In questi round di dialogo, i partecipanti sono riusciti a trovare un accordo su questioni come la difesa del principio di sovranità, il rifiuto di qualsiasi aggressione esterna all'economia, il rispetto dell'indipendenza delle istituzioni, la creazione di garanzie elettorali per tutti e la garanzia di pari opportunità di diffusione dei programmi governativi attraverso i media e le reti sociali.

Rodriguez ha indicato che il documento risultante da queste discussioni sarà presentato al CNE, che è l'autorità competente a decidere il calendario elettorale.

Il legislatore del Partito Socialista Unificato del Venezuela (PSUV) ha invitato tutti i partecipanti a continuare un dialogo permanente sulle questioni più importanti per il Paese.

"Abbiamo costruito un documento di consenso nazionale. Abbiamo concordato sulla difesa della sovranità e della pace della Repubblica, così come sul riconoscimento dei risultati elettorali", ha sottolineato Rodriguez.

"Negli ultimi 22 anni, la Rivoluzione Bolivariana non ha mai intaccato le scadenze elettorali stabilite dalla Costituzione venezuelana", ha aggiunto.

Il 30 gennaio, l'Assemblea Nazionale veneuelana ha approvato all'unanimità una consultazione con vari settori del Paese allo scopo di proporre un calendario elettorale al CNE.

La proposta è arrivata dopo che gli Stati Uniti hanno minacciato di ripristinare le sanzioni contro l'industria petrolifera venezuelana se non ci saranno progressi nei negoziati tra il governo di Nicolás Maduro e l'opposizione.

Inoltre, Washington ha deciso di revocare la Licenza Generale 43, che autorizzava le transazioni che coinvolgevano la società mineraria aurifera Minerven, di proprietà dello Stato venezuelano.

L'Amministrazione Biden ha adottato la misura dopo che la Corte Suprema di Giustizia (TSJ) del Venezuela ha ratificato l’inabilitazione per 15 anni di María Corina Machado per i suoi presunti legami con uno "schema di corruzione" guidato dall'ex deputato Juan Guaidó, autoproclamatosi presidente ad interim nel 2019.

Machado, leader dell'organizzazione politica Vente Venezuela, è accusata inoltre di aver chiesto un intervento straniero come unico modo per porre fine alla "tirannia" di Maduro.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti