L'Analisi/Crudeltà fascista contro Cuba: la vera ragione

Crudeltà fascista contro Cuba: la vera ragione

 
Segue articolo di Enrique Román, giornalista, accademico e comunicatore cubano, analista di politica internazionale.

 
Sembra la dichiarazione di un gerarca nazista in pieno svolgimento dei crimini del fascismo tedesco.
 
Il senatore della Florida Rick Scott ha chiesto un blocco navale a Cuba per impedire l'arrivo del petrolio dal Venezuela.
 
Sarebbe una misura insolita. Gli Stati Uniti hanno bloccato Cuba via mare solo due volte: all'inizio della guerra americano-cubana nel 1898, ma fu ridotta a L'Avana, ebbe poche conseguenze e durò poco. La seconda occasione fu durante la cosiddetta crisi di ottobre o missilistica, nel 1962, e fu diretta contro le navi sovietiche, al fine di ispezionarle per vedere se portassero armi nucleari. I sovietici, come è noto, accettarono l'ispezione e il blocco durò alcuni giorni, ma molto tesi.
 
Ora il blocco al petrolio si è esteso molto di più, senza la necessità della propaganda e della selvaggia dichiarazione del senatore Scott.
 
Non copre solo le navi che portano petrolio dal Venezuela, ma preme fortemente le compagnie di navigazione di tutto il mondo e gli assicuratori importanti e inevitabili, al fine di rendere così l'economia cubana: Cioè, ai bisogni minimi e vitali del popolo cubano.
 
Oggi, a causa della fragilità della linea di approvvigionamento di combustibile importato, a causa della persecuzione in corso, Cuba subisce alcune settimane di interruzione della fornitura di gasolio e difficoltà con altri combustibili. Le lunghe file alle stazioni di servizio e alle fermate degli autobus sono immagini che hanno girato il mondo in questi giorni, senza che i grandi media occidentali spiegassero il vero motivo della carenza temporanea.
 
Ma una misura come quella proposta da Scott, applicata a qualsiasi importazione di petrolio, significherebbe molto di più, ad esempio, l'interruzione dei servizi ospedalieri o una riduzione considerevole di questi, dannosi e persino fatali per donne, uomini e bambini della città, bisognosi di loro.
 
“Il Presidente ha lanciato l'idea di un embargo completo su Cuba. Sono assolutamente d'accordo con lui. Dobbiamo agire ORA per capitalizzare la debolezza di Maduro e il suo regime brutale. Passa a Cuba e taglieremo le forze politiche che sostengono il genocidio in Venezuela ", ha detto esattamente.
 
Ho letto correttamente o ha parlato di genocidio da parte del governo bolivariano?
 
Come quindi qualificare le intenzioni del senatore Scott? Le loro conseguenze, la privazione del cibo, del movimento economico, dei servizi essenziali per la sopravvivenza umana, sono o non sono un genocidio?
 
È o non è il fascismo, il più comune e volgare?
 
Cronologia dell'escalation anticubana
 
Ma le dichiarazioni non sono un evento isolato. La giornalista Rosy Amaro, del canale Cubavisión Internacional, ha raccolto una catena di eventi che ci mostrano il corso pericoloso della politica americana contro il popolo di Cuba:
 
  • “Il 10 dicembre 2018, il servizio di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti annuncia la chiusura dei suoi servizi a L'Avana, con i conseguenti effetti per le famiglie cubane residenti sia nel Nord America che a Cuba.
  • “Il 15 marzo 2019, il governo degli Stati Uniti ha annunciato la modifica della consegna ai cubani dei visti B2 (per turismo e visite della famiglia, tra le altre funzioni), che sono ridotti a un unico ingresso valido per tre mesi.
  • “Il 5 e 12 aprile 2019 hanno imposto sanzioni contro le navi legate al settore petrolifero venezuelano che trasportano greggio a Cuba.
  • “L'8 aprile 2019 è stato divulgato che il governo degli Stati Uniti ha ordinato la cancellazione di un accordo storico raggiunto tra la Major League Baseball degli Stati Uniti e la Federazione cubana di disciplina.
  • "Il 17 aprile 2019, l'amministrazione Trump ha annunciato la successiva attivazione del titolo III della legge Helms-Burton, che consente di intentare azioni legali nei confronti di individui ed entità che investono in proprietà nazionalizzate a Cuba, e annuncia che nuove restrizioni sui viaggi a scopo educativo e invio di rimesse sull'isola.
  • “Il 2 maggio 2019, viene attivato il Titolo III dell'Helms-Burton Act e le prime cause legali sotto quella voce legislativa vengono presentate nello stato meridionale della Florida.
  • “Il 4 giugno 2019, l'amministrazione Trump annuncia che, dal giorno successivo, i viaggi educativi di gruppo in città vengono sospesi e proibisce alle imbarcazioni da diporto e passeggeri, tra cui crociere e yacht, e gli aerei privati ??di recarsi sull'isola.
  • “Il 3 luglio 2019, il governo degli Stati Uniti ha inserito nel suo elenco unilaterale di entità sanzionate da legami con il Venezuela con la società cubana Cubametales, al fine di colpire l'importazione di petrolio dal paese sudamericano. 3 giorni dopo, gli Stati Uniti hanno annunciato restrizioni ai visti contro i funzionari cubani legati alle missioni mediche dell'isola all'estero, uno dei più importanti programmi di solidarietà nel paese dei Caraibi.
  • "I campioni più recenti di questa rinascita del blocco degli Stati Uniti contro Cuba corrispondono allo scorso 9 settembre, quando l'amministrazione Trump ha imposto un limite di mille dollari al trimestre alle rimesse che una persona può inviare da questo paese a Cuba ed elimina un permesso che consentiva il completamento delle transazioni di investimento bancarie U-turn."
 
Alcuni giorni fa, inoltre, due funzionari della missione cubana presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite sono stati espulsi dagli Stati Uniti e i movimenti di personale di questa rappresentazione erano severamente limitati all'isola di Manhattan.
 
Ignorando il ripudio mondiale
 
In questo scenario, un repertorio delirante di crudeltà e abusi, Cuba presenterà presto, ancora una volta, all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il progetto di risoluzione che chiede la condanna del blocco USA, il più lungo a cui è stato applicato qualsiasi paese. Indubbiamente, gli Stati Uniti saranno lasciati soli prima del ripudio della comunità mondiale, solo accompagnati dal suo sodale Israele, che non perdona mai Cuba per il suo irrisolto sostegno alla causa palestinese.
 
E come nella storia di quasi tre decenni di voto quasi unanime contro il blocco, con solo una breve pausa durante l'ultimo anno dell'amministrazione Barack Obama, gli Stati Uniti non terranno conto delle affermazioni del mondo.
 
Molto di più con l'amministrazione Trump, che ripudia le procedure multilaterali, rivendicando "l'eccezionalità" statunitense, razzista e fascista.
 
E se Cuba continua, se Cuba rimarrà in piedi, se i leader dell'anti-Castroismo in Florida sanno che non hanno alcuna possibilità di promuovere un sorprendente cambio di governo, perché questo incremento di crudeltà e criminalità?
 
Ragioni semplici e crudeli
 
No, non è per la missione messianica degli Stati Uniti come difensore della democrazia e dei diritti umani. Ignorate questa tragica battuta.
 
Il lettore si prepari per la risposta: Trump, che non è affatto interessato all'America Latina, ha bisogno dei voti della Florida, dei settori cavernicoli della popolazione cubana e venezuelana residente lì, per le elezioni del prossimo anno, in cui lo stato meridionale fornisce molti voti elettorali ed è stato persino decisivo in alcune elezioni, come quella che ha affrontato George W. Bush con il democratico Al Gore.
 
È così semplice, non cercate oltre. Non lasciare che il numero di alberi che sono eventi quotidiani che si verificano intorno a questa politica omicida, ti impediscano di vedere la vera foresta. La vera e unica intenzione del presidente narcisista, costi quel che costi al popolo cubano.
 
È, purtroppo, il mondo in cui viviamo, al tempo di Donald Trump.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa