Cina-Cuba: Díaz-Canel da Xi a Pechino per rafforzare i legami e rompere il blocco USA

Cina-Cuba: Díaz-Canel da Xi a Pechino per rafforzare i legami  e rompere il blocco USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel si trova a Pechino per un incontro con il suo omologo cinese, Xi Jinping, in cui hanno concordato di rafforzare le relazioni bilaterali tra i due paesi socialisti.

Díaz-Canel, arrivato nella capitale cinese giovedì dalla Turchia, è stato ricevuto nella Grande Sala del Popolo dal Presidente Xi e dopo una cerimonia ufficiale è passato ai colloqui ufficiali.

Il capo di Stato del gigante asiatico ha ricordato che Cuba è stato il primo Paese dell'emisfero occidentale a stabilire relazioni diplomatiche con la nuova Cina.

I legami sino-cubani sono diventati un caso esemplare di solidarietà e cooperazione tra i Paesi socialisti e di sostegno sincero tra i Paesi in via di sviluppo, ha affermato Díaz-Canel. 

Ha sottolineato la sua disponibilità a continuare a lavorare insieme a Cuba per approfondire la fiducia politica reciproca ed espandere la cooperazione pratica, sostenendosi reciprocamente su questioni di interesse comune.

Xi ha parlato di rafforzare il coordinamento e la cooperazione negli affari internazionali, con l'obiettivo di avanzare di pari passo sulla strada della costruzione socialista con caratteristiche proprie e di approfondire costantemente le relazioni sino-cubane nella nuova era. 

Una nuova era segnata dalla forte ascesa della Cina come superpotenza mondiale e leader insieme alla Russia del nuovo mondo multipolare. 

Il presidente cubano Díaz-Canel ha espresso la sua gratitudine per "il cordiale invito a compiere questa visita, la prima da parte di un Capo di Stato dell'America Latina e dei Caraibi dopo il successo del 20° (Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese)".

"Per noi è un'espressione dell'alta priorità e dell'attenzione personale che diamo ai nostri stretti legami di amicizia e cooperazione", ha affermato.

Il leader cubano ha poi fatto riferimento alla difficile situazione economica che Cuba sta attraversando, a causa dell'intensificarsi del blocco illegale imposto dagli Stati Uniti (USA) e degli effetti della pandemia Covid-19.

"Siamo convinti di poter superare tutte queste situazioni (...) Abbiamo anche il sostegno di Paesi amici, come la Cina", ha dichiarato il capo di Stato cubano.

Oltre al presidente Xi Jinping, il presidente cubano avrà colloqui ufficiali con Li Zhanshu, presidente dell'Assemblea Nazionale del Popolo, e con il premier Li Keqiang. È prevista la firma di oltre dieci accordi tra le parti.

Díaz-Canel è in Cina per l'ultima tappa di un tour internazionale iniziato il 16 novembre in Algeria e proseguito in Russia e Turchia.

Riguardo al tour internazionale del presidente cubano, la giornalista Arleen Derivet - conduttrice del celebre programma televisivo cubano ‘Mesa Redonda’ - ha scritto su Cubadebate: “Stavamo partendo dalla Russia per la Turchia quando, all'interno dell'aereo su cui viaggiavamo, i membri più giovani del team Comunicazione del Presidente ci hanno suggerito di filmare il dialogo informale che di solito avviene quando il presidente sgranchisce le gambe, saluta e parla con i suoi accompagnatori. È così che è stata allestita la conferenza stampa improvvisata in cui Díaz-Canel ci ha confessato di sentirsi felice. 

Quando un uomo come lui – onesto, sensibile e profondamente impegnato per le sorti di un Paese assediato – si dichiara felice, è necessario trascrivere i dati per leggerli a fondo, contrapponendo questo nuovo spirito a quello di altri giorni, mesi e anni in cui la domanda non quadrava. Non c'era nemmeno il tempo per farlo.

In quella dichiarazione di gioia si sente un extra, quel qualcosa che tutti attendiamo con più fede che speranza da quando l'aereo dei fratelli venezuelani è decollato sopra l'Avana.

(…) C’è ancora la Cina. Cioè un terzo della popolazione mondiale e un programma di sviluppo che continua a distinguerla da altre nazioni di peso simile.

Non si tratta di un viaggio nella terra di Aladino, alla ricerca di una lampada per esprimere desideri. In ogni tappa del tour, i leader si incontrano, si sbloccano i negoziati, si accelerano i processi, si propongono nuovi accordi di fronte a nuove sfide. Ci sono cose che sono già state scritte, cose che sono già state provate e testate, cose che ora prenderanno la velocità che mancava, ma ci sono altre cose molto nuove che non nascono da un tratto di penna o da un accordo verbale.

Accettare non significa attuare, e perché un accordo tra Paesi sia efficace non bastano le firme. L'aspetto positivo questa volta sembra derivare dall'urgenza che gli impatti di tante crisi collegate nel mondo del nuovo decennio comportano.

Se non è stato detto di più, non si può dedurre di meno. Da José Martí e la Guerra Necessaria a questi lunghi anni di guerra economica sfrenata, "ci sono cose che devono essere nascoste per essere realizzate...". Se questo è sempre stato il caso, perché non lo è ora, quando non si tratta più di uno solo, ma di due Paesi che vengono bloccati, perseguitati, sabotati - in Russia, tra l'altro, tutti paragonano il blocco di Cuba alle politiche di accerchiamento e di pressione che essi stessi cominciano a subire.

Perdonatemi se deludo coloro che vogliono sapere tutto ciò che avremo ma che ancora non hanno. Non lo so nemmeno io.

Ma, mentre i segni concreti dei buoni accordi arrivano sotto forma di prodotti a casa e a tavola, nella nostra vita quotidiana, nei nostri progetti di vita, per sollevarci da blackout e carenze, mi dà speranza pensare che un uomo come Díaz Canel, che da quasi quattro anni sta dando anima e corpo in sforzi ininterrotti per risolvere i problemi dell'intera nazione, può dichiararsi felice solo se sente che questo viaggio è valso la pena”.

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti