108 civili yemeniti uccisi da bombe a grappolo della coalizione saudita (YEMAC)

108 civili yemeniti uccisi da bombe a grappolo della coalizione saudita (YEMAC)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ogni tanto, è quanto meno doveroso dare uno sguardo ad un conflitto come quello nello Yemen, volutamente ignorato da media e governi occidentali. I motivi sono tanti, uno dei quali è semplice: le armi fornite alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita dal 2015, anno in cui è iniziata l’aggressione allo Yemen, sono prodotte dall’occidente.

A tal proposito, l'Executive Center for Mine Action (YEMAC) di Sanaa ha confermato che 324 civili sono stati uccisi e feriti da quando la tregua è entrata in vigore il 2 aprile a causa delle mine e delle bombe a grappolo usate dalla coalizione a guida saudita.

In una dichiarazione, il Centro ha riferito che dall'inizio della tregua mediata dalle Nazioni Unite, 108 civili sono stati uccisi e 216 feriti a causa di mine, esplosioni di bombe a grappolo e altri resti della guerra durata 8 anni.

Lo YEMAC ha rinnovato la richiesta di fornire forniture sul campo e attrezzature per sminare i campi di battaglia nello Yemen da bombe a grappolo, proiettili inesplosi e mine. Nonostante l'accordo in tal senso, gli sforzi rimangono limitati da parte della coalizione a guida saudita.

Secondo i rapporti, le bombe a grappolo usate dalla coalizione a guida saudita hanno causato la maggior parte dei danni, uccidendo 18 civili e ferendone altri 57.

Un altro rapporto pubblicato dall'Organizzazione Entesaf, che si concentra sui diritti di donne e bambini, ha ricordato che la guerra dell'Arabia Saudita in Yemen ha ucciso e ferito oltre 13.000 civili yemeniti dal 2015.

Il 29 agosto, Abdul Karim al-Safiani, vicedirettore dell'Organizzazione per le risorse idriche dello Yemen, ha dichiarato di aver scoperto sostanze altamente radioattive e metalli tossici nelle risorse d'acqua dolce della provincia di Hodeidah.

Secondo fonti yemenite, l'Arabia Saudita e i suoi partner sono anche responsabili del saccheggio di ingenti quantità di petrolio dopo aver bloccato e sequestrato le navi cisterna

Sanaa ha accusato la coalizione a guida saudita il 28 agosto scorso di aver distrutto 2.995 impianti idrici dall'inizio della guerra nel 2015, tra cui dighe, barriere, pompe, serbatoi, canali di irrigazione e reti di irrigazione, alimentando la crisi umanitaria nel paese.

Secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), più di 23 milioni di persone hanno un disperato bisogno di assistenza umanitaria nello Yemen, la peggiore crisi umanitaria nel mondo.

Nel frattempo, la coalizione guidata dai sauditi sta bloccando l'accesso del Paese all'assistenza e alle risorse necessarie controllando l'accesso via mare, aria e terra. Anche metà delle strutture sanitarie del Paese sono fuori servizio e mancano di energia e forniture per le cure adeguate dei pazienti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti