/ Venezuela: l'autore dell'attacco golpista alle sedi governative è...

Venezuela: l'autore dell'attacco golpista alle sedi governative è legato alla CIA

 

Attraverso un comunicato letto in diretta congiunta radiotelevisiva dal ministro per la Comunicazione e l’Informazione, Ernesto Villegas, viene segnalato che Pérez, è anche vincolato all’ex ministro venezuelano Rodriguez Torres il quale ha ammesso di aver avuto contatti con la CIA

 

Óscar Alberto Pérez, autore materiale dell'attacco golpista di matrice terroristica contro le sedi del Ministero del Potere Popolare per gli Interni, Giustizia e Pace, ed il Tribunale Supremo di Giustizia della Repubblica Bolivariana del Venezuela, sarebbe legato alla Central Intelligence Agency degli Stati Uniti (CIA), secondo quanto riporta l’agenzia AVN. 

 

Attraverso un comunicato letto in diretta congiunta radiotelevisiva dal ministro per la Comunicazione e l’Informazione, Ernesto Villegas, viene segnalato che Pérez, è anche vincolato all’ex ministro venezuelano Rodriguez Torres il quale ha ammesso di aver avuto contatti con la CIA. 

 

«Entrambi gli attacchi sono stati portati da un elicottero Airbus Volcom, modello 105, sigla CICP02, rubato dalla base aerea Generalísimo Francisco de Miranda, a Caracas, da un soggetto che risponde al nome di Óscar Alberto Pérez, che per commettere gli attentati si è avvalso della sua posizione di ispettore della divisione trasporto aereo del Cicpc (Corpo di Investigazioni Scientifiche Penali e Criminali)», si legge nel comunicato.

 

 

Di fronte a siffatta situazione il Governo venezuelano ha esortato i partiti politici e i settori dell’opposizione venezuelana - che negli ultimi mesi ha generato e promosso violenze che hanno provocato 74 morti - a condannare queste azioni golpiste, promosse dall’asse imperiale.   

Fonte: http://www.avn.info.ve/
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa