Sapir. "Con una dissoluzione controllata dell'euro, crescita del 20% del Pil in Francia in 3 anni"

Sapir. "Con una dissoluzione controllata dell'euro, crescita del 20% del Pil in Francia in 3 anni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Durante il convegno "L'Euro contro l'Europa" organizzata dall'associazione Asimmetrie e da Nuova Italia, Fondazione presieduta da Gianni Alemanno, l'economista francese Jacques Sapir ha descritto la drammaticità delle politiche dell'austerità fiscale, di svalutazione interna e deflazione sui paesi dell'Europa meridionale. Citando anche uno studio di Olivier Blanchard, il capo economista del Fondo Monetario Internazionale, Sapir ha affermato come  quello che siamo vedendo oggi è la distruzione dell'economia dei paesi del sud: in Grecia, il Pil è del 27% inferiore del 2007 e non è certo stata salvata con il suo debito che continua ad aumentare; la Spagna con un  Pil crollato dell'8-10% ma con la disoccupazione è superiore al 25% con un incremento dramamtico, la stessa storia in Portogallo. Cosa sta accadendo in questi tre paesi, ha proseguito Sapir, è una premessa di quello che accadrà in Italia e Francia. 
L'austerità non funziona e sta facendo aumentare il problema del debito. Sull'euro, Sapir  cita i risultati da lui condotti attraverso la pubblicazione dell'opuscolo "Gli scenari di dissoluzione dell’eurozona" pubblicato da Fondazione Res lo scorso settembre. I paesi dell'Europa meridionale non possano tollerare un cambio superiore 1 a 1 con il dollaro, mentre Berlino può accettare una moneta 1,45 rispetto al dollaro - sarebbe questo oggi il tasso in caso di presenza del marco - e la Germania sta sfruttando chiaramente la situazione, intrappolando gli altri paesi e rendendo insostenibile l'Uinone Europea. L'Eurobond, l'unione monetaria e bancaria non sta funzionando e l'idea di un trasferimento dai paesi del Nord Europa in quelli del sud è un'utopia irrealizzabile sia per la mole di fondi necessaria sia, a livello politico, perchè semplicemente il popolo tedesco non l'accetterebbe. E' una fantasia.


La dissoluzione della zona euro può avvenire in tre modi: non coordinato con tutti i paesi che tornano ad una propria moneta o la creazione di due euro - sud e Nord con la Francia nel sud - sempre in modo non coordinato. Quest'ultimo sarebbe il peggiore possibile per la Germania ed i paesi del sud, anche se migliorerebbe comunque la situazione generale ad esempio della Francia. La soluzione della dissoluzione coordinata resta la migliore. Per la Francia, in questo caso, per i primi tre anni il Pil crescerebbe del 20% ed il 26% per la Spagna. Per l'Italia, Sapir parla del 21%, affermando come tutte queste cifre debbano poi essere aggiustate per l'inflazione che chiaramente si creerebbe dal lato delle importazioni per una moneta svalutata. In Francia sarebbe del 5%, mentre in Italia del 6%. Inflazione assolutamente sostenibile.

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti