Argentina: i tagli di Milei e le avvertenze del FMI sulla Banca Centrale

Argentina: i tagli di Milei e le avvertenze del FMI sulla Banca Centrale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il fervore circonda Javier Milei in queste ore visto che si avvicina l’insediamento come presidente dell’Argentina. Il tempo non è dalla sua parte, così come la mancanza di squadre tecniche. A due giorni dall’entrata in carica, il fanatico neoliberista trascorre le sue ultime ore completando i vuoti nel suo governo che lo accompagnerà a partire da lunedì. Si vocifera che la poltrona vacante nella segreteria Legale e Tecnica – come riferisce il quotidiano Pagina|12 - sarà occupata da un ex funzionario di Cambiemos (coalizione facente capo all’ex presidente Macri), l'avvocato Javier Herrera Bravo; l'area della Salute sarà affidata al medico Mario Russo e Esteban Leguizamo assumerà il controllo del PAMI (l’INPS argentina). Nel frattempo, il futuro governo sta ancora elaborando la strategia legislativa che promuoverà la serie di misure che saranno presentate al Congresso nella prossima settimana. Sebbene l'entourage di Milei assicuri che sarà una legge omnibus, alcuni consulenti non escludono la possibilità di suddividerla in tre pacchetti: la ristrutturazione dello Stato, le misure di deregolamentazione economica e una riforma politica.

Sotto la pressione del calendario, il presidente eletto ha nuovamente incontrato ieri i suoi ministri e funzionari principali negli uffici di Avenida Libertador. L'obiettivo principale dell'incontro era avanzare nei tagli pianificati per le diverse aree dello Stato. Parlano di una "situazione critica" per giustificare l'eliminazione di 10 ministeri. Dei 18 attuali, ne rimarrebbero solo 8. Queste modifiche faranno parte della cosiddetta "modernizzazione dello Stato", che sarà uno dei capitoli delle misure che verranno inviate al Congresso. Di fronte alla debolezza di Milei al Congresso, si stava studiando la possibilità di frammentare la legge omnibus in tre parti e affrontare le discussioni separatamente. In La Libertad Avanza (partito del presidente) la nuova struttura di ministeri e segretari è già definita, e ritengono che questo sia il pacchetto con le maggiori probabilità di essere approvato. E, anche se l'impatto sulle finanze pubbliche sembra insignificante, Milei ritiene fondamentale iniziare la gestione alimentando il discorso della "riduzione della spesa pubblica".

Per quanto riguarda i potenziali licenziamenti nel settore pubblico, il designato ministro dell'Interno, Guillermo Francos, ha affermato che "ci sono ministeri sovraffollati che dovranno essere ridotti". "Giudicheremo ciò che deve essere giudicato", ha aggiunto, avvertendo che "chi è entrato dalla finestra uscirà dalla porta", perché sono "rispettosi". Altro che novità, siamo alla classica austerità neoliberista.

Nelle tabelle di calcolo del futuro ministro dell'Economia, Luis Caputo, si prevede un taglio della spesa primaria del 2024 di circa il 5% del PIL. Dietro la retorica della lotta alla "casta", ci sarà l'eliminazione brusca del deficit fiscale attraverso il taglio alle opere pubbliche, i sussidi alle tariffe e i trasferimenti alle province. Un punto chiave che sorge come un'incognita è cosa accadrà al bonus che viene regolarmente concesso ai pensionati ogni mese, ammontante a 55 mila pesos a dicembre.

Le leggi economiche potrebbero subire ritardi di qualche giorno in più. Fino a ieri non erano ancora state definite e rappresenterebbero la fase più spinosa della battaglia legislativa. Includeranno deregolamentazioni, riforme fiscali e del lavoro. Secondo il deputato Oscar Zago (LLA), le privatizzazioni potrebbero non essere incorporate in questa fase. Il terzo pacchetto sarà la riforma politica che propone l'eliminazione delle Primarie, Aperte, Simultanee e Obbligatorie (PASO). Si prevede che nel discorso che Milei terrà sulle scalinate del Congresso convochi sessioni straordinarie e chieda che queste leggi siano trattate con celerità. Nella vigilia della cerimonia di insediamento, hanno cominciato ad arrivare gli ospiti. Ieri è stato il turno di un alleato strategico: l’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro.

Gli ultimi giorni del presidente eletto hanno confermato il distacco dal suo vecchio cerchio intimo, che è stato messo da parte nella formazione del Gabinetto. Villarruel è stata la principale vittima di questa svolta. Alla vicepresidente aveva promesso il controllo dei ministeri della Sicurezza e della Difesa, che alla fine sono finiti nelle mani di Patricia Bullrich e Luis Petri. Sono stati messi da parte anche il suo coordinatore Carlos Kikuchi e i precedenti candidati Ramiro Marra e Carolina Píparo.

Come contropartita, nel piccolo circolo ci sono posti per tre persone: in primo luogo, c'è Karina Milei (sorella del presidente), che ieri è stata protagonista al Congresso durante il giuramento dei nuovi deputati. "Il capo ha sconfitto la casta", ha scritto Milei su Instagram per evidenziare la sua figura. La sorella del presidente probabilmente diventerà la segretaria generale della presidenza. Per farlo, dovrà modificare un decreto di Mauricio Macri che impedisce la nomina di parenti diretti. Gli altri due posti appartengono a due persone di estrema fiducia: il futuro capo di gabinetto, Nicólas Posse; e l'architetto della campagna presidenziale, Santiago Caputo. Nel nuovo circolo del presidente figurano anche Guillermo Francos, che ha avuto un ruolo centrale negli ultimi giorni, e un altro noto esponente di quella casta che Milei voleva fare a pazzi con la motosega come Toto Caputo, che si è aggiudicato l'area economica, compresa la Banca Centrale, che sarà nelle mani del suo socio Santiago Bausili.

Cosa succederà alla Banca Centrale?

I due principali cavalli di battaglia di Milei in campagna elettorale: dollarizzazione ed eliminazione della Banca Centrale. 

Su queste due misure adesso il fanatico neoliberista sembra andare più cauto. Mentre una delle istituzioni che ha reso possibile l’ascesa di Milei, ossia, il Fondo Monetario Internazionale con le sue politiche di strozzinaggio legalizzato, si affretta a lanciare avvertimenti al nuovo presidente argentino. L’isituzione finanziaria internazionale ha invitato il presidente eletto dell’Argentina a dotarsi di "una Banca Centrale forte e credibile" durante il suo mandato, in modo che il Paese possa ridurre l'inflazione e affrontare i complessi squilibri macroeconomici.

Secondo la portavoce del FMI Julie Kozack, citata dall'agenzia di stampa ufficiale argentina Telam, il Paese sudamericano si trova ad affrontare una situazione economica "difficile e molto complessa", con un'inflazione "molto alta", riserve internazionali "estremamente basse" e "un contesto di condizioni sociali molto fragili".

Per questo motivo, ha spiegato, "una Banca Centrale forte e credibile è necessaria in questa fase in cui l'Argentina deve ridurre l'inflazione".

Allo stesso modo, Kozack ha esortato il governo entrante ad attuare "un piano di stabilizzazione forte, credibile e orientato alle politiche per affrontare gli squilibri macroeconomici" e le "sfide strutturali", cercando di proteggere "la parte più instabile della società". Che detto dal Fondo Monetario Internazionale potrebbe suscitare una risata, molto amara, visto il futuro a tinte fosche che attende il popolo argentino.

La portavoce ha assicurato che il FMI "è impegnato" con Milei, che entrerà in carica domenica 10 dicembre e governerà nel 2027. In questo senso, ha sottolineato le "discussioni positive" a livello tecnico che le autorità del Fondo hanno avuto di recente con Luis Caputo, il futuro ministro dell'Economia.

Kozack ha espresso la speranza che questi incontri "si intensifichino nel prossimo periodo", con l'obiettivo di "comprendere meglio i piani delle autorità entranti per sollecitare il ripristino della stabilità macroeconomica, nonché il loro piano di riforme strutturali".

La visione del FMI, non solo di mantenere attiva la banca centrale argentina ma di renderla "forte e credibile", si scontra direttamente con la promessa fatta in campagna elettorale da Milei, che si è impegnato a eliminare la banca centrale, ritenendola responsabile di un'inflazione incontrollata e della svalutazione del peso.
La questione potrebbe generare tensioni e divergenze con il FMI, soprattutto perché l'ufficio del presidente eletto aveva avvertito a fine novembre che la chiusura della banca centrale era una questione non negoziabile.

Il futuro della Banca Centrale argentina è ora al centro di uno scontro tra due visioni economiche entrambe segnate dal fanatismo neoliberista, con il popolo argentino che pagherà le spese di questo doppio assedio.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti