Comincia in Italia l'intenso tour europeo del presidente cubano Díaz-Canel

Comincia in Italia l'intenso tour europeo del presidente cubano Díaz-Canel

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Al nostro arrivo a Roma, ricordiamo con emozione e orgoglio i nostri professionisti della salute che hanno lottato nei tempi duri di Covid-19 per salvare vite umane in Italia. La solidarietà e l'amicizia tra i nostri popoli danno forza a 120 anni di relazioni diplomatiche", questo è quanto ha scritto il presidente cubano Díaz-Canel una volta sbarcato in Italia. 

Successivamente al suo arrivo il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, è stato ricevuto in udienza privata da Papa Francesco nell'Aula Paolo VI della Santa Sede.

"È un piacere vederla", ha affermato il leader cubano al Sommo Pontefice stringendogli la mano poco prima dell'inizio dell'incontro, durato circa 37 minuti. "Sono felice che lei sia venuto", ha risposto Sua Santità.

Il dialogo, in cui Díaz-Canel ha espresso la sua soddisfazione nel vedere Papa Francesco ristabilito dopo il recente intervento chirurgico subito, è avvenuto nello stesso luogo in cui il Generale dell'Esercito Raúl Castro Ruz, allora Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, fu ricevuto dal Papa nel 2015.

“È stata una conversazione franca. Abbiamo confermato ampie coincidenze su questioni urgenti dell'agenda internazionale per l'umanità", ha dichiarato il leader cubano sul suo account Twitter ufficiale, poco dopo la conclusione dell'incontro, in cui ha anche sottolineato che "è stata affrontata l'attuale realtà cubana, in particolare il grave impatto sulla nostra popolazione dell'intensificazione del blocco economico".

"Sono stato grato per i vostri segni di vicinanza e di incoraggiamento a favore del nostro Paese", ha affermato il Presidente della Repubblica cubana. Secondo una nota ufficiale diffusa dal Ministero degli Affari Esteri, il leader cubano ha inoltre ribadito la volontà del suo Paese di continuare a rafforzare i legami tra i due Stati, riconoscendo il ruolo attivo del Sommo Pontefice nella ricerca di soluzioni ai gravi problemi che affliggono l'umanità di oggi.

Al termine dell'incontro privato, Sua Santità ha salutato Lis Cuesta Peraza, compagna del Presidente Díaz-Canel, e i membri della delegazione, composta dal membro dell'Ufficio Politico e Ministro degli Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla, da Caridad Diego Bello, responsabile dell'Ufficio Affari Religiosi del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, e da altri rappresentanti del Ministero degli Esteri.

Durante lo scambio di doni, il leader cubano ha detto al Papa che gli sono stati portati "in nome del popolo cubano". Con "infinito rispetto" Díaz-Canel ha presentato due testi della coppia di coniugi, i poeti Cintio Vitier e Fina García Marruz, entrambi cattolici convinti, considerati pilastri della storia culturale cubana, in quanto figure fondanti della migliore tradizione intellettuale di Cuba.

Oltre ai libri di poesia, il Presidente ha consegnato a Sua Santità anche un'opera intitolata "Lector", scritta da Miguel Ángel Martínez Pulgarón, che "trasmette l'amore del popolo cubano per la cultura".

Secondo quanto pubblicato dall'agenzia di stampa EFE, Papa Francesco ha regalato al capo di Stato cubano un'opera d'arte in bronzo, raffigurante una colomba che porta un ramo d'ulivo, con l'iscrizione "Siate messaggeri di pace"; il Messaggio per la Pace di quest'anno; il documento sulla fraternità umana e il libro sulla Statio Orbis del 27 marzo 2020.

Dopo l'incontro con Sua Santità, il Presidente della Repubblica ha incontrato il cardinale Pietro Parolin presso la Segreteria di Stato. A questo proposito, Díaz-Canel ha dichiarato sul suo account Twitter ufficiale: "Siamo d'accordo nel sottolineare con soddisfazione lo sviluppo positivo delle relazioni tra Cuba e la Santa Sede. Ratifichiamo la nostra volontà di continuare a rafforzarle".

Il tour dei Musei Vaticani, che ha incluso la visita alla Cappella Sistina, alla Basilica di San Pietro e alla Cripta dei Papi, è stato estremamente suggestivo per il leader cubano e la sua delegazione.

Le relazioni bilaterali tra Cuba e la Santa Sede, che risalgono al 7 febbraio 1935, sono positive e si basano sul rispetto, sul riconoscimento reciproco e su una diplomazia etica e responsabile, evidenziano i media cubani.

Incontro con imprenditoria italiana

“Non vi siete fermati e avete mantenuto la cooperazione e lo scambio con Cuba”, ha detto Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ai rappresentanti della comunità imprenditoriale italiana.

Il capo di Stato cubano ha tenuto una colazione di lavoro per discutere di ciò che è stato raggiunto nella collaborazione economica tra Cuba e l'Italia e dove si possono fare ulteriori progressi.

"Conosciamo le condizioni in cui avete mantenuto saldamente le relazioni con Cuba; una Cuba più attaccata, più assediata, con un blocco intensificato, con l'inclusione in una lista spuria di Paesi presunti sponsor del turismo - che complica tutto - con l'applicazione del Titolo III della Legge Helms-Burton... e tutto questo danneggia anche voi", ha detto.

Nonostante tutto ciò, siete rimasti al nostro fianco, attraversando difficoltà, compresi i debiti che abbiamo con voi e che affermiamo di voler saldare", ha detto Díaz-Canel, che ha salutato uno ad uno la ventina di imprenditori e imprenditrici che hanno partecipato al pranzo all'inizio dell'incontro.

L'Italia, ha sottolineato il Presidente cubano all'inizio dell'incontro, è il quinto partner commerciale di Cuba. Per questo considera il viaggio odierno molto importante per le relazioni economiche e commerciali e ha sottolineato la volontà dell'Italia di mantenere Cuba come Paese prioritario per la collaborazione. E "i protagonisti di tutto questo siete voi", ha sottolineato il Presidente rivolgendosi alla comunità imprenditoriale locale.

Díaz-Canel, nel sottolineare l'importanza della presenza delle imprese italiane a Cuba, ha anche ricordato che esse partecipano ai principali programmi cubani, "e ci aspettiamo di più", ha detto.

Il Presidente della Maggiore delle Antille ha elogiato il buon funzionamento della Commissione bilaterale d'affari e del Comitato per gli investimenti Italia-Cuba e ha valutato le politiche economiche del Paese per promuovere la presenza di investimenti stranieri, come l'apertura del commercio all'ingrosso e al dettaglio cubano.

Ha annunciato che presto si prevede di consolidare un'attività di questo tipo, e sarà proprio un'azienda italiana presente da anni a Cuba, FARMAVENDA, a farlo, "con reciproca soddisfazione". "Vogliamo che questo business parta bene e cresca", ha aggiunto.

Come ulteriore potenziale per gli investimenti stranieri a Cuba, e in particolare per quelli italiani, il Capo dello Stato ha fatto riferimento ai nuovi attori economici, che sono sempre più presenti nel tessuto economico e imprenditoriale cubano, e con i quali gli investimenti stranieri possono stabilire catene di produzione molto importanti, tra le altre relazioni economiche.

Díaz-Canel ha inoltre ratificato l'invito a partecipare alla prossima Fiera Internazionale dell'Avana (FIHAV-2023).

A Cuba sono accreditati circa cinquanta rappresentanti dell'imprenditoria italiana e diverse imprese della Zona Speciale di Sviluppo di Mariel (ZEDM). 

Il programma di Díaz-Canel

Oltre all'udienza con il pontefice, Díaz-Canel, che viaggia accompagnato dal ministro degli Esteri Bruno Rodríguez e da altri membri del suo gabinetto, domani incontrerà anche il suo omologo italiano, Sergio Mattarella, al Palazzo del Quirinale. 

Il suo programma prevede anche un incontro con Qu Dongyu, Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO).

In un comunicato, il Ministero degli Esteri cubano ha affermato che il presidente parteciperà anche a Parigi al Vertice per un nuovo patto finanziario globale, in qualità di presidente del Gruppo dei 77 (G-77) + Cina.

L'evento, che si svolgerà giovedì e venerdì prossimi, è stato organizzato dal presidente francese Emmanuel Macron.

Díaz-Canel si recherà anche in Serbia nell'ambito del suo tour. "Saranno sicuramente giorni intensi, durante i quali lavoreremo per continuare a promuovere e diversificare i nostri legami nel perseguimento dello sviluppo di Cuba", ha dichiarato il presidente.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti