Germania. Interi paesi rasi al suolo per far posto alle miniere di carbone

Germania. Interi paesi rasi al suolo per far posto alle miniere di carbone

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il carbone è la fonte di energia che emette la maggior parte dei gas a effetto serra e destabilizza fortemente il clima. In Germania, uno dei paesi europei più avanzati in tema di energie rinnovabili, i combustibili fossili forniscono ancora quasi la metà dell' energia elettrica. Nuove miniere devono essere scavate e interi paesi sono destinati ad essere spostati e distrutti. I paesaggi sono devastati. E decine di milioni di tonnellate di CO2 verranno emesse nell'atmosfera. Per non parlare delle particelle fini, denuncia la rivista francese Basta!.



Immerath fa parte dei dodici paesi nel bacino minerario renano che verranno spostati o distrutti dal momento che il gruppo energetico tedesco RWE ha acquistato la loro terra e le loro proprietà per estrarre lignite. Se rifiutano, saranno in ogni caso espropriati e rimborsati meno. Le denunce dei residenti e delle associazioni ambientaliste alla Corte costituzionale tedesca non hanno prodotto risultati.

La Germania ha undici miniere di lignite e tre miniere di carbone attive, queste ultime saranno chiuse nel 2018, quando gli aiuti alla produzione del carbone cesseranno. Con più di 178 milioni di tonnellate di lignite  estratte nel 2014, il paese è uno dei maggiori produttori di questo tipo di carbone nel mondo. 

Le centrali a carbone sono poi responsabili di gran parte delle emissioni di CO2 tedesche. Dei 950 milioni di tonnellate di gas serra emessi nel 2013 dalla Germania, un terzo proveniva dalla produzione di energia elettrica, in gran parte dalla combustione di carbone . Oltre a riscaldare il clima, le centrali a carbone emettono anche sostanze nocive per la salute, in particolare le polveri sottili.

Il paradosso della politica energetica tedesca è che con il 27% della sua elettricità proviene da energia verde, il paese è uno dei più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energia rinnovabile. La quota di elettricità verde è rapidamente e in costante aumento: era  del 20% nel 2011, 10% nel 2005. La Germania ha anche, si sa, deciso ufficialmente di abbandonare la produzione di energia atomica entro il 2022. Ma accanto a queste scelte ecologiche, il paese ricava ancora circa il 45% della sua elettricità dal carbone.  

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti