Bolivia: le nazionalizzazioni apportano enormi risorse economiche

Bolivia: le nazionalizzazioni apportano enormi risorse economiche

Una circostanza che conferma quanto siano fallaci e controproducenti le misure di stampo neoliberista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il processo di nazionalizzazione portato a compimento in Bolivia nel settore degli idrocarburi, dell'elettricità e delle telecomunicazioni è stato particolarmente vantaggioso per le entrate statali. 

 

Il Procuratore Generale boliviano Héctor Arce ha inoltre spiegato in un'intervista televisiva che la Bolivia ha rispettato i suoi impegni e provveduto a pagare il corrispettivo pattuito alle aziende nazionalizzate. 

 

«La nazionalizzazione degli idrocarburi è stata completata, non vi è alcun processo in corso, milioni di dollari restano adesso a disposizione dei boliviani», ha dichiarato Arce, che ha poi sottolineato come lo stato boliviano abbia pagato 350 milioni di dollari all'impresa Panamerican Energy, una somma cinque volte minore rispetto alle richieste per la nazionalizzazione. 

 

Così come accaduto per l'energia elettrica dove la spagnola Interasbun, insieme a Corani Valle Hermoso e Huaracahi non era inizialmente intenzionata ad accettare la cifra di 52 milioni di dollari offerta dal governo boliviano, ma una volta preso atto della posizione irremovibile del governo guidato da Evo Morales, si è dovuta 'accontentare'. 

 

Nel settore delle telecomunicazioni, la Bolivia, ha pagato 100 milioni di dollari all'italiana Eurocom per la nazionalizzazione di ENTEL. Questa mossa ha fruttato al governo boliviano ben 710 milioni di dollari, una cifra di 7 volte superiore a quella sborsata per la nazionalizzazione dell'impresa. Il governo al contempo ha abbassato notevolmente le tariffe per gli utenti. 

 

Quello boliviano è un esempio lampante di quanto siano fallaci e controproducenti le politiche applicate nei regimi neoliberisti dove lo Stato svende al privato praticamente tutti i settori strategici, a scapito della propria economia e soprattutto dei cittadini. 

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale