Ritiro delle forze di occupazione dalla Moschea di Al Aqsa. Ecco cosa hanno lasciato

Ritiro delle forze di occupazione dalla Moschea di Al Aqsa. Ecco cosa hanno lasciato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, nell'ultimo Venerdì del mese sacro dei musulmani, il Ramadan, le forze di occupazione israeliane hanno costretto i fedeli a lasciare con la forza la moschea di Al-Aqsa, dopo che più di 200 agenti di polizia hanno fatto irruzione nei cortili dell'edificio religioso nelle sale di preghiera coperte.

 

Testimoni oculari, citati dall'Agenzia WAFA, hanno riferito che le forze di occupazione hanno sparato proiettili di metallo rivestiti di gomma, bombe sonore e gas lacrimogeni nella sala di preghiera di Al-Qibli per costringere i cittadini a lasciarla, e l'hanno evacuata in mezzo a violenti scontri che hanno avuto luogo nel luogo, che hanno provocato il ferimento di oltre 163 civili, un gran numero di loro sono stati feriti alla testa e agli occhi. Infine, 83 di loro sono stati portati in ospedale e altri sono stati arrestati. Sono anche entrati alla sala di preghiera ad Al-Aqsa, e tagliare i cavi degli altoparlanti per impedire di parlare con i cittadini.

 

Il corrispondente di WAFA ha riferito che gli scontri sono scoppiati vicino a Bab Al-Silsila all'interno di Al-Aqsa, dopo la fine delle preghiere del Maghrib e dell'Iftar, dopo che l'occupazione ha provocato deliberatamente i fedeli mentre lasciavano la moschea, ha chiuso le porte della colonna e della catena e la strada Al-Wad nella vecchia Gerusalemme e ha impedito ai residenti di entrare nella moschea di Al-Aqsa, e ha attaccato i fedeli prima della chiamata alla preghiera Isha e ha impedito loro di stabilire le preghiere di Tarawih.

Testimoni oculari hanno riferito che le forze di occupazione, presenti nei pressi di Bab Al-Asbat, hanno impedito alle ambulanze di entrare nella moschea, nonché l'arrivo di personale medico per allontanare i feriti.

 

La polizia israeliana ha poi lasciato la moschea ed è questo quello che ha lasciato.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai